Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | La Mercedes F1 ha inferto un “colpo schiacciante” quando il rimbalzo è tornato dopo Barcellona

All’inizio di quest’anno, durante il Gran Premio di Spagna, la Mercedes F1 ha apportato la sua prima grande modifica alla sua vettura W13 con l’obiettivo di fermare il fenomeno del rimbalzo, che poi l’ha molto infastidita e impedito le prestazioni.

Con George Russell e Lewis Hamilton al terzo e quinto posto a Barcellona, ​​la squadra tedesca aveva quindi grandi speranze di superare la loro più grande paura già nel 2022 e di poter pensare di nuovo ai titoli mondiali.

Solo che nelle successive due gare disputate a Monaco e Baku, il rimbalzo è tornato di più e la Mercedes F1 ha capito che aveva ancora molto da fare. Inoltre, l’allenatore Mike Elliott invoca un fatto “sciopero collettivo” Dopo queste due complesse prove.

“Non abbiamo potuto vedere alcun problema in macchina a causa del rimbalzo”, ha detto. ha detto Elliott.

“Il rimbalzo aveva il controllo di tutto. Una volta che ce ne siamo sbarazzati a Barcellona, ​​abbiamo pensato, ‘Stiamo andando nella giusta direzione’, prima di avere colpi alla testa con un club. Dalle prossime due gare”.

“Poi sbuccia il prossimo strato di cipolle, più o meno, e poi scopri un altro problema. E in questo caso, quello che è stato costruito in macchina durante l’inverno. Finalmente sta andando nella giusta direzione, ma cancella tutti gli errori , avremo bisogno di un altro inverno”.

Se la Mercedes F1 non è in grado di risolvere i suoi problemi più rapidamente quest’anno, Elliott crede che sia dovuto alla mancanza di test per i team durante il fine settimana del Gran Premio, poiché sono costretti a concentrarsi rapidamente sulle corse.

“Abbiamo un bel po’ di test, ci sono solo due ore il venerdì prima di iniziare a lavorare sulla gara nel fine settimana. E abbiamo bisogno di tempo per imparare”.

READ  Romelu Lukaku otterrà un accordo con l'Inter!

“Dopo Baku, abbiamo scoperto un nuovo problema. Poi abbiamo ricontrollato i dati e le nostre simulazioni e alla fine abbiamo trovato qualcosa, ma poi hai avuto solo poco tempo per testarlo. È un problema aerodinamico e ci vuole tempo per risolverlo”.