Cultura e Spettacolo Salerno

Festa della Colatura di Alici, 4 i premiati

colatura

Con la premiazione dei vincitori del contest culinario “Premio Ezio Falcone” si è conclusa la “Festa della Colatura di Alici”.

Una gara tra appassionati di cucina, dedicata alla figura del professore campano, grande studioso di tradizioni gastronomiche della Costa d’Amalfi, scomparso nel 2011. Una giornata saporitissima presentata dalla giovane Francesca Faratro.

A valutare i piatti dei giurati sono stati gli chef stellati Cristian Torsiello e Peppe Guida, lo chef Franco Tammaro, Albert Sapere, Barbara Guerra (food writers ed organizzatori di Lsdm) e la giornalista Antonella Petitti.

Un emozionatissimo Emmanuele Ferroro di Salerno si è aggiudicato il prestigioso “Premio Ezio Falcone” con le “Linguine all’Amalfitana 2.0”, un piatto estremamente semplice ma profondamente gustoso.

Mario Argentino ha vinto invece il Premio Creatività grazie a “Sua Maestà la Sfogliatella”.

Sabrina Gasparri e Cinzia Martellini del gruppo foodblogger de “Il calendario del cibo italiano” hanno ottenuto, con la loro pasta fresca dal titolo “let it snow”, il riconoscimento per l’aderenza al tema di quest’anno “Colatura di alici di Cetara 2.0, tra tradizione e Innovazione” .

La manifestazione ha visto una nutrita partecipazione di pubblico composto da imprenditori, giornalisti, pescatori ed armatori di Cetara, esperti e cultori della gastronomia locale.

Molto intenso l’intervento di  Rita Lucantoni, moglie di Falcone, commossa nell’assegnare personalmente il Premio in ceramica del maestro Enzo Santoriello,  come sono stati molto apprezzati gli interventi del giornalista Alfonso Sarno che ha presentato il libro “Note di Cucina Salernitana” e di Roberto Pellecchia, autore de “Le 100 Spiagge della costiera Amalfitana”.

Un plauso agli chef dei ristoranti di Cetara (Al convento, La Cianciola, San Pietro, Alici come prima, La Torretta, Pan e Coccos e Cetaria di Baronissi) che hanno preparato per un delicatissimo menù per tutti i presenti e tutte le aziende che hanno sostenuto la manifestazione mettendo in tavola i sapori della nostra terra  (Pastificio Antonio Amato, le aziende ittiche Iasa, Nettuno, Delfino, l’azienda di limoncello Agrocetus) con pregiati vini delle cantine locali (Ragis, Trignano, Ettore Sammarco).

Tutte le ricette sono pubblicate sul portale “Cetara Turistica.

 «Una giornata trascorsa all’insegna del gusto per evidenziare l’importanza del legame tra cibo e territorio: un connubio inscindibile per chi vuole mantenere vive le proprie tradizioni» ha dichiarato l’assessore Angela Speranza.

La giornata è proseguita con la tavola rotonda, presso la Sala “M. Benincasa”, sul tema “Storia, Territorio e Dop, qualità per condividere una strategia d’insieme” moderata da Mario Amodio. All’evento hanno preso parte:

  • Secondo Squizzato, presidente del Comitato Scientifico dell’associazione per la valorizzazione per la colatura Dop;
  • Vincenzo Peretti dell’Università Federico II;
  • Filippo Diasco, direttore generale del Settore Agricoltura e Pesca Regione Campania;
  • Franco Picarone, presidente commissione bilancio Regione Campania;
  • Tristano Dello Joio, presidente del Parco regionale dei Monti Lattari;
  • Piero De Luca, membro segreteria regionale Pd;
  • Fortunato Della Monica, Sindaco di Cetara.

Presenti tutti i sindaci della Costiera. Il programma si è concluso con l’inaugurazione della mostra di pittura “Cetara, il gusto del mare” a cura di Matteo Corelli, presso la Torre Vicereale. L’esposizione sarà aperta al pubblico fino a domenica 7 gennaio, ogni giovedì e venerdì dalle 10 alle 13 e il sabato dalle 17 alle 20.

[comunicato stampa]

Scopri l'Autore

laRedazione

laRedazione

Account ufficiale de laRedazione.

Aggiungi un commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: