Marzo 28, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo 30 anni chiude il più antico snack bar Vismet nel cuore di Bruxelles: “Quando c’era ancora il mercato del pesce, noi aprivamo alle 6 del mattino”

“Ah sì, certo, la mia insalata di tonno, la preparo io. È tutto in casa.” Il gesto di Patricia Arnaut è sottile e affinato dopo 30 anni di cucina. Ma venerdì, quei tre decenni di spuntini si concludono allo Snack A Pat, Quai de la Houille sul Vismet. A 69 anni è ora di ritirarsi… e non senza emozione. “Certo che fa qualcosa. Le Vismet è il mio villaggio. Conosco tutti nel quartiere da molto tempo”.

Tutto ha inizio nel 1993. Patricia acquista uno snack bar, che ha appena chiuso, accanto al negozio di antiquariato dello zio. “Quando c’era ancora il mercato del pesce, aprivamo alle 6 del mattino., ricorda la padrona di casa. Un giorno i pescivendoli se ne andarono. Solo il nome è rimasto al suo posto. Così ho aperto il commercio alle 7 del mattino. “Abbiamo molti clienti abituali: Radio Nostalgie, Brussels CPAS, Belga … C’erano molti uffici qui. “

Brasserie de la Gare: viaggiatori per il gusto in auto!

specialità della casa? “Perché gli spaghetti polo! “ Una grande ciotola di zuppa a un prezzo imbattibile nella regione: 11 euro. Ma dall’emergenza sanitaria le sedie ai tavoli sono rimaste: la zona snack è definitivamente chiusa. “Non è più redditizio. Da cinque la squadra si è ridotta a una sola persona, il manager.Le carte dei pasti caldi sono rimaste affisse come souvenir, ma contava solo il menu dei panini da asporto.

Telefono a gettoni

In fondo alla mensa, un telefono a gettoni. Una reliquia simbolica dei tempi passati. “La gente è venuta a chiamare, sì”, ricorda Ibn Benoit, che ha aiutato i forni per alcuni anni. A differenza degli stabilimenti alla moda del quartiere Dansaert, il locale ha conservato tutto il fascino del passato: vecchie sedie di legno, tavoli consumati, lavori in legno, vecchi specchi… Tutto respira gli anni passati, tutto si ispira al secolo scorso. Parola d’ordine: “autenticità”.

READ  Svelata la causa della morte di Charlby Dean, la star di "Without a Filter"

All’inizio lo spuntino era più piccolo, ma è cresciuto rapidamente. Il muro che separa il vecchio negozio di antiquariato di zio Patricia viene distrutto. Niente più ninnoli, un luogo per le offerte quotidiane. Resta solo l’imponente testa alata, nell’atrio, facciata della vecchia bottega dell’antiquario. Dietro il bancone c’è ancora un maestoso poster del Festival di Angouleme. “Me l’hanno regalato degli amici quando ha aperto, trent’anni fa. Si sono persino offerti di riacquistarlo da me: ho rifiutato! È un regalo di amici, lo voglio. “

Incredibile: Aux Trois Rois, il caffè più antico di Schaerbeek, torna in vita in versione pop-up (VIDEO)

Qui prima era Chicago.

Dall’inizio degli anni ’90, l’area è stata trasformata. Patricia è stata in prima linea in questo cambiamento. “È molto meglio oggi. Qui prima era Chicago. Così si chiamava il quartiere».

Abbiamo una catena dei bistrot più antichi di Bruxelles: Le ‘T Misverstand, il bistrot preferito di Renaud

Ultima modifica: Good Move. scatole, o megliofiltri commercialidavanti alla struttura. “Abbiamo meno traffico, il che è positivo”. I clienti vengono esclusivamente a piedi.

Acquirente, discusso prima della crisi sanitaria. Ma dalla comparsa dell’aura, le condizioni di Horeca si sono oscurate. “Così ho venduto i muriIl direttore sospira. Il locale rimarrà comunque lo spazio Horeca. E se il pianterreno non è più una cipolla, Patricia continuerà a dormire al piano di sopra. “Ci tengo a questo quartiere. Non ho voglia di andarmene”.