Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

E il nuovo governo francese è appena stato nominato, è già in un equilibrio precario

Appena nominato, il nuovo governo francese, nato dal rimpasto di governo organizzato dal presidente Emmanuel Macron, potrebbe davvero cadere? Lunedì pomeriggio, pochi minuti dopo la nomina dei nuovi ministri, la parlamentare ribelle francese Mathilde Panneau del partito di Jean-Luc Mélenchon ha annunciato su Twitter che il suo gruppo intendeva presentare una mozione di censura al nuovo governo guidato dal primo ministro Elizabeth Bourne. “Signora Bourne, Il parlamentare scrive su Twitter, Non si può abusare impunemente della democrazia. Quindi vi presenteremo con la forza al Parlamento. A partire da questo mercoledì, presenteremo una mozione per attribuire la colpa al governo.

Dopo pochi istanti, LFI MP ha aggiunto un livello: “Elizabeth Bourne è quindi l’ultimo primo ministro d’Europa per rappresentanza di partito con il 25,8% dell’elettorato e il 12,2% degli elettori registrati. Un voto di fiducia al Parlamento le sembra ancora inutile?”

L’origine della rabbia della deputata della LFI – ma anche di tutto il suo partito – sta nel fatto che il primo ministro, Elizabeth Bourne, non aveva intenzione di chiedere il voto di fiducia all’Assemblea nazionale mercoledì, dopo la consegna del suo capo. discorso di politica pubblica. Quali sarebbero i primi trent’anni e la dichiarazione di ordine pubblico di Pierre Beregovoy, durante il regno di Mitterrand.

Per poter votare, la mozione deve essere presentata da almeno 58 deputati dell’Assemblea nazionale, dopo che France Ensum ne ha eletti 75 durante le ultime elezioni legislative. La mozione di censura sarà quindi votata venerdì e il suo esito sarà favorevole se otterrà la maggioranza assoluta in Assemblea nazionale. Sono 289 deputati. Se la proposta verrà adottata – ma ciò appare complicato dalle dichiarazioni degli altri partiti – il governo, nella sua interezza, sarà costretto alle dimissioni. Quindi dirige Macron a formare un nuovo governo o, di fronte all’impasse, a sciogliere l’Assemblea nazionale e indire nuove elezioni.

READ  Attacchi sul suolo russo: l'Ucraina ha il “diritto” di colpire obiettivi militari

Un movimento di colpa per il quale sarebbe vero disprezzo governo neonatale. Un team esecutivo ne ha eclissato cinque membri. A partire da Damienabad, un vero sassolino nella scarpa di Macron è stato da allora preso di mira da un’indagine per tentato stupro a seguito della denuncia di una donna e di una terza testimonianza contro di lui lunedì. Fu sostituito dal capo della Croce Rossa, Jean-Christophe Combe. A differenza del signor Abad, il segretario di Stato per lo sviluppo Chrysula Zakaropoulou, che sta affrontando due denunce di stupro presentate da pazienti nella sua clinica ginecologica, è stata confermata nella sua posizione.

Alla fine, Olivier Veran mantiene il portafoglio del “rinnovamento democratico”, ma in compenso rinuncia al Ministero dei Rapporti con il Parlamento, privatamente esposto, che spetta a Frank Riester, che fino ad allora era stato titolare del portafoglio di stranieri commercio. Christophe Picchu, un caro amico di Edouard Philippe, è stato promosso Ministro della Transizione Ambientale. Tra gli altri arrivi dalla società civile, troviamo il medico d’urgenza François Brown, divenuto ministro della Salute e della Prevenzione. Si segnala inoltre il ritorno dell’ex Ministro Marlene Schiappa, nominata Segretario di Stato incaricato dell’Economia Sociale e Solidale e Vita Comunitaria.

Qualunque cosa accada, il nuovo governo si troverà in uno stato di precario equilibrio in assenza di una maggioranza presidenziale nell’Assemblea nazionale. Ciò renderà più complessa l’adozione di progetti di legge e di riforme.