fbpx
Attualità EVIDENZA Politica

Economia. Si punta sulla crescita, nel 2020 sale anche l’Iva

Abolizione del patto di stabilità e riforma del codice degli appalti. Sembra questa la direzione che il governo intende percorrere.

Misure che punterebbero a disposizioni utili per definire un sistema fiscale diverso o meglio, quanto si legge da una nota del Def, a misura di famiglia.

“Nel settore universitario sono allo studio misure per agevolare l’accesso alla no tax area al fine di ampliare la platea di studenti beneficiari dell’esenzione – specifica poi la nota – È prevista la stabilizzazione da parte delle Regioni del Fondo integrativo statale per la concessione di borse di studio per gli studenti meritevoli, ma privi di mezzi e la semplificazione delle procedure amministrative necessarie all’erogazione delle borse di studio”.

Non manca la posizione del ministro Matteo Salvini che non ammette più una crescità pari “allo zero virgola”. Sempre secondo salvini gli investimenti messi in campo puntano ad una percentuale maggiore che superi il muro del punto percentuale.

Fatto sta che se l’obiettivo è la “crescita”, per il ministro dell’Economia Giovanni Tria l’Italia deve aumentare il ritmo. Non mancano previsioni relative all’aumento dell’Iva che, seppur stabile per il 2019, tornerà ad innalzarsi nel successivo biennio.

Confermata inoltre la dote di nove miliardi per reddito e pensioni di cittadinanza, oltre ai sette miliardi per la quota cento. Da qui ai due miliardi per la flat tax, uno per i centri dell’impiego, uno per le forze dell’ordine ed uno per i “truffati delle banche”. Prende piede l’ipotesi di incentivi per spingere la tecnologia relativa ad automobili elettriche con conseguente riduzione di mezzi a diesel e benzina.

Interventi che dovrebbero spingere ad una crescita che varia dallo 0,6%-0,3% nel 2021. La bilancia del Def però mostra tutt’altro, ovvero come a peggiorare sia il debito strutturale, ovvero la valutazione dei conti pubblici dell Ue. Peggioramento che nel prossimo anno peggiorerà di 0,8 punti raggiungendo l’1,7% nel 2020 e nel 2021.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi