Politica Salerno video

DAP, no alla riapertura del carcere di Sala Consilina. Cavallone: “Mi vergogno di essere un cittadino italiano”

DAP, no alla riapertura del carcere di Sala Consilina. Cavallone: “Mi vergogno di essere un cittadino italiano. Siamo stati presi soltanto in giro”. Castiello (M5S): “Presenterò petizione al Ministro Buonafede”

Un muro invalicabile quello del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria rimasto immutato dopo i tre incontri svoltosi a Roma presso il Ministero della Giustizia, e nonostante le istanze presentare a più riprese dal Comune di Sala Consilina, rappresentato da sindaco Francesco Cavallone, dall’Ordine degli Avvocati di Lagonegro, rappresentato dal presidente Gherardo Cappelli, dal Senatore Franco Castiello e dal Deputato Cosimo Adelizzi. Non è dunque bastato l’impegno da parte del Comune di Sala Consilina ad effettuare a proprie spese i lavori di ristrutturazione ed ampliamento del Carcere salese, portandolo a 51 posti, per convincere il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria a rivedere la propria posizione. Non solo le ragioni di un territorio, ma anche importanti principi e diritti sanciti dalla Costituzione Italiana si sono ancora una volta infranti sul muro alzato dai tecnici e dai dirigenti del DAP, che hanno dato l’impressione di non prendere in alcuna considerazione la loro controparte nella Conferenza di Servizi sul Carcere imposta dal Consiglio di Stato. Nessun interesse nemmeno per la “ragionevole” proposta del deputato del M5S Cosimo Adelizzi: ampliare il Carcere di Sala Consilina con i fondi individuati dal Comune, e poi utilizzarlo quantomeno fino alla individuazione e alla messa a disposizione di un nuovo Istituto Penitenziario al servizio del Tribunale di Lagonegro.

“Siamo stati presi soltanto in giro”, è il commento all’unisono del Sindaco Francesco Cavallone e dal Senatore del M5S Franco Castiello, nel corso della conferenza stampa tenuta al Comune di Sala Consilina, durante la quale hanno annunciato che la battaglia continuerà nelle sedi opportune, in Parlamento e davanti ai Giudici.

“Ci aspettavamo –ha raccontato il sindaco Francesco Cavallone- l’inizio di un dialogo sull’ipotesi di ampliamento del Carcere, con un sopralluogo sul posto per ulteriori verifiche da parte del DAP. Invece non appena ci siamo seduti, il Direttore Generale dottor Pietro Buffa ci ha informati che non era possibile accogliere la nostra proposta. Mi sono sentito gabbato e preso in giro non solo nella mia funzione istituzionale ma anche come persona. Ci è stato detto che l’ampliamento a 51 posti era antieconomico per la gestione degli Agenti di Polizia Penitenziaria, adducendo ora addirittura un minimo di 400 posti. Continueremo la nostra battaglia, condotta insieme con il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Lagonegro Gherardo Cappelli e con affianco il Senatore Franco Castiello, che si è speso in modo esemplare per il territorio”.
“Io personalmente –ha assicurato il Senatore del M5S- presenterò una petizione presso il Ministro Buonafede pregandolo di intervenire su questa Burocrazia per ammansirla ed indurla a ragionevolezza, e se questo non sarà sufficiente farà una interpellanza al Senato. Se nemmeno questa strada dovesse sortire effetti, infine, proseguiremo con decisione davanti ai Giudici”.

laRed TV





Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi