Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 2022 – La vittoria di Verstappen alla Red Bull: Newey, Marko, Vermeulen, Schmitz, Lambiase

Adrian Newey: Il cervello

Non abbiamo più bisogno di dare un curriculum all’ingegnere inglese poiché il suo braccio ha avuto lo stesso successo di Williams e McLaren prima che il suo genio creativo parlasse alla Red Bull Racing.

Guarda un intero anno di sport ed eventi su Eurosport per € 69,99

Formula 1

Red Bull prende fiato: la FIA rileva una violazione ‘minore’ del prezzo di bilancio

un’ora fa

L’ingegnere più prolifico nella storia della Formula 1 è stato il migliore nel negoziare il ritorno delle macchine a impatto al suolo nel 2022, e la sua umiltà lo ha portato a dire inizialmente che la sua RB18 non aveva un “Non c’è una vera debolezza”. Da allora, sono diventato il migliore in tutto.

E se non l’ha creato appositamente per Max Verstappen, ha corretto la direzione del sottosquadro che il pilota odiava per permettergli di attaccare nelle curve lente. Sa anche che non va tutto bene per Super Max, che si rifiuta di guidare con il nuovo pavimento.

Adrian Newey (Red Bull) al Gran Premio d’Olanda 2022

Credito: Getty Images

Christian Horner: Team Manager

Protegge Max Verstappen come faceva una volta Sebastian Vettel, con la stessa malafede. Organizzandosi attorno a un pilota olandese, Sergio Perez è solo un cliente, ma è un tabù. Odia soprattutto l’ingerenza di Jose Verstappen nel suo lavoro come a Monaco, dove il messicano ha approfittato della strategia disastrosa della Ferrari per vincere. Papa Verstappen ha ritenuto che la squadra avrebbe dovuto preferire suo figlio come numero 1, e questo ha fatto arrabbiare un po’ l’inglese. “Non è una gara di Verstappen, è una gara della Red Bull.”, rispose seccamente. Mentre afferma che “non importa quale dei due sia il campione del mondo; che si tratti di Checo o Max, sono entrambi un pilota Red Bull”.

Christian Horner lascia a Sergio Perez l’opportunità di non essere scoraggiato dal suo ruolo di negazione perché il secondo uomo frustrato non giova al suo capitano.

Christian Horner e Max Verstappen (Red Bull) al Gran Premio d’Olanda 2022

Credito: Getty Images

Helmut Marko: Parafulmine

Senza dubbio Max era cattivo o era colpa sua! Questo non è vero o ha una scusa. Il 78enne austriaco ne ha uno pronto per tutte le occasioni, proteggendo il suo pilota dai dubbi e dalle menti critiche di cui si occupa personalmente.

È di alta qualità: sa quanto devi supportare un pilota e lo fa meglio di chiunque altro in pista. La sua aura di ex pilota di Formula 1 e vincitore della 24 Ore di Le Mans (1971) lo fa ascoltare e rispettarlo, anche quando esagera. Secondo una buona strategia di comunicazione: inonda i media con le notizie di squadra e trova qualcuno con cui parlare per trasmettere i suoi giudizi soggettivi.

Max Verstappen, Adrian Newey e Helmut Marko (Red Bull) al Gran Premio del Giappone 2022

Credito: Getty Images

Raymond Vermeulen: l’agente

“Le corse sono sempre state la priorità numero uno con Verstappen, cerchiamo di rendere tutto il migliore possibile per questo”spiega l’imprenditore, che conosce bene il clan Verstappen perché era il manager del padre, Jos, in Formula 1. Grazie a questo rapporto di fiducia, ha negoziato ad inizio 2022 il nuovo contratto per il campione del mondo, per un periodo di cinque stagioni, fino al 2028 compreso.

A differenza del piano salariale del pilota, sviluppa il lavoro attorno al pilota e gestisce la sua immagine, che va di pari passo. “Misuriamo tutto e vediamo, ad esempio, sulla nostra piattaforma verstappen.com che molte persone da tutto il mondo stanno acquistando i nostri prodotti”, ha spiegato a The Race anche prima della finale di Abu Dhabi del 2021. Per questo interesse “, abbiamo assunto persone per mappare i mercati e aiutarci a renderli mercati più grandi. La crescita del mercato nordamericano è sorprendente in termini di vendite”.

Questo appeal commerciale è il risultato dei risultati sportivi e dell’immagine del pilota plasmata dalla serie Netflix, che la rende la più popolare tra i giovani. Quindi Max Verstappen non ha esitato a infrangere nuovamente i codici rifiutandosi di partecipare alla serie nel 2021.

Raymond Vermeulen, manager di Max Verstappen (Red Bull) al Gran Premio del Belgio 2022

Credito: Getty Images

Jos Verstappen: padre e insegnante

L’ex pilota Benetton e Arrows ha avuto un “piccolo” successo in pista come suo “progetto di vita” dai tempi del kart. Lo aveva cresciuto nel modo più duro e lo aveva sempre protetto con una dose di cattiva volontà come pensava, e ora non sarebbe cambiato. Ha veri nodi con Christian Horner e Helmut Marko, che prende regolarmente per spingerli a favorire suo figlio. Non sappiamo se sia conclusivo, ma Max trova il suo account.

Nota: aggiungerò che Max ha guidato con l’elmo di Zandvoort e l’ha sfilato.

Gus e Max Verstappen (Red Bull) al Gran Premio di Abu Dhabi 2021

Credito: Getty Images

Gianpiru Lambiasi: Ingegnere di corse

“Gli ho detto che avrei lavorato solo con lui. Una volta che si ferma, mi fermo anche io” : Questo avvertimento sotto forma di apprezzamento di Max Verstappen la dice lunga sul rapporto che ha avuto con il tecnico italiano sin dal primo giorno alla Red Bull, nel 2016. La coppia è un po’ come la fusione che ha legato Michael Schumacher a Ross Brawn al Benetton e Ferrari, o tra Lewis Hamilton e Peter Bonnington alla Mercedes.

Quando Guillaume Rocquelin ha lasciato la carica di capo ingegnere operativo (colui che determina le regolazioni) per i singoli posti in pista ad inizio stagione, lo scorso aprile, Gianpiero Lambiase ha accettato l’incarico, senza rinunciare alla vettura del Batavian. . Abbiamo aggiornato Gianbero senza toccare l’organigramma per motivi di efficienza”, ha spiegato il capo della Red Bull Racing Christian Horner.

Il risultato: il clan Verstappen aveva il controllo completo delle opzioni tecniche per il fine settimana. Comprese ovviamente le auto di Sergio Perez.

Christian Horner e Gianpiero Lambiasi (Red Bull) al Gran Premio del Giappone 2022

Credito: Getty Images

Hannah Schmitz: capo stratega

Il suo “input” è ottimo ed è stata vista soprattutto durante il Gran Premio d’Ungheria, dove ha pianificato l’inevitabile ascesa del Super Max dal 10° al 1° posto. “Non possiamo permetterci troppi errori.Vincitore rivelato. Oggi penso che Hannah fosse incredibilmente calma. Sì, è stato eccellente! “

Hannah Schmitz non è stata infastidita dal ritmo super veloce della Ferrari quel giorno e ha fatto le giuste scelte di pneumatici al momento giusto.

È anche lei che invia “Checo” Pérez a un’indagine per testare un tipo di pneumatico, solo per valutare il pericolo per Max. Subdolo quanto efficace!

Si sente anche più vicina a Verstappen che a Pérez per un motivo: è naturalmente interessato al suo campo. “Perez vuole sapere molto sulla velocità degli altri e sull’usura delle gommelei spiegò. Max è molto bravo a chattare per capire gli scenari di gara”. L’abbiamo notato, come dice Marco “Perez” e “Max”. L’olandese conta di sapere con quali gomme comincerà il Gran Premio in caso di dubbi.

Hana Schmitz (Red Bull) al Gran Premio d’Ungheria 2022

Credito: Getty Images

Gran Premio del Giappone

“Un nuovo inizio, una storia molto bella”: Gasly sta già volando con le Alpi

10/08/2022 alle 06:08

Gran Premio del Giappone

3 Gratuito: Verstappen

10/08/2022 alle 04:17

READ  Voci recenti di trasferimento 08/10: Sanchez - Raman - Sambi Lukonga - Denis - Chorlinov - Alo