Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo essere stati severamente puniti, gli oligarchi russi furono privati ​​della loro ricchezza

Il congelamento dei beni di alto profilo ha colpito frontalmente gli oligarchi russi, molti dei quali hanno le loro fortune che giacciono sulle rovine dell’Unione Sovietica e vacillano durante i due decenni di governo di Vladimir Putin.

Nel Regno Unito, più di 100 uomini d’affari, donne e le loro famiglie sono stati sanzionati dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina. Gli Stati Uniti ne hanno presi di mira 140 e l’Unione Europea ne ha presi di mira più di 30.

Secondo il segretario ai trasporti britannico Grant Shapps, si tratta di colpire i punti deboli privando gli oligarchi accusati di mettere le loro fortune al servizio del potere mentre si godono lo stile di vita occidentale, “dei loro giochi di lusso”.

A Londra, a volte chiamata “Londra” per aver ospitato per anni molti russi, “il tappeto di benvenuto viene ora rimosso”, riassume il settimanale The Economist.

Anche Roman Abramovich è stato preso di mira, il che ha portato alla vendita del Chelsea Football Club di Londra, che ha acquistato nel 2003.

Ma prendere di mira un numero così elevato di persone in un’economia altamente globalizzata rimane “un territorio totalmente inesplorato”, osserva il ricercatore Alex Ness dell’Institute for Government Research Institute. Ciò creerà un “profondo abisso tra Occidente e Russia” anche dopo la guerra.

L’analista politico russo indipendente Konstantin Kalachev ritiene che “l’operazione speciale” di Vladimir Putin in Ucraina potrebbe durare “per anni”. Ha detto all’AFP che se la decisione di revocare le sanzioni fosse basata sulla situazione in Ucraina, l’Occidente “non le avrebbe mai revocate”.

“Ripartizione delle sanzioni”

La rivista Forbes aveva già rimosso 34 russi dalla sua lista di miliardari il mese scorso, citando l’impatto delle sanzioni.

READ  La ricertificazione non è esclusa in Francia

“La guerra è un vero disastro per loro”, ha detto Elizabeth Schimpfussel, sociologa della Astum University di Birmingham e autrice di Rich Russians.

Peter Aven, noto per la sua vasta collezione di arte russa, ha detto al Financial Times di non essere sicuro “se avesse il diritto che qualcuno facesse le faccende o guidi”. Ora teme l’espulsione dal Regno Unito.

Molti oligarchi hanno diverse nazionalità e non hanno fretta di tornare in Russia.

I paesi occidentali sono “una base in cui possono andare una volta che hanno paura di essere perseguiti in Russia”, dice Schimpfwesel.

La gamma di proprietà sanzionate è enorme. Secondo il governo britannico, Roman Abramovich da solo pesa più di 9 miliardi di sterline (10,5 miliardi di euro).

Gli Stati membri dell’UE hanno riferito di aver congelato quasi 30 miliardi di dollari in beni russi, inclusi 7 miliardi di dollari in yacht, elicotteri, immobili e opere d’arte.

Vedi “Il grido dei ricchi”

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni o bloccato barche e aerei dei parenti del Cremlino per un valore di oltre 1 miliardo di dollari.

La scorsa settimana, su richiesta di Washington, la polizia delle Figi ha sequestrato uno yacht di 106 metri del valore di oltre 300 milioni di dollari legato a Suleiman Karimov, miliardario e legislatore preso di mira dalle sanzioni europee e statunitensi.

Queste azioni non solo rendono le persone infelici. “Ai russi comuni piace vedere + urlare anche i ricchi”, afferma Kalachev, riferendosi a una telenovela messicana resa popolare in Russia all’inizio degli anni ’90.

Per quanto riguarda i loro obiettivi, secondo l’esperto, “l’uso delle sanzioni economiche per cercare di forzare un cambiamento nella politica estera non si è dimostrato efficace”, anche se le sanzioni “debolerebbero la capacità della Russia di combattere”.

Mentre il signor Abramovich era impegnato in colloqui per porre fine al conflitto, altri oligarchi hanno apertamente criticato la guerra.

Su Instagram, Oleg Tinkoff, il banchiere che è stato sanzionato a Londra dove ha recentemente curato la leucemia, ha criticato “questa guerra pazza”.

Ma gli esperti dicono che è improbabile che gli oligarchi si alleino contro Putin. “Non sarebbe nel loro interesse parlare contro Putin”, ha detto Schimpfwesel.