Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Di fronte ai lupi, la salute degli allevatori si sta deteriorando

Nelle regioni di alta e media montagna ma anche in pianura, è in aumento la predazione dei lupi sulle mandrie, che mette in grande difficoltà l’agricoltore. Alcuni allevatori o pastori hanno già citato l’idea di interrompere questa appassionata professione per diversi motivi: non solo la predazione minaccia la sicurezza finanziaria di un agricoltore, ma ha un forte impatto sulla salute degli agricoltori e delle loro famiglie. È quanto hanno tentato di dimostrare Frédéric Nicolas e Antoine Doré, due scienziati del Laboratorio di Agroecologia, Innovazioni e Territori (Agir) dell’Inrae Occitanie-Toulouse, in uno studio finanziato dal Ministero degli Affari Sociali (2019-2021) dal titolo “ Uno studio socio-antropologico sugli effetti della presenza del lupo sulla salute di allevatori e pastori Dopo due anni di ricerca, il duo di sociologi ha messo in luce il legame tra la salute degli allevatori e lo stress dovuto al cambiamento delle condizioni di lavoro nell’ambito della predazione.Lo studio rileva l’apparizione ufficiale del lupo in Francia, e più precisamente in Mercantour, nel 1992”, Con conseguenti significative pressioni predatorie sull’allevamento estensivo, in particolare l’allevamento ovino pastorale ».

La predazione mette pressione sul morale

Da allora gli attacchi alle mandrie sono in costante crescita e la presenza del lupino è diventata un vero flagello dell’attività degli allevatori. Nonostante l’introduzione del piano di Wolf, gli agricoltori sono sopraffatti: tra stanchezza e ansia, sentirsi incompresi e soli, i fattori che influiscono sulla loro salute sono reali. ” Nelle aree in cui il lupo è presente da diversi anni o addirittura da diversi decenni, ad esempio, allevatori e pastori, soprattutto tra quelli senza attacchi importanti, potrebbero non reagire agli attacchi con la stessa forza del passato. Una particolare routine o abitudine può iniziare dopo quattro o cinque anni e gli attacchi diventano così normali da diventare parte della routine della cucina. Questo non significa che non soffrano Seleziona i ricercatori.

READ  Un belga francofono su due rinuncia all'assistenza sanitaria per motivi finanziari

Tuttavia, il mancato riconoscimento da parte delle autorità pubbliche talvolta avvertito, l’ignoranza di altri fruitori della natura e le difficoltà che ne derivano, in particolare con i cani da guardia, sono ugualmente effetti indiretti della predazione che incidono sul profilo psicologico di allevatori o pastori. ” Il non essere riconosciuto vittima accresce lo stupore e la tensione causati dalla minaccia avvertita durante l’attività e contribuisce ad indebolire lo standing o la reputazione di questi allevatori e pastori, che si presentano (e talvolta si considerano) come superstiziosi. ‘, afferma lo studio. E per aggiungere: Quando i greggi sono sotto attacco, queste pratiche (custodia e protezione dei greggi, ndr) sono spesso messe in discussione, in particolare pubblicamente, nei media mainstream o sui social network. Poi la predazione si presenta agli armenti come rivelatrice della disfunzione della professione, dell’incompetenza dei lavoratori, perfino della loro pigrizia (…). Quindi, secondo questi termini, allevatori e pastori non sono mai vittime della predazione: ne sono i primi responsabili. A tutto questo si aggiunge la paura e la pressione sugli allevatori per mettere in pericolo l’azienda, e in particolare per coloro che si sono stabiliti nell’azienda di famiglia.

nascondere i difetti

conosciuto come ” difficile da ferire Gli allevatori e gli agricoltori in generale hanno spesso un rapporto ambiguo con le cure mediche. Parlare dei propri sentimenti dopo gli attacchi dei lupi non è facile: da un lato, vogliono proteggere i propri cari e non mostrare loro i loro difetti, e dall’altro, non si sentono davvero compresi dai professionisti. Situazione. Lo studio, basato su interviste e dati statistici con allevatori e pastori, ha mostrato che la predazione era un importante fattore di stress fisico e psicologico. Gli assalti, per quanto violenti, provocano sentimenti di rabbia, angoscia e persino disperazione tra i pastori. Oltre all’ansia causata dalla presenza di un lupo, provoca, a causa della ripetizione, stanchezza e persino uno stato di esaurimento o depressione. Ma questo studio mostra anche questo L’effetto sulla salute non è strettamente correlato alla pressione di predazione diretta. La natura e la gravità degli effetti della presenza di un lupo sulla salute sono più correlate alla sensazione che l’allevatore o il pastore controlli la situazione del lupo nelle sue dimensioni pratiche (saper far fronte), ma anche simboliche (capacità di significato) ».

READ  Ridurre gli impatti sanitari, sociali ed economici delle emergenze di salute pubblica

Amandine Briollet