Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Esenzione medica di Djokovic agli Australian Open: il presidente del torneo esorta il serbo a chiarire

Craig Tiley insiste sul fatto che il seme numero 1 al mondo non ha ricevuto un trattamento preferenziale, ma vuole che quest’ultimo riveli il motivo della sua esenzione per porre fine alla controversia.

Tempo di lettura: 3 minuti

ilIl direttore dell’Australian Open Craig Tilly mercoledì ha esortato Novak Djokovic a rivelare il motivo dell'”esenzione medica” che gli avrebbe permesso di prendere parte al primo Grande Slam di quest’anno, senza mai dire se fosse stato vaccinato contro il Covid-19.

“Sarebbe certamente utile se Novak spiegasse le condizioni in base alle quali si richiede un’esenzione”, ha detto ai giornalisti Tilley, che è anche il capo della Federazione australiana.

“Lo incoraggio a parlarne con la comunità… Abbiamo avuto un momento molto difficile negli ultimi due anni e apprezzerei alcune delle risposte su questo”, ha aggiunto.

Ma l’allenatore di tennis australiano ha affermato che il numero uno mondiale non ha ricevuto alcun trattamento preferenziale per ottenere questa esenzione, durante un processo supervisionato dalle autorità statali australiane e del Victoria. Ha rivelato che 26 giocatori o membri dell’equipaggio, sui 3.000 circa che hanno fatto il viaggio in Australia, avevano chiesto un’esenzione e solo pochi erano soddisfatti.

Possono entrare tutti coloro che soddisfano le condizioni. Non c’era nessun favore speciale. Tilly ha insistito sul fatto che non avrebbe ricevuto alcun trattamento speciale per Novak.

Il serbo Novak Djokovic, vincitore di 20 campionati importanti, come Roger Federer e Rafael Nadal, cerca il 21esimo titolo record a Melbourne. L’Australian Open, che inizia il 17 gennaio, è il suo preferito: a Melbourne il serbo ha vinto il suo primo major (2008), e nessuno ha vinto così tanto (nove).

Per mesi, Nol ha messo in dubbio la sua partecipazione al primo grande torneo dell’anno, a causa dei giocatori che devono essere vaccinati contro il Covid-19 per entrare in Australia e poter competere nel torneo.

Martedì è stato finalmente annunciato che gli era stata concessa una “esenzione medica” che gli permetteva di fare il viaggio. La Federazione australiana ha fatto ricorso al segreto medico per non giustificare tale esenzione.

L’annuncio in particolare ha suscitato reazioni negative da parte di alcuni giocatori che hanno denunciato i doppi standard, o in alcuni titoli australiani, in un Paese dove le misure anti-Covid-19 sono state particolarmente stringenti.

Novak Djokovic non ha mai parlato del suo stato di vaccinazione e ha parlato nell’aprile 2020 contro la vaccinazione obbligatoria, quindi prevede di consentire la ripresa dei tornei nonostante la pandemia di Covid-19.

READ  Le Journal du mercato (31/07): Orel Mangala scoprirà la Premier League inglese