Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Denunce trovate che rivelano abusi subiti da molti soldati russi: “I nostri figli non sono animali”

Secondo la corrispondenza trovata dai media Bellingcat e The Insider, i soldati russi sono talvolta costretti o fortemente incoraggiati a recarsi in Ucraina per combattere.

Lì i soldati vivono in condizioni miserabili, con scarse strutture mediche e cibo insufficiente.

La rabbia dei genitori

La madre di Mohakil, un soldato russo sui vent’anni, spiega le ragioni della sua rabbia nell’e-mail che invia alla procura: “Quando ho chiamato mio figlio, mi ha detto che lo avrebbero portato a fare esercizio. Più tardi si è scoperto che lo era lasciare guerra. Rimasero nelle tende e non potevano lavarsi affatto. Doveva mangiare porzioni secche e ne riceveva solo metà».lei spiegò.Non c’era nemmeno acqua potabile sul treno. I nostri figli non sono animali. Dov’è la giustizia?

Altri genitori hanno riferito che i loro figliunSono stati indotti in errore per partecipare a un’operazione militare e le loro vite sono ora in pericolo. Non hanno ricevuto un addestramento militare completo.“Poi chiedono loro di trovare i loro figli e”Trasportali urgentemente in un luogo sicuro. “

Altre testimonianze confermano questa tendenza alla coercizione all’interno dell’esercito. Anche Elena, cittadina russa, spiega che il nipote di un’amica era”Fu costretto a firmare un contratto e fu picchiato dai suoi superiori“.

scuse deboli

Un soldato di 21 anni spiega che molti soldati e coscritti russi (persone registrate per svolgere il servizio militare) sono stati manipolati. Questa persona, che pensava di andare in Siria, si è finalmente ritrovata sul suolo ucraino: “

Sono stato mandato fraudolentemente in Ucraina senza tener conto dei miei desideri”.

Lui dice.

Sono in prima linea, in posizione di tiro. Ho perso

READ  Elezioni legislative 2022: ecco cosa rivela il sondaggio tra i due turni

Tutti i miei amici sono in battaglia.

Ho 21 anni e voglio vivere. ma cosa

io posso

giusto?