Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“È scandaloso!”: François è furioso TotalEnergies, a sua volta, fa pagare i proprietari di pannelli solari

Ai belgi che hanno investito nei pannelli solari non sono stati risparmiati gli alti costi dell’energia. Nello specifico, vi abbiamo parlato a fine agosto di circa 40.000 clienti di fornitori Mega. La società aveva addebitato una tariffa mensile fissa per i “costi di gestione”. Altri fornitori hanno seguito questo approccio.

> Luke, uno dei clienti di Mega, è particolarmente arrabbiato dopo aver ricevuto una lettera che lo informava che gli verrà addebitato un pacchetto mensile di pannelli solari al momento del rinnovo del contratto.

La terza risorsa impone supplementi

All’inizio di novembre, François ha contattato la nostra redazione tramite il pulsante arancione Alert per informarci che TotalEnergies aveva anche annunciato costi aggiuntivi. Con Octa + e Mega, è già il terzo fornitore a prendere una decisione del genere, che sconvolge i proprietari di questi impianti (ricordiamo che la Vallonia ha 250.000 proprietari di pannelli fotovoltaici, le Fiandre ne hanno 600.000 e Bruxelles ne ha 13.000).

“Total Energy, i cui profitti ammontano a decine di miliardi, sta facendo lo stesso introducendo una nuova tassa. 5 euro per kilowatt nella nuova tariffa di novembre 2022. È scandaloso!”ha scritto Francesco.

Gli integratori alimentari sono attualmente motivo di preoccupazione per i nuovi clienti che accedono a TotalEnergies da questo mese. Da aprile 2023 saranno soggetti a un supplemento di 5 € per kVA (kVA). Ciò rappresenta circa € 300 all’anno per un impianto di medie dimensioni e fino a € 600 per impianti più grandi.

Per saperne di più sui motivi di questo aumento e sui clienti interessati, abbiamo contattato Tom Clairbot, portavoce di TotalEnergies.

Chi è esattamente interessato da questo pacchetto? “Sono interessati solo i consumatori regolati da un sistema di indennizzo. I clienti che beneficiano della tariffa di iniezione non sono interessati. I beneficiari dell’indennizzo sono: In Vallonia, tutti i consumatori indipendentemente dal tipo di contatore (contatore capovolto o smart meter). Nelle Fiandre , tutti i consumatori che non hanno un contatore intelligente o un contatore a due vie A Bruxelles nessun cliente ottiene un risarcimento. dice Tom Clairbotte.

READ  'mattone nel ventre' belgi limitato nel prezzo immobiliare | Economia

Cosa significa l’aumento di questo pacchetto per i clienti?

“Il forfait applicato da TotalEnergies è di 5,30 euro (IVA) al mese per kilovolt-ampere (kVA) installati per i clienti in compensazione che hanno aderito all’offerta elettrica da novembre 2022. I nuovi clienti che usufruiscono dell’iniezione tariffaria se ne fregano misurare,” dice il portavoce. “I clienti TotalEnergies che hanno sottoscritto un’offerta prima di novembre 2022, indipendentemente dal tipo di contatore, in tariffa di compensazione o di iniezione, non sono interessati da questa misura per 12 mesi dalla data di rinnovo.”

Quanto costa questo pacchetto È definito?

“Il prezzo fisso di 5,30 euro è stato fissato per il cartellino del prezzo di novembre 2022. Per un impianto fotovoltaico medio di 3,5 kVA, questo rappresenta un costo di 222 euro all’anno per compensazione. Abbiamo fissato questo importo per far fronte al costo del squilibrio, ma mettendo al minimo, per mantenere l’interesse economico di un impianto fotovoltaico, il ritorno dell’investimento si mantiene mediamente intorno ai 4-5 anni. spiega Tom Clairbotte.

L’importo varierà ogni mese, proprio come gli altri componenti del tariffario. “L’evoluzione della somma forfettaria ci consentirà di rimanere sempre il più vicino possibile agli sviluppi del mercato, pur mantenendo il nostro approccio competitivo al suo calcolo”, TotalEnergies mette in guardia.

Ancora una volta, un coltello nel contratto

D’altra parte, ilASBL Don’t Touch My Greens non è stato sorpreso quando ha saputo dell’arrivo di questi nuovi prezzi. “Sapevamo già che il terzo operatore sarebbe stato probabilmente TotalEnergies, e questo per diverse settimane”, ha affermato. Risposta a Regis François, Presidente dell’Associazione.

“Finora, ci sono stati solo fornitori che producono così poco, che applicano questa famosa tariffa di bilancio. Octa+ ha iniziato a far girare la palla e poi Mega ha escogitato una tariffa. Ora è TotalEnergies. È abbastanza chiaro che questo è qualcosa che possiamo solo rammarico soprattutto E che stanno facendo fatica a giustificare quanto il prezzo che stanno chiedendo e da dove viene Questo è di nuovo il colpo di coltello nel contratto Ci rammarichiamo per la mancanza di reazione politica a livello vallone dato che il governo sa benissimo che questa tariffa è stata messa in atto per cercare di aggirare il metro arretrato e il risarcimento.

Per quanto riguarda la decisione di applicare il supplemento ai nuovi clienti, Regis François la trova “strana”. Perché Total applica questa tariffa solo ai nuovi clienti? Quando ho chiesto loro, mi hanno detto che al momento i loro clienti esistenti non sono ancora interessati. Ovviamente, “non ancora” mi suonava già strano. Oggi applicano quella tariffa ai nuovi clienti. Mandano il messaggio che non vogliono più essere partner dei proprietari dei pannelli fotovoltaici di cui vogliono diventare clienti.. Il messaggio è chiaro. Esorto quei proprietari di pannelli fotovoltaici e le loro famiglie, che non hanno ancora pannelli, a scegliere altri fornitori di energia che rispettino i loro clienti e le persone che producono energia verde.

Regis François risponde alla domanda se l’installazione di pannelli fotovoltaici sia meno interessante e meno interessante: I vantaggi rimangono, insieme ovviamente ai prezzi dell’energia più elevati. L’installazione dei pannelli rimane un problema per l’indipendenza energetica, per le bollette energetiche o per il pianeta. È ancora interessante, ma sono i molti costi nascosti che vengono aggiunti di mese in mese a frenare il mercato. È un peccato perché incoraggiamo le persone a sbarazzarsi del gas russo e del gas del Qatar per produrre la nostra energia sul nostro suolo. Le persone si sforzano, mettono in bilico diverse migliaia di euro, e alla fine vengono battute dai fornitori di energia che applicano tariffe aggiuntive.

Test-Achats condanna questa pratica

READ  Verso un aumento del prezzo del gasolio da riscaldamento e della benzina per febbraio? Un nuovo divieto potrebbe portare all'inflazione dei prezzi

L’organizzazione per la protezione dei consumatori, Test-Achats, deplora questo tipo di pratica”,In un contesto, sulla base dei prezzi di agosto, la bolletta elettrica supera i 2.000 euro annuiha detto la portavoce Julie Freer alla fine di agosto.Test-Achats, che viene utilizzato per incoraggiare i consumatori a installare pannelli fotovoltaici, si rammarica dell’azione:Qui abbiamo un supplemento annuo di circa 720 €, che è ben lungi dall’essere aneddotico, quindi purtroppo, ovviamente, possiamo solo deplorare questo costo aggiuntivo per i proprietari di pannelli fotovoltaicilei ha aggiunto.

Questa pratica è legale? Sì, ma ci sono delle condizioni:Al momento del rinnovo del contratto, questo costo aggiuntivo si applicherà e dal momento del rinnovo del contratto (fornitore) Informano chiaramente i loro clienti di questo cambiamento e, purtroppo, dal punto di vista legale, non c’è nulla di cui lamentarsiJulie Freer ha spiegato. All’inizio dell’anno, OCTA + ha addebitato il costo aggiuntivo durante il contratto, per il quale ha risposto Test-Achats. Un’inchiesta è stata aperta anche nell’ispezione economica.

È la nuova piattaforma di gestione dei pannelli fotovoltaici che ha giustificato, secondo Mega, questo costo aggiuntivo. Una scusa che Test-Achat non vede come legittima: “La nuova piattaforma rende più facile differenziare il costo della rete per i clienti che possiedono pannelli fotovoltaici, rispetto a quelli che non li hanno. È vero che in passato le persone che non avevano i pannelli fotovoltaici pagavano proporzionalmente di più di quelle che li avevano”.Julie Freer ha spiegato. “Adesso il costo totale a budget non cambia per il fornitore e quindi non è legittimo aumentare il costo dei pannelli fotovoltaici senza diminuirlo per i clienti che ne sono sprovvisti.disse l’oratore.

READ  Le vendite di Tesla si stanno già avvicinando a 1 milione all'anno

Test-Achats consiglia ai consumatori di cambiare fornitore: “Ora sappiamo che la maggior parte dei fornitori non pratica questo costo aggiuntivo. In poche parole, fai molta attenzione a farlo il più vicino possibile all’istruzione del puntatore, altrimenti rischi di perdere la produzione che hai già realizzato.Julie Farre ha concluso.