Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crisi energetica: ecco i termini e le condizioni per usufruire del blocco del mutuo ipotecario

Di fronte all’esplosione dei prezzi dell’energia, l’Unione bancaria ha presentato giovedì un piano che consentirebbe alle famiglie in difficoltà finanziarie di sospendere temporaneamente il pagamento dei mutui.


Giornalista presso il Dipartimento di Economia

Tempo di lettura: 3 minuti

IlIl settore bancario, attraverso il Velveine Dome, ha risposto all’appello del governo. Giovedì è stato annunciato che le persone finanziariamente colpite dalla crisi energetica potranno richiedere il differimento delle rate del mutuo. Ecco gli aspetti pratici.

Di che rapporto stiamo parlando?

Le persone che soddisfano i requisiti di idoneità (vedi sotto) beneficeranno automaticamente di un pagamento differito dalla propria banca quando lo richiederanno. Questo differimento significa che il mutuatario non è tenuto a effettuare pagamenti di capitale per 12 mesi. Tuttavia, gli interessi sono ancora dovuti. La durata del credito sarà prorogata del periodo di differimento del pagamento. In altre parole, il mutuatario pagherà il suo saldo per 12 mesi in più rispetto a quanto originariamente previsto. Le banche si impegnano a non addebitare la consueta tassa di iscrizione o tassa amministrativa.

Il cui, di chi ?

La sospensione del mutuo può essere richiesta da soggetti che soddisfano tutte le seguenti condizioni:

L’ipoteca è stata contratta per la residenza principale dei mutuatari in Belgio.

– Al momento della richiesta di differimento del pagamento, il totale attivo trasferito su tutti i conti correnti e di risparmio e nel portafoglio investimenti della banca privata o di altro istituto di credito era inferiore a 10.000 euro. In questo calcolo non si tiene conto dell’avere di vecchiaia.

– A partire dal 1 marzo 2022, nessun ritardo di pagamento è registrato a nome del mutuatario nel Centro Centrale di Credito Individuale (CCP).

Il mutuatario ha un piano di pagamento in corso o è stato richiesto al suo fornitore di energia.

La banca richiederà alcuni documenti giustificativi per poter avviare la procedura, come la prova del piano di pagamento o l’ordinazione di tale piano al fornitore di energia. Inoltre, il mutuatario sarà tenuto a riconoscere giurato che sta incontrando difficoltà di rimborso a causa di un aumento della bolletta energetica e che il totale dei suoi beni trasferiti è inferiore a € 10.000.

Quando puoi candidarti?

La dilazione del pagamento può essere richiesta nel periodo dal 1 ottobre 2022 al 31 marzo 2023 compreso. Può essere richiesto solo per pagamenti futuri (mensili). Occorrono circa dieci giorni di calendario per elaborare la domanda. Per posticipare il pagamento della rata mensile in scadenza al 1° novembre 2022, la domanda deve essere presentata entro e non oltre il 21 ottobre 2022.

Come viene presentata la domanda?

Le persone che desiderano usufruire di una dilazione di pagamento sono invitate a contattare la propria banca a partire dal 19 settembre 2022 per verificare se soddisfano le condizioni. Questo può essere fatto previo appuntamento o attraverso i canali digitali a disposizione della banca (e-mail, chat, applicazione mobile, ecc.) e telefonicamente. Febelfin consiglia inoltre a coloro che non soddisfano le condizioni per differire il pagamento, ma riscontrano problemi finanziari, di contattare la banca il prima possibile. “Ciò consentirà loro di trovare soluzioni alla propria situazione”.



L’attività è influenzata?

Loro, come gli individui, non trarranno vantaggio dal ridimensionamento automatico. Tuttavia, le banche insistono sul fatto che vogliono “fare ogni sforzo per cercare di aiutarle a superare questa difficile situazione economica”. Le aziende che rischiano di incontrare difficoltà finanziarie a causa dei prezzi elevati dell’energia sono incoraggiate a contattare la propria banca per trovare una possibile soluzione adatta al loro caso. Ciò può assumere la forma di un rimborso del capitale differito, ma anche di un finanziamento aggiuntivo, di un’estensione della durata del credito o persino di una combinazione di queste formule, sottolinea Febelfin.

READ  Uscita dal nucleare: il primo reattore sarà disconnesso entro un mese