Agosto 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dieci anni dopo, il naufragio perseguita ancora i sopravvissuti

Umberto Trotti ha sentito le grida terrorizzate della moglie e dei figli e si è lanciato dalla Costa Concordia su una scialuppa di salvataggio profonda diversi metri per raggiungerli.

Il mio istinto era che la mia famiglia ha bisogno di me. Sono saltato da un’altezza di 3-4 metri. Sei atterrato su un povero tedesco“Dieci anni dopo il disastro”, ha detto all’AFP.

L’enorme nave da crociera di lusso è stata attraccata a terra di notte al largo dell’isola del Giglio, al largo della Toscana, in mezzo a acque ghiacciate il 13 gennaio 2012. Il bilancio finale delle vittime è salito a 32.

La famiglia Trotti era riluttante a tornare sull’isola giovedì per una funzione commemorativa e una staffetta della torcia.

Doveva essere il momento migliore della nostra vita

Le sirene delle barche e le campane delle chiese sull’isola suoneranno alle 21:45 per commemorare il momento in cui la nave ha colpito la barriera corallina.

Umberto Trotti, 44 anni, e sua moglie Fiorda, 33 anni, sono tornati un anno dopo la tragedia, ma hanno trovato l’esperienza traumatica. La coppia ha scelto questo viaggio per celebrare la luna di miele con la figlia Francesca di due anni e il piccolo Carlo di sei mesi.

Doveva essere il momento migliore della nostra vita“Confida Umberto.”Chi non era a bordo non avrebbe mai capito. Ero sotto shock, stavo camminando come uno zombi“.

L’aereo Concordia, che trasportava 4.229 persone da circa 70 paesi, ha sbandato mentre diversi passeggeri stavano mangiando.

Il capitano della nave, Francesco Schettino, poi condannato a 16 anni di reclusione, è stato lento a dare l’allarme ed è stato anche uno dei primi a lasciare la nave. Le persone sono andate nel panico quando è caduta la corrente e la barca è stata immersa nell’oscurità.

READ  Nonostante sia finora sfuggito al Covid, questo piccolo Paese sta ora soffrendo dei suoi primi due inquinamenti

L’evacuazione è iniziata più di un’ora dopo la collisione, quando tutte le scialuppe di salvataggio su un lato della nave erano inutilizzabili a questo punto.

Enorme tradimento

Uno chef ci ha salvato da ComoIn Lombardia (Nord), ricorda Umberto Trotti, la cui famiglia stava cenando al Ristorante Milano quando la nave si incagliò.

Paolo Maspero, che porta ancora il cappello da cuoco,”Ho abbracciato mio figlio di sei mesi e… ci ha accompagnati fuori. L’acqua stava salendo. Se non fosse venuto ad aiutarci, saremmo morti‘, conferma il signor Trotti, che non sa nuotare.

In un video poi girato dalla Guardia Costiera, si possono vedere subacquei che cercano vittime nel ristorante allagato.

Più avanti sul ponte n. 5, il pianista Antimo Magnotta è caduto dal sedile quando la barca si è improvvisamente inclinata di lato. Lui e altri membri dell’equipaggio si sono trovati circondati da passeggeri terrorizzati.

Una donna è venuta da me con due bambini piccoli. Era come una tigre, una leonessa, si è praticamente abituata a me. Mi ha detto: devi dirmi cosa fare per salvare i miei figli“Magnotta è l’autore di un libro intitolato”Pianista Costa Concordia“.

Cerca di rassicurare i passeggeri dicendo loro che il capitano farà un annuncio. “Gliel’ho promesso. Ma Schettino non ha mai parlato. Era alto tradimento“.

Il pianista 51enne ha raggiunto un lato della nave, ma quella notte due suoi amici sono morti.

Poi il musicista, che soffriva di disturbo da stress post-traumatico, decise di trasferirsi a Londra, dove trovò lavoro come cameriere. Adesso vorrebbe tornare a giocare per il popolo del Giglio, ma non può perdonare Schettino”Perché non ha detto che gli dispiace“.

READ  Parigi: Poliziotti in moto sparano a un'auto, due gravemente feriti

L’ex capitano è stato condannato nel 2015 per diversi omicidi e un incidente marittimo, oltre ad aver abbandonato la nave prima che tutti i passeggeri e l’equipaggio fossero evacuati.

Si è appellato alla Corte europea dei diritti dell’uomo e quest’anno i suoi avvocati dovrebbero chiedergli di scontare il resto della pena a casa per buona condotta.