Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Esperti russi esprimono preoccupazione per la svolta della guerra in Ucraina

Mentre gli abitanti di Kherson stanno ancora festeggiando la liberazione della loro città, la reputazione di Putin si sta sempre più deteriorando in Russia. Evitando l’umiliazione di un gelido benvenuto, Putin ha preferito non partecipare al vertice del G-20 appena conclusosi in Indonesia. Questa decisione mostra quanto sia isolato il presidente russo nell’arena internazionale. Di recente, India e Cina in particolare hanno espresso il desiderio di porre fine alla guerra in Ucraina. Anche la Corea del Nord sembra prendere le distanze dal Cremlino. Questa unità comincia a farsi sentire in Russia e preoccupa alcuni esperti russi che indicano una crescente rabbia da parte del popolo russo.

Putin è assente dal vertice del G20: “Al vertice dovete rilasciare interviste ed essere fotografati. Lì, con chi parlerà?”

Queste paure erano l’argomento principale del famoso programma televisivo del pubblicista Vladimir Solovyov. Il conduttore russo, noto per le sue dichiarazioni stravaganti sulla guerra in Ucraina, ha cercato di suscitare discussioni su come le autorità possano ripristinare la fiducia della gente dopo il ritiro delle forze russe da diverse città ucraine. Ma presto lo spettacolo ha preso una piega diversa. Il quotidiano belga ultime notizie Così, rivela che gli ospiti del talk show hanno parlato di una possibile rivolta del popolo russo. In particolare, il professor Dmitry Evstiev, dell’HSE Mosca, ha affermato che la pazienza delle persone non è illimitata e che il Paese deve ottenere più successi militari per salvare la faccia. “Non pensiamo che la pazienza della società sia illimitata, prima o poi si esaurirà”.

Screenshot dal programma “Russian Media Monitor”. © Youtube

Anche il presentatore russo Tigran Keosayan ha condiviso i suoi sentimenti sulla situazione. “C’è irritazione. Questa irritazione e rabbia è simile ai sentimenti sorti nel 1916 e questi sentimenti dovrebbero essere evitati”. Preoccupato per il ruolo che i mass media potevano svolgere nella mente del popolo russo, gli fece capire che la situazione attuale era simile a quella del 1916, prima della nascita della Rivoluzione bolscevica.

READ  #columbianchemicals, così è stata trasmessa negli USA la prima fake news russa

Nel frattempo, gli altri ospiti più ottimisti hanno affermato che la Russia non dovrebbe essere turbata. Pertanto, il coordinatore, Vladimir Solovyov, ha reindirizzato la discussione sulla strategia militare da adottare prima di annunciarlo La Russia deve vincere la sua guerra contro la NATO e sabotatori, terroristi, traditori e disertori devono essere giustiziati.