Novembre 30, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Facebook e Instagram all’orizzonte: 40 stati Usa denunciano Meta perché assediava “i giovani per fare profitti”

Facebook e Instagram all’orizzonte: 40 stati Usa denunciano Meta perché assediava “i giovani per fare profitti”

Già nel mirino della giustizia, il gigante dei social media Meta è stato preso di mira martedì da cause legali da 40 stati degli Stati Uniti che accusano le sue app Facebook e Instagram di danneggiare “La salute mentale e fisica dei giovani“.”Meta Company ha sfruttato tecniche potenti e senza precedenti per attirare (…) giovani e adolescenti e, infine, intrappolarli al fine di generare profitti.“, hanno affermato i pubblici ministeri nell’introduzione alla denuncia depositata in un tribunale della California.

Gli stati, democratici e repubblicani, affermano che il gruppo californiano ha “Il modo in cui queste piattaforme (Facebook e Instagram, ndr) sfruttano e manipolano i consumatori più vulnerabili li ha nascosti“, e altri”I danni gravi sono stati trascurati“che è successo”La salute mentale e fisica dei giovani del nostro Paese“.

Questa azione legale rappresenta il culmine di indagini condotte nell’arco di due anni sulle modalità di utilizzo delle due piattaforme, considerate “Crea dipendenza“Dalle autorità.

Dobbiamo proteggere i nostri figli

Gli stati si sono mobilitati nell’autunno del 2021 dopo che un ex dipendente di Facebook ha lanciato l’allarme sulle pratiche passate della sua azienda. L’ingegnere Frances Haugen ha fatto trapelare più di 20.000 pagine di documenti interni, insistendo davanti a vari parlamenti sul fatto che il colosso dei social media antepone i profitti alla sicurezza dei suoi utenti.

Secondo la denuncia di martedì, le funzionalità di Facebook e Instagram sono progettate per “Manipolare gli utenti giovani, al fine di indurli a utilizzare le piattaforme in modo compulsivo e per un lungo periodo“.

READ  Tutti i nuovi modelli Renault previsti per il 2023

I ricorrenti accusano inoltre Meta di aver mentito al pubblico (affermando che i suoi prodotti erano sicuri e adatti agli adolescenti) e di “Pubblicazione di rapporti fuorvianti

Sebbene il Congresso non riesca da anni a trovare un accordo su leggi per regolamentare meglio i giganti dell’informatica, sia in materia di abuso di posizione dominante che di tutela dei consumatori, la questione dei bambini tende ad unire i rappresentanti eletti dei due principali partiti politici. “Con il procedimento legale odierno tracciamo una linea che non deve essere oltrepassataIl procuratore generale della California Rob Bonta ha affermato in una nota.Dobbiamo proteggere i nostri figli e non ci tireremo indietro in questa lotta“.

La denuncia di martedì accusa Meta anche di aver violato la legge sulla privacy dei bambini. Gli stati chiedono ai tribunali di costringere Meta a porre fine alle sue pratiche e gli chiedono di pagare multe.

Sono in corso altri casi intentati congiuntamente da diversi Stati contro le società Big Tech, in particolare per quanto riguarda questioni di monopolio.

Metareazione

Meta ha detto in una chiamata con l’Agence France-Presse:Sono deluso dal fatto che i pubblici ministeri abbiano scelto questa strada piuttosto che lavorare in modo produttivo con le aziende del settore per creare standard chiari e adeguati all’età per le numerose app utilizzate dagli adolescenti.“.”Condividiamo l’impegno del Procuratore Generale nel fornire esperienze online sicure e positive agli adolescenti e abbiamo già introdotto più di 30 strumenti per supportare gli adolescenti e le loro famiglie.“, ha confermato il portavoce del gruppo.

READ  Legoland può ancora cancellare una visita a Charleroi? Il ministro dell'Economia vallone risponde alla domanda (video)