Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco perché il “McDonald’s russo” è finito…senza patatine fritte

Il sito di notizie commerciali RBK ha riferito venerdì che la catena di ristoranti Vkusno i Tochka, che ha acquisito McDonald’s in Russia a giugno, sta affrontando una crescente carenza di patatine fritte a causa delle sanzioni occidentali contro Mosca. I primi ristoranti del marchio sono stati aperti in Russia il 12 giugno, attirando folle di visitatori nostalgici al McDonald’s, che a marzo ha sospeso l’attività in 850 ristoranti prima di lasciare definitivamente il paese a maggio.

“In alcuni ristoranti di Vkousno i totchka (Delicious, Point), non ci saranno più patatine fritte”uno dei piatti popolari dei clienti russi della catena, ha indicato il sito web di RBK, citando il servizio stampa del gruppo russo.

Secondo il gruppo, il raccolto del 2021 in Russia di patate destinate alla produzione di patatine fritte è stato scarso, il che ha portato a una carenza e “l’importazione dai mercati esteri (…) è diventata impossibile” a causa delle sanzioni occidentali imposte a Mosca di conseguenza, ha detto, e l’attacco russo all’Ucraina.

Il portavoce ha affermato che il gruppo spera di riportare le patatine fritte nel menu di tutti i ristoranti Vkusno i Totchka in autunno, poiché in Russia inizia la nuova stagione del raccolto.

La Russia è uno dei maggiori produttori di patate al mondo ed è un rifugio alimentare sicuro per la popolazione del Paese in tempi di crisi. Ma l’ultima vendemmia ha risentito molto delle condizioni meteorologiche: oltre al problema delle patatine fritte, l’azienda russa Macdous sarà privata non appena finirà di tutte le bevande del colosso americano Coca-Cola, ritirato anche dal russo mercato a causa dell’aggressione contro l’Ucraina.

READ  Le salaire d'un grand nombre de Belges va augmenter

Oltre a McDonald’s e Coca-Cola, decine di altre società, alcune delle quali esistono da decenni, hanno lasciato la Russia a causa del conflitto in Ucraina. A marzo, la canadese McCain Food Company, il più grande produttore mondiale di patatine fritte, ha annunciato che avrebbe interrotto la costruzione del suo stabilimento in Russia e smesso di consegnare i suoi prodotti al mercato russo.