Campania

Covid-19, a Cetara nuova ordinanza del sindaco: “Non abbassiamo la guardia”

la red - Ezio Falcone

Si attendono esiti 73 tamponi di verifica. Divieto di accesso alle spiagge presenti sul territorio comunale

Cetara: sebbene sembra si sia stabilizzata la situazione epidemiologica nel borgo cetarese, il sindaco Fortunato della Monica esorta a non abbassare la guardia e ha emanato una nuova ordinanza restrittiva.

Nello specifico:

la proroga dell’Ordinanza sindacale n. 35 del 26.10.2020 fino al 29 novembre 2020, e per l’effetto: la sospensione del mercato settimanale ubicato in C.so Federici.

2) la proroga dell’Ordinanza sindacale n. 37 del 29.10.2020 fino al 22 novembre 2020, e per l’effetto: la sospensione delle attività didattiche in presenza della scuola dell’infanzia del Plesso di Cetara facente parte dell’Istituto Comprensivo di Vietri sul Mare.

3) la proroga dell’Ordinanza sindacale n. 38 del 29.10.2020 fino al 29 novembre 2020, e per l’effetto: la chiusura degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio, fatta eccezione per la farmacia, nei seguenti giorni e orari:

– dal lunedì al venerdì chiusura dalle ore 14.00;

– il sabato chiusura dalle ore 18.00;

– domenica chiusura per l’intera giornata.

4) la proroga dell’Ordinanza sindacale n. 40 del 30.10.2020 fino al 29 novembre 2020, e per l’effetto: la chiusura al pubblico, dalle ore 21.00 alle ore 5.00, di tutta la zona di Largo Marina (passeggiata, giardini pubblici, via Cantone, zona Porto).

È fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti, alle abitazioni private, nonché ai luoghi di lavoro e al parcheggio.

5) la proroga dell’Ordinanza sindacale n. 41 del 30.10.2020 fino al 22 novembre 2020, e per l’effetto: la chiusura delle chiese insistenti sul territorio comunale, al fine di evitare occasioni di incontro anche nel rispetto delle prescrizioni del distanziamento sociale, salvo per la celebrazione delle cerimonie funebri in forme privata limitatamente ai parenti stretti, come da prescrizioni del governo centrale.

6) la proroga dell’Ordinanza sindacale n. 42 del 30.10.2020 fino al 22 novembre 2020, e per l’effetto: la chiusura al pubblico degli uffici comunali. Gli uffici comunali garantiranno modalità alternative di contatto con l’utenza con avvisi sul sito web istituzionale, con l’utilizzo di posta elettronica e contatti telefonici. Resta ferma la possibilità di accesso all’Ufficio Servizi Demografici il mercoledì dalle ore 10 alle ore 12 per le sole procedure urgenti di rilascio della Carta d’Identità Elettronica che necessita della presenza fisica dell’interessato.

7) la proroga parziale dell’Ordinanza sindacale n. 46 del 2.11.2020 fino al 20 novembre 2020, e per l’effetto: la chiusura delle attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, pizzerie, ristoranti, gelaterie, pasticcerie).

Sono fatte salve le attività di asporto e di consegna a domicilio, nel rispetto delle misure di prevenzione e sicurezza vigenti, fino alle ore 21.00.

8) fino al 29 novembre 2020 la sospensione dell’attività di commercio ambulante.

9) fino al 20 novembre 2020 il divieto di accesso alle spiagge presenti sul territorio comunale ivi compresa la scogliera a protezione dell’abitato.

 “La catena dei contagi sembra essersi fermata, ma tocca fare ancora uno sforzo per porre del tutto un freno a questa pandemia” – afferma il primo cittadino, Fortunato Della Monica, risultato ancora positivo al Covid.

“Restiamo in attesa degli esiti di tutti e 73 tamponi di verifica eseguiti lo scorso lunedì. I primi dati lasciano ben sperare ma, settimana prossima, continuerà lo screening.  Prevedo una situazione di grande miglioramento entro fine settimana prossima”.

“ Se tutto va bene, – aggiunge – saremo ben lieti di riaprire il paese con l’accensione delle luminarie natalizie in segno di gioia e speranza, per iniziare a respirare aria di festa. Un ringraziamento va al forte spirito di collaborazione di tutta la cittadinanza e alla sensibilità di tutti gli operatori del settore economico del paese che hanno prontamente accettato le imposizioni adottate dall’amministrazione, necessarie al bene del paese. Continuiamo a rispettare le misure adottare, con il distanziamento sociale, indossando correttamente la mascherina ed il buon senso ce la possiamo fare. Evitiamo di recarci presso abitazioni di familiari o amici, se non per condizioni di comprovata necessità. Ricordiamo che la Protezione Civile di Cetara si è resa disponibile a portare a casa la spesa di beni di prima necessità per coloro che sono impossibilitati ad uscire, a causa della loro positività. Per tutti coloro che devono affrontare la quarantena e non hanno la possibilità di isolarsi nelle proprie abitazioni, sono state messe a disposizione, a titolo gratuito, case vuote e camere di B&B del posto; per poter usufruire anche di questo servizio, è possibile contattare la Protezione Civile al numero 089/9355570.

“A tutti voi, – conclude – un in bocca al lupo e i miei più sinceri auguri di pronta guarigione. Spero anche io di tornare presto alla normalità, nel mio amato paese”.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi