Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Discussioni rotonde: Vingegaard ha fatto la parte più difficile?

Su quale francese scommettiamo il 14 luglio?

Giuliano Chesna

Martedì sera, mi sono avventurato a difendere le possibilità di Thibaut Pinot di ottenere una maglia a pois. Quelli avanzati sulla fascia nella fase 11, Frank Comtois è stato rapidamente lasciato indietro mentre Michael Storer e Valentin Maduas sono stati in grado di accompagnare David Gaudo alla perfezione. La classifica delle montagne ora sembra più difficile da trovare, è vero. Ma per quanto riguarda la sua forma attuale, voglio attenermi all’impressione che ha fatto domenica, quando si è dimostrato irresistibile al Pas de Morgens. Aveva i bastoni per vincere quel giorno. Li avrebbe persi in tre giorni?

Giro di Francia

Alpe d’Huez il 14 luglio, l’ultima fantasia francese

5 ore fa

Beno credeva in lei: rivivi il suo attacco al Pas de Morgins

A differenza della sua prima grande tappa nelle Alpi di mercoledì, per lui sarà più facile integrare la fuga di oggi poiché la 12a tappa, con partenza da Bryanson, prenderà il volo direttamente sulle piste di Lautaret. Nessun appartamento per iniziare. direttamente dalla salita. Se avesse una gamba, sarebbe davanti.

Circostanza utile: non ha dovuto fare affidamento sulle sue riserve sulla strada per Granon (32 minuti ma 26 minuti di ritardo), a differenza di alcuni suoi potenziali avversari, come Jishke, Barjeel o Latour. E sappiamo che uno dei grandi punti di forza di Pinot è la sua capacità di recupero, il susseguirsi degli sforzi di giorno in giorno. L’Alpe d’Huez riporterà grandi ricordi. È stato qui che ha salvato il suo tour 2015, con una vittoria da solista che nessuno ha dimenticato. Vincere di nuovo qui, il 14 luglio, è il tipo di carota che sai come superare.

Sette anni fa, Pino vinse alle Alpes d’Huez

Laurent Virgin

Avendo restituito il problema in tutte le direzioni, voglio, o meglio mi dispiace rispondere…nessuno. Prima degli ululati e delle urla, specifico che questa non è una negazione delle reciproche qualità ma piuttosto una questione di contesto. Affinché un francese vinca l’Alpe d’Huez in questa festa nazionale, tutti i pezzi di un puzzle che sono più complessi di quello che sembrano devono combaciare. Ma temo che ogni pezzo avrà un pezzo mancante. Comunque mai lo stesso.

Roman Bardet (2° assoluto) e David Godot (7°) sono stati di nuovo grandiosi a Granon. Finora hanno fatto un tour impeccabile e sono candidati seri per la piattaforma. È fantastico in termini assoluti, ma non è la migliore notizia alla luce della vittoria di tappa di giovedì. Non avranno mai alcun margine di manovra. Per vincere, non ci deve essere separazione davanti, cosa possibile ma non garantita, e devono poter lasciare andare Vingegaard, Pogacar e gli altri. E con la forza dei due migliori francesi, sembra complicato.

Andiamo un po’ più in basso nella gerarchia. Anche Valentin Maduas, 13° in classifica, ha avuto un’impressionante prima metà del Tour. Ma ha un ruolo determinante: stare con David Gaudeau. A seconda delle condizioni di gara, potrebbe ovviamente giocare la sua carta (nell’ambientazione di Rolland con Voeckler nel 2011), ma non è lo scenario più probabile. Mi sarebbe piaciuto scommettere su Warren Bargell, ma mercoledì Wawa ha dato così tanto durante un raid, in gran parte solitario, che sarebbe stato complicato.

Quanto a Thibaut Pinot, dove sono davvero le sue gambe? Tuttavia, se le sbarre sono fuori (e questo è un grande “se”), sono d’accordo con Julian, questa è probabilmente l’ipotesi meno probabile. Non perché sia ​​il miglior giocatore francese, ma perché dopo aver perso 25 minuti mercoledì, potrebbe essersi salvato. In genere non dà fastidio a nessuno…

Vingegaard ha fatto la parte difficile?

Giuliano Chesna

sì. Certo, bisogna prendere delle grosse pinze a dieci giorni dalla fine, soprattutto visto lo scenario da capogiro dell’undicesima tappa e la promessa di un’amara vendetta di Pogacar giovedì sulla strada per l’Alpe d’Huez. E’ un miracolo che il danese sia passato da 39″ dietro lo sloveno a 2’22” in avanti, con la maglia gialla in palio, anche se quel miracolo è stato in gran parte dovuto alle cure proprie e della sua squadra.

Incredibile pergamena di armi: Vingegaard, Roglic e Pogacar si attaccano a vicenda in Galibier

Conta più di due minuti in tutte le competizioni, che in linea di principio dovrebbero portarlo dolcemente a Parigi. È più forte in alta montagna. E la sua formazione è la più forte in assoluto. Come il cielo della Grande Era, Jumbo-Visma è armato fino ai denti per difendere una maglia gialla che oggi sembra una fortezza inespugnabile. A meno che Pogacar non ritorni?

Se si conferma che il passaggio sbagliato a Granon è stato solo un fallimento a breve termine, lo sloveno potrà trovare terreno fino a Parigi per recuperare qua e là il ritardo, tramite bonus o piccole pause a suo favore. sul palco. È così che ha costruito il suo vantaggio all’inizio del round. Anche in questo modo può mettere Vingegaard a portata di mano del suo fucile prima del momento potenzialmente cruciale di Rocamadour. Ma la parte più difficile è stata fatta per Vingegaard, credo. Tutto quello che deve fare è gestire. Il che non sembra neanche un compito facile, c’è da dire, vista la caratura del suo (unico) e principale avversario.

Laurent Virgin

Dopo la dimostrazione di forza del danese, così come il (grande) colpo di Tadej Pojjakar, si è tentati di credergli. Jonas Weinggaard ha indubbiamente fatto molta strada prendendo il potere e, ancora di più, spingendo il suo avversario sloveno di oltre due minuti. Pogacar è sicuramente l’unico che potrebbe impedirgli di aggiungere il suo nome alla lista, così come era l’unica minaccia degna del nome del doppio titolo.

Ora, una delle due cose: o Pogacar non si riprende dal suo fallimento alla Granon e questo è il presagio di un fallimento più profondo e permanente, poiché diventa di nuovo se stesso. Nel primo caso, questo round del 2022 è foldato e gli ultimi 10 giorni saranno senza dubbio lunghi. Allora Vingegaard è pienamente in grado di fare un tour… à la Pogacar, accumulando pacchi e allargando i divari man mano che procedi. Ma se la teoria del giorno vuoto è quella buona, il capitano jumbo dovrà tenere gli occhi aperti.

C’è ancora molta strada da fare per Parigi. Ad Alpe, Hautacam e persino Mende, su un percorso che gli si addice indubbiamente meglio che a Vingegaard, ‘Pogi’ può recuperare parte del suo handicap, anche con secondi qua e là. Senza dimenticare le ricompense. Può (condizionatamente) avvicinarsi abbastanza prima della sua ultima prova da mantenere la suspense fino alla fine, e perché non ripetere l’acrobazia Planche nel 2020. Ovviamente, tutto questo sembra molto ipotetico mercoledì sera. Ma Pogacar al meglio non ha ancora perso questo round.

È questo il ritorno della grande Quintana?

Giuliano Chesna

È difficile da dire, ma durante il tour, tuttavia, è passato molto tempo dall’ultima volta che lo abbiamo visto così distrutto. Lontano a Galibier, “Kingtana” ha avuto il coraggio e poi le gambe per completare un attacco lanciato ai piedi dell’ultima salita. Senza il clamoroso ritorno di Vingegaard, la vittoria è stata sua a Granon.

Tuttavia, Quintana nella Grande Età avrebbe senza dubbio preso la ruota della Danimarca. Non era il caso qui, il leader Jumbo-Visma l’ha schiacciata e poi l’ha sputata fuori con tre colpi di pedale. Non merita davvero il miglior scalatore del mondo come era una volta.

Fondamentalmente, penso che questa tappa sia stata la più adatta per il colombiano. La discesa di Grannon è stata molto lunga e ripida, è stato il più difficile arrivare in cima a questo tour, e dopo non saremo mai svegli a lungo, dato che giovedì sono stati disputati più di venti chilometri a oltre 2.000 metri. Quindi non sono convinto che rivedremo in un partito del genere il leader di Arkéa-Samsic di qui a Parigi. A meno che la grande Quintana non stia tornando.

Laurent Virgin

Tutto dipende da cosa intendi per “Quintana la Grande”. Se ci riferiamo alla prima metà degli anni 2000, che ha censurato i podi del Tour de France (seconda nel 2012 e 2013, terza nel 2015), è senza dubbio troppo ottimista o, quanto meno, prematura. Per farlo avrebbe dovuto ripetere nel tempo, tappa di montagna dopo tappa di montagna, ciò che è stato in grado di produrre mercoledì.

D’altra parte, sono passati un bel po’ di anni dall’ultima volta che lo abbiamo visto così forte in una fase così difficile. Il colombiano è più abituato a lavorare da attaccante, da combattente, perché ha già brillato in classifica generale. Mercoledì ha corso con la migliore e la sua ultima scalata per Grannon, essendo stato il primo attaccante del gruppo maglia gialla a inseguire… il suo compagno di squadra Warren Bargill, è stato un piacere vederlo.

Non siamo arrivati ​​secondi in cima al pedale di Granon come ha fatto in questa undicesima tappa senza essere in perfetta forma. Ma può continuare? Giovedì ? Poi sui Pirenei? Anche Parigi? Questa è un’altra domanda. Nel frattempo Quintana è ancora una volta un contendente per il podio (la sua ultima partecipazione al Grand Tour risale al Giro 2017 e al Tour 2015. Dopo aver attraversato due versioni recenti come un fantasma, è già molto.

Giro di Francia

Come Jumbo-Visma riesce nel business della “demolizione” Pogacar

6 ore fa

Giro di Francia

Gaudu, un grato sopravvissuto: “Se non ci fossero, potrei essere a venti minuti di distanza”

9 ore fa

READ  Ines Sali, un piccolo prodigio nella nazionale rumena... a 15 anni