Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo aver effettuato un ordine su Amazon, Simon scopre di dover pagare una tassa doganale di 20 euro: come evita questo contrattempo?

Con pochi clic su un popolare sito di e-commerce, Simon trova la sua felicità. Per una ventina di euro acquista una maschera. Problema: Quando pensava di beneficiare della consegna gratuita, bpost gli chiede dei dazi doganali. Lo studente di Bruxelles non ne era a conoscenza, ma il suo travestimento proviene dall’Inghilterra ed è quindi soggetto a dazi doganali. Oggi vuole mettere in guardia gli altri utenti.

“Ho ordinato da amazon e alla consegna mi è stato chiesto di pagare 20 euro di tasse doganali”, Simon ci scrive tramite il pulsante di avviso arancione. Questo capo scout a Bruxelles è abituato a ordinare su Amazon. “A volte i prezzi sono più bassi e mi capita di trovare articoli di marca con spedizione gratuita. Se invece pago direttamente sul sito del brand devo pagare alla consegna”, giustificare.

Qualche settimana fa, Simon è andato al negozio online per comprare un costume. Acquistarlo costa 22 euro. Dopo aver letto “Consegna gratuita”, controlla il carrello. Pochi giorni dopo ricevette una lettera dalla dogana. “Ho ricevuto un’e-mail da Bpost e una notifica sull’app che mi informano che è necessario il pagamento per inviare il mio articolo, affinché passi la dogana. Ho avuto 7 giorni per effettuare il pagamento, altrimenti il ​​mio articolo verrà restituito e non sarò rimborsato tramite la piattaforma”, Lo studente ricorda.

Bpost gli chiede 20 euro per “tasse e dazi doganali”. Motivo: il suo articolo viene dall’Inghilterra. Nonostante il fastidio, Simon dà la spinta. Ho ricevuto il mio articolo una settimana dopo., Aggiunge.

Simon ha scelto di contattarci tramite il pulsante arancione per esprimere il suo malcontento e avvertire gli utenti. “Non lo trovo normale. Quando ordino qualcosa, vorrei conoscere tutte le spese sostenute e qui non lo è”, È sconvolto. Prima di aggiungere: “È piuttosto costoso e alla fine costa quanto l’articolo nel negozio. Avrei preferito acquistarlo in Belgio da un negozio di quartiere piuttosto che acquistare una grande piattaforma online”.


In effetti, l’articolo ordinato da Simon è stato spedito dall’Inghilterra. Dal 1° gennaio, i pacchi dal Regno Unito sono soggetti a una nuova tassa. D’ora in poi, sono considerati merci importate e quindi si applicano costi aggiuntivi:

  • IVA all’importazione: Con un valore compreso tra il 6 e il 21%, a seconda del tipo di merce
  • Dazi all’importazione: da 150 EUR
  • Costi delle pratiche doganali in alcuni casi: che essi Una fattura viene emessa dal vettore come sdoganamento per le azioni che il vettore esegue con la dogana. Comprendono la determinazione del contenuto e del valore del pacco, il contattare il destinatario in caso di informazioni mancanti, la determinazione della dichiarazione doganale richiesta, i costi di conservazione e conservazione e la riscossione e il rimborso delle tasse doganali.
READ  Presto tutti i commercianti dovettero offrire il pagamento elettronico

I dazi all’importazione e l’IVA vengono riscossi dal vettore (qui Bpost) dal destinatario e trasferiti alla dogana. I costi delle procedure doganali sono specifici del vettore.

Impostando tali regole doganali, l’Europa ha diversi obiettivi, come spiega Florence Angelici, portavoce di FPS Finance:

  • Ridurre gli oneri amministrativi e i costi legati agli adempimenti IVA delle imprese del settore
  • Mettere le aziende dell’UE su un piano di parità con le aziende al di fuori dell’UE
  • Lotta alle pratiche abusive

Come faccio a sapere se verranno applicati i dazi all’importazione?

Per evitare l’incidente che conosceva il nostro testimone Simon, si potrebbero adottare alcuni semplici riflessi. Matthew Taminiau, giornalista specializzato in digitale e nuove tecnologie per RTL Info, ci illumina. Sui siti di e-commerce, come Amazon o Fnac, alcuni articoli sono venduti da venditori di terze parti. Possono provenire da tutto il mondo e quindi spedire le loro merci da un paese al di fuori dell’Unione Europea. In questo caso si applicano i dazi all’importazione.

Per conoscere l’origine della merce è necessario, al momento dell’ordine, prestare attenzione all’identità del venditore e al luogo di vendita. Ma attenzione, su questi siti nulla è chiaro. Devi seguire il processo di clic sul profilo dell’acquirente per ottenere queste preziose informazioni. Quindi, sapendo da dove viene spedito l’articolo, diventa facile vedere se ci sono costi aggiuntivi al momento della ricezione. Se si tratta di un paese extra UE, aspettati di pagare di più.

Tieni presente che alcuni siti di e-commerce sono definiti come “negozi web registrati”. Questi si sono adeguati alla nuova normativa europea e utilizzano il sistema dello sportello unico europeo (IOSS) per le importazioni. In questo caso, il negozio online paga in anticipo l’IVA e i costi di importazione.

READ  Microsoft creerà davvero 60.000 posti di lavoro in Belgio entro il 2026?