Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dal Fronte Nazionale al Fronte Nazionale: così il partito di estrema destra è diventato la prima forza politica francese in 50 anni

Dal Fronte Nazionale al Fronte Nazionale: così il partito di estrema destra è diventato la prima forza politica francese in 50 anni

L’Assemblea nazionale è stata istituita nel 1972 e si è sviluppata in modo significativo. Dopo aver ricevuto meno dell’1% nelle elezioni presidenziali del 1974, 50 anni dopo divenne il partito leader in Francia.

A più di cinquant’anni dalla fondazione del Fronte Nazionale, il partito di estrema destra di Marine Le Pen, diventato poi il Raggruppamento Nazionale, è passato dall’emarginazione al disprezzo delle urne, diventando il partito leader in Francia.

Venti giorni dopo lo scioglimento dell’Assemblea nazionale, avvenuto il 9 giugno scorso, è arrivato al potere dopo aver ottenuto domenica circa il 34% dei voti al primo turno delle elezioni legislative anticipate.



Inizi

Il Fronte Nazionale per l’Unità Francese, partito formato da gruppi nazionalisti tra cui Ordine Nuovo, fu creato il 5 ottobre 1972. Dopo aver ottenuto meno dell’1% alle elezioni presidenziali del 1974, il suo presidente Jean-Marie Le Pen scelse la lotta contro l’immigrazione come una priorità.

Edizione per abbonati digitali
Il presidente del Fronte Nazionale Jean-Marie Le Pen fotografato il 3 febbraio 1973 a Parigi, durante la campagna per le elezioni legislative

Nel 1983, ottiene la sua prima grande vittoria elettorale: Jean-Pierre Sterbois, segretario generale del Fronte Nazionale, ottiene il 16,7% al primo turno delle elezioni comunali a Dreux (Eures-et-Loire) e si allea con la destra nel partito secondo round.

Tre anni dopo, il voto proporzionale portò 35 deputati del Fronte Nazionale all’Assemblea Nazionale.





Nelle elezioni presidenziali del 1988, Le Pen salì al 14,37% dei voti, ma il ritorno al sistema maggioritario uninominale lo lasciò con un solo deputato.

READ  La nave Ocean Viking ha attraccato in Francia con 230 migranti a bordo: "È una decisione scandalosa, vogliamo che tutta l'Europa diventi Africa", ha risposto Zemmour.

Edizione per abbonati digitaliEdizione per abbonati digitali
Jean-Marie Le Pen il 21 aprile 1988, durante la campagna per le elezioni presidenziali

i dettagli”

Nel settembre 1987, Jean-Marie Le Pen descrisse le camere a gas naziste come “Dettagli sulla storia della seconda guerra mondialeÈ stato condannato nel 1991. Altre dichiarazioni che stigmatizzano gli omosessuali, gli immigrati o i rom, secondo lui, servono alla promozione del Fronte Nazionale.

Dal 1992 al 1998, il partito ha conquistato le città di Tolone (Var), Marignan (Bouches-du-Rhône) e Orange (Vaucluse). Nelle elezioni presidenziali del 1995, Le Pen ottenne il 15,15%. Il 1° maggio, a margine di una parata militare del Fronte Nazionale, un marocchino è morto nella Senna, spintonato dagli skinhead.





Terremoto del 2002

Colpo di fulmine nel 2002: Le Pen si qualifica al secondo turno delle elezioni presidenziali contro Jacques Chirac con il 16,86% dei voti. Sua figlia, Marine, divenne vicepresidente del partito.

Edizione per abbonati digitaliEdizione per abbonati digitali
La reazione di Jean-Marie Le Pen, il 21 aprile 2002, dopo l’annuncio delle stime preliminari sui risultati del primo turno delle elezioni presidenziali

Nelle sue ultime elezioni presidenziali, nel 2007, Jean-Marie Le Pen ha ottenuto il 10,44%, il suo peggior risultato dal 1988. Il Fronte Nazionale è caduto anche alle elezioni europee del 2009 (4,17%).

Alla guida del partito dal gennaio 2011, la popolarità di Marine Le Pen, con la sua strategia di “normalizzazione” che mette in risalto le questioni sociali, è salita al 17,9% nelle elezioni presidenziali del 2012.
Marion Maréchal, sua nipote, diventa deputata.

Edizione per abbonati digitaliEdizione per abbonati digitali
Marine Le Pen diventa la nuova presidente del Fronte Nazionale il 16 gennaio 2011

READ  Canada: la scoperta di un cucciolo di mammut mummificato, "una delle scoperte più incredibili al mondo" (foto)

Dopo aver vinto undici consigli comunali nel 2014, il Fronte Nazionale ha ottenuto una vittoria storica alle elezioni europee (25%), molto più avanti dell’UMP e del Partito Socialista.

Padre e figlia, niente va più bene

Nelle elezioni cantonali dell’anno successivo il Fronte nazionale era in testa in 43 cantoni. Ma il signor Le Pen ribadisce i suoi commenti sulle camere a gas. All’età di 87 anni fu espulso dal partito.

Nell’aprile 2017, dopo un dibattito che ha ammesso “fallito”, Marine Le Pen ha perso le elezioni presidenziali a favore di Emmanuel Macron. Nelle elezioni legislative, il Fronte Nazionale ha ottenuto otto rappresentanti.

A fine giugno Marine Le Pen è stata accusata di un’indagine sugli assistenti parlamentari dei deputati europei del Fronte nazionale. Il processo è previsto per l’autunno 2024.





FN diventa RN

Marine Le Pen, rieletta alla guida nel 2018, vuole simboleggiare la “trasformazione” del Fronte Nazionale in un “partito di governo” e di alleanze: il Raggruppamento Nazionale (RN).

Nuovo primo posto alle elezioni europee 2019, con il 23,3% dei voti.

Nel settembre 2021, Marine Le Pen ha ceduto le redini del potere a Jordan Bardella per dedicarsi alle elezioni presidenziali. Il suo rivale di estrema destra, Eric Zemmour, gli ha rapito Marion Maréchal.

89 deputati

Le elezioni presidenziali del 2022 rappresentano un nuovo fallimento per Emmanuel Macron. Tuttavia, con il 41,5% dei voti, l’estrema destra non si è avvicinata affatto al potere sotto la Quinta Repubblica. Nelle elezioni legislative che seguirono, la svolta fu storica, poiché il Fronte Nazionale, con 89 funzionari eletti, diventò il principale gruppo di opposizione.

READ  L'autore di una serie di omicidi ha predetto i suoi crimini nei suoi libri





Conseguenza storica e shock di fusione

Il 9 giugno la lista di Jordan Bardella ha vinto le elezioni europee con il 31,36% dei voti, più del doppio del risultato della lista di Macron. Nel processo, Emmanuel Macron ha sciolto l’associazione.

Siamo pronti ad esercitare il potere se i francesi avranno fiducia in noi durante le prossime elezioni legislative“, afferma Marine Le Pen. Jordan Bardella è diventato il favorito di Matignon, ma avverte che accetterà di diventare primo ministro solo se riuscirà a ottenere la maggioranza assoluta nell’Assemblea nazionale.





Sorpresa a destra: Eric Ciotti, capo del Partito Repubblicano (LR), si unisce al partito del Fronte Nazionale. Il suo partito cerca di rovesciarlo e lui esplode.

I candidati congiunti RN-LR vengono annunciati in 70 distretti elettorali. Marion Marichal chiama a votare per loro, completando la sua separazione da Eric Zemmour.