Gennaio 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

COVID-19: un antimalarico che protegge le cellule polmonari

Questo farmaco antimalarico poco costoso e facilmente disponibile previene l’infezione da COVID nelle cellule polmonari umane.

Il farmaco è mostrato qui per essere efficace in laboratorio,

  • Prevenzione e trattamento: l’antimalarico in vitro Atovaquone mostra un effetto protettivo prima e dopo l’infezione da coronavirus nelle cellule umane. Ciò indica che può essere utilizzato per la prevenzione e il trattamento del COVID. Sebbene il farmaco sia già approvato, è più riposizionabile e più facile da implementare.
  • contro più variabili: Questo è uno studio entusiasmante che mostra che Atovaquone può essere utilizzato, almeno in laboratorio, per proteggere le cellule polmonari da molti tipi di coronavirus (alfa, beta e delta).– spiega l’autore principale, il dottor David Olanier, professore associato di biomedicina. Il team testerà presto il farmaco contro una nuova alternativa di Omicron.
  • Contro l’eccessiva risposta immunitaria: il farmaco riduce infine la risposta infiammatoria nota per contribuire alle forme gravi della malattia.

Speranza per i paesi con scarso accesso ai vaccini: Madalina Carter Timofti, ricercatrice e un altro autore principale dello studio, commenta questo studio: “La pandemia continua ad avere gravi conseguenze in termini di decessi e perdita di produttività in tutto il mondo. Mentre la maggior parte delle persone nel mondo occidentale ha accesso ai vaccini, molti paesi a basso reddito stanno combattendo una battaglia impari contro il COVID. Scoprire l’efficacia di questo disponibile farmaco Su larga scala, poco costoso e già approvato, può aiutare a rallentare la diffusione dell’infezione a un gran numero di persone non vaccinate”.

L’efficacia del farmaco “resta” da confermare in vivo. contro il COVID-19. Negli Stati Uniti sono già in corso 3 studi clinici, uno presso il Southwestern Medical Center dell’Università del Texas e l’altro presso l’HonorHealth Research Institute in Arizona. Entrambi gli studi sono iniziati all’inizio del 2020 ed entrambi stanno testando l’atovaquone in combinazione con l’azitromicina in pazienti affetti da COVID.

READ  Pagare più di 1 milione di dollari agli operatori sanitari non vaccinati in Quebec | Corona virus