Maggio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Emily pulisce i fiumi con i capelli dal suo parrucchiere di Hanot: “È davvero di grande aiuto, non molto”

Emily ha aperto di recente il suo parrucchiere quando aveva solo 22 anni. Ha deciso di dircelo tramite il pulsante arancione che ci avvisa perché il suo lavoro è un po’ speciale: tutti i prodotti là fuori sono naturali e rispettosi dell’ambiente. Non spreca lì, in particolare riciclando i capelli tagliati dei suoi clienti per ripulire i corsi d’acqua di Waloon.

Il salone di parrucchiere aperto da Emily, a Mokche (frazione del comune di Hanot, in provincia di Liegi), è fuori dal comune. Dall’età di 22 anni, la giovane donna ha creato Natu’Racine, il primo salone ecologicamente responsabile della regione. Tutto è pensato per ridurne l’impatto sul pianeta, e per prendersi cura dei propri clienti, grazie a prodotti completamente naturali. Tra le sue caratteristiche: riciclare i capelli per pulire gli oceani.

Dopo un anno passato a acconciare i capelli a casa, Emily ha deciso di lanciare il suo parrucchiere all’inizio di marzo 2022″.Ho iniziato con il marchio che usavo da un anno. Uso questi prodotti già da tre anni nei miei stage e mi sono assolutamente innamorato del marchio.“Questo marchio che ama così tanto vuole essere completamente naturale”, dice, ed è questo che ha dato a Emily l’idea di creare Natu’Racine:Mi sono detto che avrei provato a girare tutto lo show su di lui, perché mi sono reso conto che non è a casaFu su questa nota che il giovane parrucchiere iniziò un’avventura imprenditoriale.

Nel suo soggiorno, Emily insiste per stare lontana dai prodotti classici: “Cerchiamo di evitare tutto ciò che potrebbe danneggiare i capelli e ci concentreremo davvero su quanta più naturalezza possibile.“In un mese, la giovane si è resa conto che la richiesta c’era, anche nel suo villaggio”.SDurante la reclusione, le persone hanno iniziato a prendersi cura di tutto il necessario“Si rallegra. Tra i suoi clienti, dice di incontrare molti profili che vengono per diversi motivi:”Le donne che vogliono evitare qualsiasi sostanza chimica nei capelli, quelle che vengono con i loro figli e vogliono tenerli lontani da tutti i fumi chimici o le persone che vogliono tornare nel territorio“.

I capelli hanno una caratteristica davvero interessante

Poesia per salvare i fiumi

READ  La Kia EV6 sacrée Voiture de l'Année 2022: "Une grande sorpresa, pour trois raisons..."

Non c’è specificità del salone solo nei prodotti utilizzati. Emily cerca di avvicinarsi il più possibile allo “rifiuto zero” utilizzando prodotti riutilizzabili. Anche i capelli tagliati dei suoi clienti non vanno nella spazzatura grazie alla sua collaborazione con l’organizzazione no profit Hair Recycle. Questa associazione invia “borse per capelli” ai saloni partecipanti allo scopo di riempirle.Tutti i capelli, che siano bianchi, grassi o secchi, tutti possono farcelaQuindi l’associazione ripristina quei capelli.

Patrick Jansen, il suo manager, spiega che “I capelli hanno davvero una grande particolarità, sono lipofili, cioè assorbono grassi e oli, inoltre un chilo di capelli può assorbire 8 litri di olio.“. Quindi, riciclare i capelli li usa per fare la salsiccia. “Con involucri in geotessile, che consentono il passaggio dei fluidi da un lato, ma non dall’altro“.Poi queste salsicce vengono messe nei corsi d’acqua del Belgio, per lavarle dagli idrocarburi che vi si sarebbero riversati”.Siamo ancora oggi contattati da persone le cui cripte sono state allagate quest’estate, provocando l’innalzamento del petrolio.‘ dice Patrick Jansen.

L’idea è piaciuta molto al giovane parrucchiere che paga un abbonamento annuale per poter partecipare: “È davvero un grande aiuto con non molto. Paga per questo o per la mia spazzatura, è la stessa cosa, mi piace farlo in questo modoPiù di questo, pensa Emily.Che dovrebbe essere obbligatorio in Belgio, perché quando vedi molti capelli di cui ti liberi nei parrucchieri, è enorme.“.

Non ho dubbi sul fatto che i clienti vogliano orientarsi verso qualcosa di meglio

grande successo

Il progetto di riciclaggio dei capelli è ancora agli inizi, tuttavia, sembra essere iniziato molto bene. L’associazione lavora con quasi 400 parrucchieri in Belgio”,Ogni parrucchiere ci fornisce 2 kg di capelli al mese, una tonnellata al mese” afferma Patrick Jansen. ASBL spera, in futuro, di convincere più parrucchieri a fare il passo.

READ  La fusione nucleare serait-elle l'energie du futuro ? Les chercheurs européens à la pointe dans le domaine

Da parte sua, il salone di Emily sta andando molto bene, i clienti ci sono e supportano il progetto giovane parrucchiere”,È divertente pensare che sia possibile anche nei piccoli paesi“Spera che il futuro abbia lo stesso successo e che presto il suo soggiorno sia pieno”, ha detto.Ma non ho dubbi sul fatto che i clienti vorranno orientarsi verso qualcosa di meglio“.