Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“È ora che il governo faccia qualcosa…”

La crisi energetica e la relativa inflazione continuano a mietere vittime in Belgio. Ogni giorno, le piccole e medie imprese o i lavoratori autonomi devono rallentare o chiudere completamente le proprie attività per evitare di dover pagare somme ingenti.

Stevie Verwijk, manager per otto anni di un negozio di patatine a Hulste, una divisione della città di Harelbeke, nelle Fiandre Occidentali, è una di quelle persone che non hanno avuto scelta e hanno dovuto adeguare il proprio orario di lavoro: “Finalmente, non è più redditizio rimanere aperti alla volta del pranzo”, spiega a Nieuwsblad. I prezzi dell’energia stanno esplodendo e noi li sentiamo. Ma non oso alzare i prezzi e temo che non funzionerà più e che i miei clienti fuggiranno”.




Dai video

Così Stevie ha dovuto prendere delle decisioni: “Ho chiesto a mia madre di trovare un altro lavoro… e devo raddoppiare gli sforzi per sbarcare il lunario, perché ogni mese vedo un aumento dell’importo delle bollette”.

Il prezzo del grasso per friggere è aumentato del 45% dall’inizio dell’anno. Il prezzo della maionese è raddoppiato … Un anno fa non pagavamo nemmeno 20 euro per 10 litri, oggi 40 euro … E dobbiamo ancora comprare vasetti … ”, dice.

Così Stevie ci ha pensato e ha deciso di aprire solo la sera. Fortunatamente, aprendo il suo negozio di patatine, realizza il suo sogno d’infanzia e non lo considera un lavoro. Ma riuscirà a continuare a vivere della sua passione? “È tempo che il governo faccia qualcosa, che continui per noi…”

READ  Les prix de l'énergie continuante d'exploser: 8.000 (!) euro par an en moyenne par famille | Economia