Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Decisione storica dell’UE sul clima”: Accordo europeo definitivo per porre fine alla vendita di veicoli con motori a combustione interna nel 2035

“Storica decisione dell’UE sul clima”, ha twittato il deputato francese Pascal Canvin (Renewing Europe), presidente della commissione per l’ambiente del Parlamento europeo, dopo alcune ore di negoziati. Il vicepresidente della Commissione europea responsabile del “Green Deal” dell’UE, Frans Timmermans, ha accolto con favore l’accordo che “manda un segnale forte all’industria e ai consumatori: l’Europa sta girando l’angolo verso la mobilità a emissioni zero”.

Il testo approvato, che si basa sulla proposta della Commissione nel luglio 2021, prevede di ridurre a zero le emissioni di anidride carbonica delle nuove auto in Europa a partire dal 2035.

Ciò equivale all’effettiva sospensione delle vendite di nuovi veicoli a benzina, diesel e commerciali leggeri nell’UE in questa data, nonché di ibridi (benzina ed elettrici), a favore di auto elettriche al 100%.

Mentre l’auto, il principale mezzo di trasporto per gli europei, rappresenta poco meno del 15% delle emissioni totali di anidride carbonica dell’UE, le nuove normative dovrebbero contribuire agli obiettivi climatici del continente, in particolare alla neutralità del carbonio nell’orizzonte 2050 dell’UE.

Si tratta del primo accordo sul testo del pacchetto europeo sul clima (“Fit for 55”) che mira a ridurre le emissioni di gas serra nell’Unione europea di almeno il 55% entro il 2030 rispetto al 1990.

Sostiene l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 per il 2030 del -55% per le auto nuove e del -50% per i nuovi camion, rispetto al 2021.

obiettivi raggiungibili

Il ministro dell’Industria ceco Josef Sekila, il cui paese detiene la presidenza del Consiglio dell’UE ogni sei mesi, ha affermato che “questo accordo apre la strada a un’industria automobilistica moderna e competitiva nell’Unione europea”, affermando che “le scadenze previste hanno reso gli obiettivi raggiungibili per i produttori. “

READ  Attrezzature ridotte, opzioni semplificate, accessori pratici...: come si stanno organizzando i produttori per affrontare la carenza di semiconduttori

Une dérogation est accordée aux constructeurs “de niche” ou ceux produisant moins de 10.000 véhicules par an, leur permanente d’être équipés d’un moteur thermique jusqu’en 2036. Cette clausola, dite parfois “amendementam Ferrari aux”, lusso.

I negoziatori hanno concordato di “avviare un processo nel 2025, dopo un’attenta valutazione delle esigenze finanziarie, un fondo transitorio equo dedicato ai dipendenti del settore”, ha osservato Pascal Canvin.

Il Parlamento ha chiesto la creazione di tale fondo transitorio, in particolare per affrontarne l’impatto sull’occupazione.

L’industria automobilistica impiega direttamente o indirettamente più di 13 milioni di europei, ovvero il 7% del mercato del lavoro dell’UE, secondo l’Associazione dei produttori europei (ACEA).

Canvin ha aggiunto che la proposta della commissione è prevista anche nel 2023 per aiutare ad accelerare la decarbonizzazione delle flotte di veicoli per le grandi aziende.

Sotto la pressione di diversi paesi, tra cui la Germania, il testo affronta la possibilità di dare il via libera in futuro a tecnologie alternative come i carburanti sintetici (combustibili elettronici) o i motori ibridi ricaricabili se consentiranno di raggiungere l’obiettivo di eliminare completamente le emissioni di gas serra dei veicoli.

Frans Timmermans aveva affermato a giugno che “la stragrande maggioranza delle case automobilistiche ha optato per le auto elettriche”, pur rilevando l’apertura europea del CEO ad altre tecnologie.

“Quello che vogliamo sono auto a emissioni zero”, ha spiegato. “Per ora, i combustibili elettronici non sembrano una soluzione realistica, ma se i produttori dimostreranno il contrario in futuro, saremo aperti”.

Per rispondere ai produttori preoccupati per l’insufficiente domanda dei consumatori per il 100% di elettricità, la commissione raccomanda vivamente lo sviluppo di stazioni di ricarica, da installare “ogni 60 chilometri”.

READ  Au Luxembourg - Un salarié touche en moyenne 38,10 euros de l'heure

Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellantis Group, nato dalla fusione di PSA e Fiat-Chrysler, ha anche rilevato giovedì il costo dei veicoli elettrici.

“Non vedo oggi che la classe media possa comprare auto elettriche per trentamila euro”, ha detto durante una visita a una fabbrica di Suv a Hordern (Francia settentrionale).

“In un mondo in cui i tassi di interesse sono in aumento, il livello di assistenza fornito oggi per un veicolo elettrico non è sostenibile”, ha affermato.