fbpx
Cava de' Tirreni EVIDENZA

Riqualificazione ex Acismom in attesa degli alloggi popolari

alloggi popolari

Cava de’ Tirreni. Riqualificazione Ex Acismom in attesa degli alloggi popolari.

Ormai a un passo dallo smantellamento di tutti i campi containers, e in attesa che si sblocchi la situazione in sospeso degli alloggi di edilizia popolare in via Luigi Ferrara, a Pregiato, si cercano alternative e soluzioni temporaneo per poter sistemare quanti, negli ultimi mesi, hanno lasciato i prefabbricati post terremoto e si sono finalmente visti assegnare un’abitazione. Così, dallo scorso febbraio, l’Amministrazione ha messo mano agli alloggi già disponibili presso i locali dell’ex Acismom di via Pasquale Santoriello, sempre a Pregiato, e adesso investe ulteriori fondi per una riqualificazione totale delle strutture atte ad ospitare in maniera provvisoria quanti, negli anni, hanno fatto richiesta di un alloggio comunale.
Da Palazzo di Città, infatti, è stata disposta un’ulteriore spesa – di circa 35 mila euro – per una serie di lavori suppletivi alle strutture già riqualificate lo scorso anno ma ancora incomplete per l’urgenza di consegnare gli alloggi agli aventi diritto. Una cifra, questa, che va ad aggiungersi ai già 250 mila euro spesi per l’adattamento dei locali ex Acismon e che servirà, in particolare, per interventi di adeguamento esterni.
Previsto, infatti, il risanamento delle parti aggettanti in cemento armato delle coperture, il raschiamento delle facciate con tinteggiatura e stesura di manto isolante, la realizzazione di un marciapiede. Ad integrazione dell’attuale illuminazione esterna, inoltre, saranno posati sette pali di luce, sarà realizzato l’impianto di TV centralizzato, a servizio degli alloggi, completo di tutti gli accessori necessari per il suo funzionamento e tutti i vani porta saranno dotato di infisso completo di vetro isolante, serratura e maniglione antipanico.
Si tratta, però, di un intervento “tampone” volto a rendere maggiormente vivibili gli alloggi temporanei di via Sorrentino, in attesa che arrivino dalla Regione Campania i fondi necessari per portare a compimento il terzo lotto di alloggi popolari in via Luigi Ferrara, fermo ormai al palo da tempo dopo che la ditta appaltatrice aveva richiesto all’Amministrazione una serie di integrazioni per risolvere i problemi di realizzazione (infiltrazioni, allagamenti, umidità) riscontrati dagli inquilini che già occupavano i lotti precedenti. Da qui il contenzioso tra la ditta e il Comune che, a quanto pare, per il momento sembra essersi risolto con un compromesso in attesa delle disponibilità economiche per poter riprendere i lavori ed ultimarli in tempo utile per la consegna.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi