Gennaio 20, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Emmanuel Andre risponde: “Il costo sanitario del loro rifiuto non può essere imposto al resto della società”.


Questo “contributo sanitario”, il governo della provincia canadese francofono, duramente colpito dall’onda Omicron, vuole che rappresenti una “quantità significativa” che è ancora in discussione.

Secondo il primo ministro del Quebec, François Legault, il 10% dei Quebec che non ha ancora ricevuto alcuna dose del vaccino non dovrebbe “danneggiare” il 90% dei vaccinati.

“Non è dovere di tutti i Quebecer pagare”, ha detto durante una conferenza stampa, parlando di “un onere finanziario per tutti i Quebec”.

Il primo ministro del Quebec ha spiegato che se gli adulti non vaccinati rappresentavano solo il 10% della popolazione, allora rappresentavano il 50% delle persone in terapia intensiva, riferendosi a una condizione “terribile”.

Questa tassa non si applica alle persone che non possono essere vaccinate per motivi medici.

“Capisco e provo questa indignazione verso la minoranza non vaccinata che, tutto sommato, viene a intasare i nostri ospedali”, ha aggiunto.

Pochi giorni fa, il Quebec ha già annunciato che alcune attività non essenziali sarebbero state vietate per le persone non vaccinate, a cominciare dai suoi negozi che vendono alcol e cannabis.

In molti altri paesi del mondo, la pressione sui non vaccinati è in aumento.

In Francia, il governo vuole rilasciare un permesso di vaccinazione. Il presidente Emmanuel Macron ha giocato la provocazione dicendo: “Non vaccinati, voglio davvero farli arrabbiare”.

READ  Morto Peng Shuai: WTA cancella tutti i tornei in Cina

Alcuni paesi europei hanno optato per la vaccinazione obbligatoria – come l’Austria o l’Italia per chi ha più di 50 anni – e Singapore non copre più le spese mediche dei pazienti affetti da coronavirus che rifiutano di farsi vaccinare.

Ma il Quebec, che ha messo in atto ancora una volta misure altamente restrittive per combattere l’ondata di Omicron, è uno dei primi posti a considerare l’imposizione di tasse specifiche a coloro che rifiutano il vaccino.

Emmanuel Andre reagisce

Su Twitter, il microbiologo Emmanuel Andre (UZLeuven/KULeuven) ha risposto a questa nuova tassa solo per i non vaccinatori.

“Secondo la logica della giustizia, il Quebec tasserà le persone che rifiutano il vaccino senza un motivo medico accettabile. Perché il costo sanitario del loro rifiuto non può essere imposto al resto della società”, ha scritto l’ex portavoce del Ministero dell’Interno a combattere il virus Corona in Belgio.