Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Di fronte all’aumento dei prezzi del carburante, gli automobilisti stanno adattando il loro comportamento

In particolare, prendendo meno la propria auto per ridurre i costi. Un risultato basato sui dati di Coyote, l’azienda specializzata nel rilevamento di zone pericolose (radar, incidenti, degrado delle strade, ecc.), che stima la diminuzione del numero di utenti della strada del 18% dopo una settimana di passaggio di diesel e benzina il simbolico lingotto da 2€ lt.

Una scoperta confermata oggi da Auto Monitor. La rivista, specializzata nella pubblicazione di articoli dedicati alle automobili, ha condotto un’indagine su 2.000 conducenti belgi. Secondo questo studio (Leggi per intero qui ), almeno 8 belgi su 10 dichiarano di aver modificato il proprio comportamento di guida a causa dell’aumento dei prezzi del carburante: velocità più basse, uno stile di guida meno sportivo e viaggi più brevi sembrano essere i mezzi più comuni per ridurre i consumi a fronte dell’aumento dei costi di carburante. “Molte persone lasciano anche la macchina inattiva più spesso”, osserva Auto Monitor.

Indica anche una disparità “significativa” tra auto diesel ed elettriche. “Sebbene anche i prezzi dell’elettricità siano aumentati, i conducenti di veicoli elettrici sentono meno la pressione di cambiare il proprio stile di guida. In questo gruppo, meno della metà dei conducenti afferma che cambierà il proprio comportamento di guida. Al contrario, i conducenti di veicoli diesel, almeno l’85% Alcuni di loro hanno detto che avevano cambiato il loro comportamento.

Infine, saranno interessati anche gli acquisti di auto. Secondo Automobile Monitor, un belga su quattro afferma di aver temporaneamente rimandato l’acquisto di un’auto nuova. Il passaggio a un veicolo elettrico non è stato ancora evidente, secondo Alain Devos, editore di Moniteur Automobile: “I lunghi tempi di consegna e i prezzi elevati per molti modelli elettrici, in particolare, spiegano perché solo un belga su cinque sta attualmente considerando un’auto elettrica. Il numero è più basso nelle città, anche perché le infrastrutture per le stazioni di ricarica pubbliche sono ancora inadeguate».

READ  Come si spiega l'aumento dei prezzi delle materie prime?