Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Dignità di fronte al tradimento”, “Traditore e leale”: sostegno della stampa britannica a Kate e William | Il documentario “Truth” di Harry e Meghan

“Traitor and Loyal Man”, sottolinea sottilmente la prima pagina del tabloid il Sole, che come di consueto dedica diverse pagine al documentario Netflix “Harry e Meghan”, la cui parte finale è uscita giovedì. “La dignità di fronte al tradimento”, aggiunge. mail giornaliera, che mostra una foto di Kate e William, come una famiglia, al loro arrivo all’Abbazia di Westminster. “Team Wales fronte unito”, aggiunge telegrafo.

(Leggi di più sotto i tweet)

La furia ricade ancora una volta sulla coppia reale caduta, dopo che hanno scatenato una nuova entusiasmante rivelazione. In questa puntata finale, il principe Harry punta finalmente il dito contro il “cattivo” della sua storia, suo fratello William. Pertanto, Harry lo descrive come il principale colpevole della sua partenza dalla famiglia reale. Dice che suo fratello “gli ha urlato contro” quando ha discusso dei suoi piani per lasciare l’incarico con sua moglie, Megan. Secondo quanto riferito, il principe William ha rilasciato una dichiarazione congiunta senza prima consultare Harry.

Le accuse non passano dalla stampa britannica, che mostra a gran voce il proprio sostegno agli eredi del regno. Il Daily Mail saluta così il comportamento mostrato dalla coppia reale al loro arrivo all’Abbazia di Westminster giovedì sera. Il giornale sottolinea anche l’amore che il popolo britannico ha per lui. Così descrive la piccola folla di persone che canta “Kate, ti amiamo” o “Principe William, ti amiamo”.

Una fonte reale aveva anche detto al quotidiano che la famiglia reale non voleva essere “macellata in una discussione” in cui ogni parte avrebbe sferrato un colpo dopo l’altro. “Sono determinati a rimanere silenziosi e dignitosi”.

READ  Provincia dell'Indocina e Louise Attac: il Festival Les Déferlantes rinuncia a stabilirsi a Perpignan