Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cos’è la sindrome di Muller-Weiss, la malattia incurabile di cui soffre Rafael Nadal?

‘Addormentare i piedi era l’unico modo’: Rafael Nadal ha rivelato domenica dopo la sua 14esima incoronazione al Roland Garros di aver giocato con un sinistro insensibile per non soffrire il dolore che lo paralizza sempre più. Il resto della sua carriera ora dipende dal successo di un altro trattamento meno estremo che intende provare “la prossima settimana”.

La sindrome di Muller-Weiss, la malattia che colpisce sempre più il campione di tennis spagnolo Rafael Nadal, è una condizione rara che colpisce le ossa del piede, che possono causare dolore cronico.

Dall’età di 18 anni i maiorchini soffrivano di osteonecrosi dello scafoide – o tarsale navicolare – che è anche chiamata sindrome di Muller-Weiss. Ha detto all’inizio di maggio che si trattava di una malattia degenerativa “cronica e incurabile”. Questa sindrome colpisce l’osso navicolare, situato nella parte posteriore del piede, tra la caviglia (precedentemente nota come astragalo) e le ossa cuneiformi. “Questo osso è sottoposto a una grande pressione e per ragioni che non sappiamo perde i vasi sanguigni e diventa necrosi”, Spiega AFP Denis Menard, presidente della Società francese di chirurgia podiatrica e capo del reparto di ortopedia dell’ospedale di Nancy.

5 stadi

Nei casi più gravi e “Nelle persone che esercitano molta pressione sui piedi, l’osso si allenta, si appiattisce e può sgretolarsi e, alla fine, questo può evolvere in osteoartrosi quando l’arco plantare si accorcia”, afferma. Identifica.

La sindrome di Muller-Weiss può interessare solo un piede ma più spesso colpisce entrambi i piedi. Rafael Nadal soffre di un solo piede, il sinistro. Questa malattia colpisce più spesso donne e persone di età compresa tra 40 e 60 anni.

READ  Formula 1 | Bin Sulayem dice che non prende di mira Hamilton in modo specifico

Il professor Minar non conosce il profilo del giocatore spagnolo. Ma avanza “l’ipotesi intellettuale” che potrebbe essere stato colpito, da bambino, dal morbo di Kohler-Moshe, una rara malattia dello sviluppo osseo marino che colpisce i bambini sotto i 10 anni, soprattutto i ragazzi atletici, e che può lasciare cicatrici.

La sindrome di Muller-Weiss è composta da cinque fasi: la prima fase è asintomatica e l’ultima è osteoporotica. Le cause di questa malattia sono ancora sconosciute. “Nei due autori inizialmente descritti, Muller pensava che si trattasse più di un trauma e WEIs più di un vascolare. Al momento, consideriamo l’origine più che vascolare”, osserva il professor Maynard.

Vivo quotidianamente con molti antinfiammatori

Alcuni fattori possono aumentare il rischio che si verifichi (sovrappeso, piedi piatti, fratture da stress, ecc.). Questa malattia è spesso difficile da diagnosticare all’inizio, poiché si sviluppa silenziosamente nelle prime fasi. Il dolore di solito compare più tardi.

Oltre al comfort, le solette ortopediche possono ridurre lo stress meccanico. Di fronte al dolore, le terapie antinfiammatorie e infiltrative completano il pacchetto terapeutico complessivo.

“Vivo quotidianamente con molti antinfiammatori per darmi la possibilità di potermi allenare (…) se non li prendo sono zoppo”, Rafael Nadal ha detto: E il “Il mio problema, ormai da tempo, è che ci sono diversi giorni in cui vivo con molto dolore”.

Per i pazienti il ​​cui dolore non scompare più e che non sono più in grado di camminare, può essere prescritto un intervento chirurgico. Previene entrambe le articolazioni che coinvolgono l’osso della canoa. “Nei casi in cui l’osso scafoide si è disintegrato, è necessario anche un innesto osseo per ripristinare la lunghezza dell’arco interno del piede”, sottolinea il professor Maynard. “Esercitarsi ad alto livello dopo questa operazione sembra difficile”, Giudicato.

READ  Premier League: il Chelsea è quasi salito sul podio e l'Everton è rimasto