Campania Cava de' Tirreni Scuola

Covid-19, spazi esterni per le scuole. Il Comune lavora di anticipo

riapertura scuole

Nuovi spazi nelle scuole per accogliere gli alunni in sicurezza quando sarà disposto il ritorno tra i banchi.

Cava de’ Tirreni. L’Amministrazione Comunale sta lavorando in anticipo, in vista del post-Covid19, per garantire agli studenti le misure necessarie a poter tornare in aula senza il rischio di contagio, e dare contestualmente agli insegnanti la possibilità di tenere lezioni negli spazi esterni e all’area aperta non appena le condizioni meteorologiche saranno più clementi.

Si muove in tale direzione l’ultima determina dirigenziale del settore “Lavori Pubblici e Manutenzione e Patrimonio”, che prevede il noleggio e l’installazione di otto strutture in legno che saranno allocate nei plessi del territorio che ne hanno fatto richiesta.

«Le strutture da installare – si legge nella determina – seppure temporanee e destinate ad essere utilizzate per la durata dell’attività scolastica, dovranno avere idonee caratteristiche di durevolezza, stabilità e di resistenza agli agenti atmosferici e dunque tali da non dover essere sollevate in occasione del primo evento atmosferico di una qualche importanza. Per questo si è pensato di realizzare strutture in legno adeguatamente ancorate al suolo che possono essere rimosse in maniera semplice. Il noleggio delle strutture comprende inoltre, per ciascuna, la fornitura di quattro tavoli da esterno in legno e panche senza spalliera».

La misura è stata possibile grazie al finanziamento di 100 mila euro ricevuto a seguito della partecipazione del bando previsto dal Ministero della Pubblica Istruzione per l’assegnazione di fondi strutturali per l’istruzione, l’edilizia scolastica e la scuola digitale.

Il numero di strutture è stato determinato a seguito di richiesta rivolta a tutti i dirigenti scolastici di indicare eventuali necessità di creazione di nuovi spazi esterni per le esigenze didattiche legate all’emergenza da Covid19.

Da tale indagine è stato disposto che tre strutture saranno installate presso l’Istituto Comprensivo “Carducci-Trezza” di via Carlo Santoro; due invece saranno destinate alla scuola dell’infanzia di via XXIV maggio e due alla scuola primaria “Santa Maria del Rifugio” di piazza Nicotera e una, infine, alla scuola dell’infanzia di via Carillo.

«Abbiamo colto a volo l’opportunità presentatasi con il bando ministeriale – ha spiegato l’assessore alla manutenzione e alle opere pubbliche, Nunzio Senatore – per muoverci in anticipo e prevedere la disposizione di queste strutture esterne per le scuole cavesi che serviranno, in primis, ad agevolare eventuali attività e lezioni che i docenti vorranno tenere all’esterno, con la possibilità di collocare il materiale didattico all’interno dei gazebi in legno. Inoltre le strutture potranno servire, a discrezione delle dirigenze, anche da deposito così da poter liberare i locali interni dei singoli plessi e prevedere maggiori spazi da destinare alle attività didattiche dei ragazzi o per permettere di allestire nuove aule».

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi