Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni legislative di domenica in Francia: Emmanuel Macron perderà la maggioranza presidenziale?

Emmanuel Macron ei suoi ministri in questi giorni hanno lanciato tutte le loro forze in battaglia: la maggioranza presidenziale francese è minacciata in Assemblea nazionale. I francesi possono già punire, o limitare il margine di manovra, il presidente appena rieletto.

Gli elettori tornano alle urne domenica 12 e 19 giugno per le elezioni legislative più spesso considerato a terzo turno dalle elezioni presidenziali. Il 24 aprile, Emmanuel Macron ha ottenuto il 58,5% dei voti contro la candidata di estrema destra Marine Le Pen.

Insieme contro Nupes

Oggi si chiama Ensemble l’alleanza di formazioni a sostegno di Emmanuel Macron (LREM, Modem, Horizons e Agir). Il suo principale oppositore si chiama Nupes (Nuova Unione Populista, Ambientale e Sociale). Questa alleanza senza precedenti riunisce i partiti di sinistra (ribelli, socialisti, ambientalisti e comunisti).

Gli ultimi sondaggi d’opinione mostrano che i due schieramenti sono praticamente in parità al primo turno il 12 giugno in una fascia del 26-28% dei voti. Un sondaggio del venerdì di Elabe per BFMTV ed Express ha mostrato Gruppi al 27% e Nupes al 26,5%. Un sondaggio Ipsos-Sopra diffuso giovedì da Radio France e France Télévisions ha attribuito il 28% delle intenzioni di voto a Nupes e il 27% a Ensemble.

Tensione nel campo presidenziale

Questa incertezza spiega la tensione Chi si è impadronito del campo presidenziale, chi credeva che la sua maggioranza assoluta in consiglio fosse rassicurante. Non è più così, anche se le aspettative sui posti sono difficili da raggiungere, a causa del sistema di voto a turno unico.

Questo sistema favorisce i partiti stabiliti in tutta la Francia e penalizza i piccoli partiti. Nel caso in cui nessun candidato riceva più del 50% dei voti, il secondo turno si oppone ai due candidati che arrivano per primi e a quelli che ricevono almeno il 12,5%, il che porta spesso a duelli. I trasferimenti di voti tra i due turni sono rischiosi da apprezzare.

READ  il Cremlino conferma il debutto di un retrait militaire planifié

Obiettivo: tetto 289 posti

I sondaggisti che osano abbozzare come sarà la prossima Camera ritengono che “insieme dovrebbe essere sempre il primo gruppo in Parlamento. Ma con un range tra 260 e 300 eletti, non è certo che il gruppo manterrà la maggioranza assoluta (definita come 289 eletti su 577 seggi).

Per evitare questo scenario, il capo dello Stato ha intrapreso la campagna. Emmanuel Macron ha giocato la carta del dramma, invocando ad esempio la prima messa in discussione del ruolo della Francia all’interno della NATO “estremisti”, in tempo “Dove sto parlando con la Russia che sta uccidendo civili in Ucraina”. lui ha Ha chiesto agli elettori di dargli la maggioranza”.Chiaro e forte” Per consentirgli di realizzare il suo progetto presidenziale.

bisogno di alleati

Se non raggiunge i 289 seggi, l’Ensemble dovrà rivolgersi all’opposizione, di sinistra o di destra, per una maggioranza, strutturale o caso per caso.

A destra, Les Républicains, attualmente il principale partito di opposizione, potrebbe perdere la metà degli eletti (dai 100 di oggi a meno di 55), dopo il fiasco della loro candidata alla presidenza Valérie Pécresse. Paradossalmente, questo fallimento elettorale potrebbe consentire loro domani di svolgere il sostegno parlamentare di cui il gruppo presidenziale avrà bisogno e di negoziare a fondo il loro sostegno.

Sulla sinistra c’è il capo degli Insoumi Jean-Luc Melenchon si è affermato come un uomo forte De la Nobis è il principale oppositore del presidente. È arrivato a casa con la sua ambizione di imporre la convivenza e la convivenza a Emmanuel Macron Diventare primo ministro è lo stesso. Secondo i sondaggi d’opinione, una maggioranza assoluta sembra fuori portata per i neofiti.

READ  le dispositif militaire russe renforcé au cours du week-end, selon le Pentagone

“strategia di successo”

Ma il Nupes, che riunisce i partiti di sinistra per la prima volta in 25 anni, è il fenomeno che ha focalizzato l’attenzione durante tutta la campagna elettorale. “La strategia di Jean-Luc Mélenchon, che consisteva nel riunire i quattro maggiori partiti di sinistra in una coalizione unita e nell’investire un candidato di Nupes in ogni collegio elettorale, è una strategia vincente. Al contrario, la campagna del National Rally era sull’orlo dell’assenteismo La maggioranza presidenziale ha effetti limitati.”analizza Pierre Mathieu, Direttore di Science-Po Lille.

Il rally nazionale di Marine Le Pen è indietro di 10 punti rispetto ai primi due gironi, circa il 20% delle intenzioni di voto. Tuttavia, moltiplicherà il suo attuale numero di seggi, mentre l’RPF ha ottenuto solo otto rappresentanti nel 2017.

Rimpasto di governo

14 ministri dell’attuale governo sono in corsa alle elezioni legislative, compreso il nuovo primo ministro, Elizabeth Bourne. È la prima volta che si sottopone al voto dell’elettorato di un distretto del Calvados a favore della maggioranza uscente. I ministri che non verranno eletti dovranno lasciare il governo, il che comporterà un rimpasto di governo piuttosto significativo a seconda dei risultati del 19 giugno.

Al termine di una campagna elettorale che non ha suscitato emozioni, ci si attende un’alta percentuale di astensioni.