Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

COVID-19: un antimalarico che protegge le cellule polmonari

Questo farmaco antimalarico poco costoso e facilmente disponibile previene l’infezione da COVID nelle cellule polmonari umane.

Il farmaco è mostrato qui per essere efficace in laboratorio,

  • Prevenzione e trattamento: l’antimalarico in vitro Atovaquone mostra un effetto protettivo prima e dopo l’infezione da coronavirus nelle cellule umane. Ciò indica che può essere utilizzato per la prevenzione e il trattamento del COVID. Sebbene il farmaco sia già approvato, è più riposizionabile e più facile da implementare.
  • contro più variabili: Questo è uno studio entusiasmante che mostra che Atovaquone può essere utilizzato, almeno in laboratorio, per proteggere le cellule polmonari da molti tipi di coronavirus (alfa, beta e delta).– spiega l’autore principale, il dottor David Olanier, professore associato di biomedicina. Il team testerà presto il farmaco contro una nuova alternativa di Omicron.
  • Contro l’eccessiva risposta immunitaria: il farmaco riduce infine la risposta infiammatoria nota per contribuire alle forme gravi della malattia.

Speranza per i paesi con scarso accesso ai vaccini: Madalina Carter Timofti, ricercatrice e un altro autore principale dello studio, commenta questo studio: “La pandemia continua ad avere gravi conseguenze in termini di decessi e perdita di produttività in tutto il mondo. Mentre la maggior parte delle persone nel mondo occidentale ha accesso ai vaccini, molti paesi a basso reddito stanno combattendo una battaglia impari contro il COVID. Scoprire l’efficacia di questo disponibile farmaco Su larga scala, poco costoso e già approvato, può aiutare a rallentare la diffusione dell’infezione a un gran numero di persone non vaccinate”.

L’efficacia del farmaco “resta” da confermare in vivo. contro il COVID-19. Negli Stati Uniti sono già in corso 3 studi clinici, uno presso il Southwestern Medical Center dell’Università del Texas e l’altro presso l’HonorHealth Research Institute in Arizona. Entrambi gli studi sono iniziati all’inizio del 2020 ed entrambi stanno testando l’atovaquone in combinazione con l’azitromicina in pazienti affetti da COVID.