Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

FIQ chiede legge sui rapporti di sicurezza

Infermiere frustrate, uso arbitrario degli straordinari forzati, naufragio: la Federazione internazionale degli infermieri del Quebec (FIQ) ha dipinto un quadro cupo dello stato attuale della rete sanitaria del Quebec al momento delle sue richieste di elezioni di sabato. Questo è il motivo per cui chiede una legge sui rapporti sicuri per professionisti/pazienti una volta che il prossimo governo prenderà il sopravvento.

In una conferenza stampa a Sagueni, il capo della FIQ Julie Bouchard non ha esitato a definire “essenziale” la rapida adozione di una legge del genere, che garantirebbe una squadra in ogni momento. Un gruppo di pazienti con bisogni simili.

“Non possiamo più lasciare così tanti pazienti alle cure di così pochi infermieri e assistenti infermieristici, non importa se si tratta di CHSLD, ospedali, centri giovanili o CSLC”, ha affermato la signorina Bouchard.

Dobbiamo avere un governo che si assuma davvero la responsabilità e la attui il più rapidamente possibile. Questa è la soluzione, per noi del sindacato, che garantisce condizioni di lavoro minime, ma ripristina anche la professione. »

Secondo la FIQ, l’adozione di una legge sui rapporti di sicurezza sarebbe la misura strutturale più efficace per incoraggiare gli infermieri ad entrare – o rimanere – nella rete pubblica.

Il sindacato, che conta 76.000 iscritti, ritiene che questa soluzione ridurrà al tempo stesso il ricorso allo straordinario obbligatorio e semplificherà la vita degli infermieri in equilibrio tra lavoro e famiglia.

“Gli operatori sanitari sono in difficoltà, stanchi, frustrati, ma nonostante tutto sono ancora lì. Quindi non dobbiamo deluderli, dobbiamo prenderci cura di loro. Attraverso la legge delle proporzioni, ridurremo il carico di lavoro, ma lo faremo creare anche attrattiva e fidelizzazione tra gli operatori sanitari. »

READ  Le briques de la vie peuvent se ex dans l'espace

TSO.. scende

L’Unione islamica irachena ha condotto a lungo una campagna per abolire gli straordinari obbligatori, quindi non sorprende vedere che questo requisito è anche una delle sue “richieste” ai partiti politici durante la campagna.

Ma il sindacato lancia un appello più ampio a migliorare tutte le condizioni di lavoro nella rete sanitaria, nonché a porre fine all’uso del lavoro autonomo.

“Ci siamo ritrovati con condizioni di lavoro spaventose per coloro che sono fedeli alla rete pubblica, rispetto alle agenzie di personale che offrono non solo condizioni migliori, ma anche salari migliori”.

Questo fenomeno deve cessare. È un cancro per la rete sanitaria”, ha deplorato la signora Bouchard.

FIQ vuole anche vedere lo sviluppo di posti nei servizi di educazione della prima infanzia, impegni nella lotta al razzismo sistemico, nonché misure d’azione contro il cambiamento climatico.

“Vieni a vedere lo stato pietoso di Grid.”

All’inizio della campagna elettorale domenica, il presidente del sindacato ha invitato tutti i candidati, di tutti i partiti, a visitare le istituzioni sanitarie per comprendere meglio le richieste del suo sindacato.

Secondo lei, i politici potranno conoscere lo stato “sfortunato” della rete e la necessità di apportare cambiamenti per i politici solo incontrando operatori sanitari che lavorano duramente sul campo.

“Basta lasciare che la rete sanitaria crolli in questo modo e non tenere conto degli operatori sanitari che vi prestano assistenza ogni giorno, a spese delle loro famiglie, ma anche della loro salute fisica e psichica. A prescindere dalla festa, noi siamo invitando tutti i candidati a fare della salute una priorità durante la campagna elettorale’, ha affermato la signora Bouchard.

Vediamo nel video