Campania Cronaca Sport welfare

De Luca incontra lo sport: «Riaperture progressive e zero rischi»

De Luca incontra lo sport

De Luca incontra lo sport regionale per discutere di progressiva ripartenza, evitando rischi di nuovi contagi.

L’esigenza di ritornare alla normalità sarà soddisfatta solo salvaguardando la salute degli atleti. De Luca incontra lo sport campano per tracciare, in sinergia, un percorso di riapertura delle strutture e di ripresa di tutte le discipline.

Il presidente della Regione Campania ha incontrato le federazioni affiliate al Coni: «Abbiamo voluto dare anche per il mondo dello sport un messaggio chiaro. Lavorare per un ritorno alla normalità in pieno controllo sanitario».

Il governatore ha fatto leva sulla grande esperienza per la Campania in occasione dell’Universiade 2019.

«Non dobbiamo assolutamente disperdere quanto realizzato, anche in termini di capacità organizzativa».

I rappresentanti dello sport regionale hanno dato priorità all’esigenza di ridurre a zero i rischi. «Una cabina di regia – ha concluso De Luca – coinvolgerà Coni e federazioni nelle decisioni da prendere».

Importante il discorso di carattere economico, per evitare la scomparsa di tante associazioni sportive dilettantistiche. Il Governo ha previsto un fondo di 400milioni di euro da ripartire per le diverse discipline. Ma è chiaro che questo sostegno rappresenterà solo un punto di partenza.

Le istituzioni locali potrebbero tendere un’ulteriore mano alle associazioni sportive. Riducendo notevolmente o anche azzerando i canoni di utilizzo delle strutture a gestione pubblica. Questa la richiesta che tante federazioni sportive hanno chiesto a Regione e Comuni per poter ripartire senza pesanti ripercussioni economiche.

La fase emergenziale, infatti, ridurrà notevolmente anche l’apporto degli sponsor, voce fondamentale nei bilanci delle società. E dunque l’eliminazione dei canoni di utilizzo degli impianti potrebbe in parte bilanciare la riduzione delle entrate.

Le misure dell’Istituto per il Credito Sportivo

Sul tema, l’Istituto per il Credito Sportivo ha varato una serie di misure per le società dilettantistiche, a partire dai mutui per liquidità. Il finanziamento, da un minimo di 3mila a un massimo di 25mila euro, sarà limitato comunque entro il 25% delle entrate del bilancio 2018. Il bilancio dovrà ovviamente essere approvato dalla società.

I mutui avranno durata di 6 anni, dei quali 2 di pre-ammortamento e 4 di ammortamento. Il pagamento della prima rata scatterà dopo i 2 anni di pre-ammortamento. Ci sarà infine totale abbattimento degli interessi per l’intera durata del finanziamento, da parte del Fondo Contributi Interessi – Comparto Liquidità.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi