Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA

Covid-19, troppi contagi, stretta del sindaco Servalli a Cava de’ Tirreni

Week end blindati. Chiusi tutti gli esercizi commerciali nelle giornate festive

Cava de’ Tirreni. Nuove disposizioni in vigore fino al 31 marzo. Dopo aver reso noti l’aggiornamento dei dati dell’Unità Epidemiologica di Cava de’ Tirreni, del Dipartimento Prevenzione dell’Asl Salerno, il sindaco  Vincenzo Servalli ha emesso con la quale sispone, con effetto immediato e fino al 31 marzo 2021, nuove disposizioni anti Covid.

Sono 348 i cavesi attualmente i positivi al covid 19 in città,  di cui 10 sono in ospedale. 18 deceduti complessivi di cui 12 nella seconda fase della pandemia.

Le nuove disposizioni in vigore fino al 31 marzo

1. l’attività degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio, legittimamente aperti ed ivi  compresi gli esercizi di generi alimentari ed i supermercati, è consentita fino alle ore 19.00 di tutti i giorni feriali e prefestivi. Per le tabaccherie ed i distributori di carburante dopo le ore 19.00 restano comunque in funzione i relativi distributori automatici posti all’esterno degli stessi;

2. la chiusura di tutti gli esercizi commerciali nelle giornate festive. Sono escluse le tabaccherie, le edicole, i distributori di carburante con chiusura alle ore 19.00 e le farmacie di turno. Per le tabaccherie ed i distributori di carburante dopo le ore 19.00 restano comunque in funzione i distributori automatici posti all’esterno degli stessi. Per gli esercizi commerciali specializzati quali forni, pasta fresca, gelaterie e pasticcerie è consentito l’asporto fino alle ore 13.00.

3. le farmacie continueranno ad osservare l’orario consueto previsto dalle disposizioni nazionali anti-Covid nonché il funzionamento dei relativi distributori automatici;

4. l’asporto per i bar e i servizi di ristorazione (fra cui pub, ristoranti, pizzerie, gelaterie, pasticcerie e similari) è consentito nei giorni feriali e prefestivi dalle ore 5.00 alle ore 18.00. Dopo tale ora, ed anche nei giorni festivi,  è consentita, nei limiti ed orari stabiliti dalle disposizioni nazionali e regionali la modalità di consegna a domicilio;

5. è severamente vietato consumare in strada cibo e bevande da asporto e trattenersi dinanzi agli esercizi di cui al punto 4 per consumare bevande o altro;

6. È assolutamente inibito il passeggio e/o la circolazione delle persone con una temperatura corporea uguale o superiore a 37,5 °C. Codeste hanno l’obbligo di restare presso la propria abitazione, limitare al massimo i contatti sociali e contattare il proprio medico curante.

7. Tutti gli uffici, le attività di servizi o commerciali devono garantire nel rispetto delle disposizioni tutte sopra richiamate la corretta applicazione nelle proprie sedi di attività delle misure anti covid per il proprio personale e per l’utenza;

8. Si raccomanda particolarmente: al comando polizia municipale e a tutte le altre forze dell’ordine (polizia di stato, carabinieri e guardia di finanza) la predisposizione di controlli serrati ed idonei ad assicurare l’osservanza del presente provvedimento e della normativa vigente nazionale e regionale in particolare per quanto attiene l’uso dei d.p.i. del distanziamento e del divieto di  stazionamento, per le persone che, attraversino luoghi e strade pubbliche.

Leggi anche: Secondo centro vaccinale a S. Francesco, Servalli spegne le polemiche

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi