Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cos’è il “dolore sociale” e come affrontarlo? |

Se non ami te stesso, può essere difficile amare bene un’altra persona. Nel complesso mondo delle relazioni, a volte piacersi o voler stare insieme non basta. Ci deve essere qualcosa di più, forse una sorta di obiettivo comune, un’illusione condivisa o il fatto che tu sia fiducioso e pronto ad affrontare una storia condivisa.

A volte uno o entrambi possono trovarsi in tempi strani e difficili. E non dovrebbe succedere niente di male. Potrebbe esserci un problema psicologico di fondo che non risponde a un motivo, ma a diversi motivi, ovvero la persona non ha la forza e la fiducia per affrontare questa nuova situazione.

Questa mancanza di autostima si traduce in comportamenti irregolari, come l’auto-sabotaggio (di se stessi, di un altro o di entrambi), gelosia eccessiva e ingiustificata e un’intensa paura del rifiuto che finisce per creare discussioni intense e frequenti. Diversi studi collegano l’autostima individuale a una maggiore soddisfazione nelle relazioni sentimentali. Infatti, alla fine della giornata, non si tratta solo di ciò che pensiamo di noi stessi, il che è ovvio, ma anche di come vogliamo che gli altri ci trattino, il che è molto importante quando si tratta di stabilire una connessione emotiva.

Secondo uno studio pubblicato su terapia comportamentale la rivistaUna grande fiducia in te stesso e nella tua relazione è un buon indicatore della longevità di una coppia. Coloro il cui partner non ha la stessa quantità di autostima andranno avanti di meno e sperimenteranno molti alti e bassi emotivi. ” Sebbene le capacità comunicative, le emozioni e lo stress possano svolgere un ruolo, l’esperienza passata e i tratti della personalità di una persona hanno un’influenza molto maggiore sul modo in cui affrontano questi aspetti.hanno concluso gli autori in un articolo sullo studio Pubblicato in Centrale psichiatrica.

READ  Aveyron: Ospedale di Decazeville al posto del letto dell'agenzia sanitaria regionale

Da dove viene la bassa autostima?

Come fai a sapere se questo è il caso tuo o della persona con cui esci di recente? E soprattutto, cosa puoi fare per evitare che ti influisca o rovini la tua relazione? Innanzitutto, devi capire cos’è la bassa autostima e come funziona. Taylor Hood e David A. Moskowitz, psicologi dell’Università di Waterloo, in Canada, hanno pubblicato uno studio in cui citano un termine poco usato per questo tratto dannoso della personalità: dolore socialeÈ un disturbo mentale molto reale, hanno ipotizzato, che attiva alcune parti del cervello in persone che hanno sperimentato o hanno sperimentato una forte esclusione o rifiuto.

“Possiamo imparare dai nostri errori senza lasciare che compromettano le nostre relazioni con gli altri.”

Il rispetto di sé, per Hood e Moskowitz, è ” Un indicatore del valore che riconosciamo in noi stessi e che portiamo in tutte le nostre relazioniQuindi di solito vedi una bassa autostima quando commetti una serie di errori o ti senti come se avessi fallito.Quello che succede a tutti noi una volta o l’altra;quello che succede con una bassa autostima è una costante sensazione di fallimento, che non solo ci impedisce di godere dei nostri successi, qualunque essi siano, piccoli o grandi, ci impedisce anche di desiderare di più, che è esattamente ciò che accade quando due persone vogliono iniziare una relazione. Se vuoi stare con qualcuno e questo ricambia, è presumibilmente perché entrambi traete vantaggio dallo stare insieme e avere una joint venture.D’altra parte, una persona che manca di autostima si renderà conto al minimo cambiamento che tutto andrà storto.

D’altra parte, una persona con una bassa autostima tenderà inconsciamente ad assumere e immaginare cose che non sono vere, sia su se stessa che sul proprio partner. In questo senso, vedranno ovunque minacce immaginarie, che assumeranno la forma di una gelosia incontrollabile, ad esempio, o di una perdita di calma di fronte a qualsiasi problema, per quanto piccolo. Come possiamo evitare che questi sentimenti spiacevoli e cattivi sentimenti prendano il sopravvento?

READ  "Potrei fare molti lavori ben pagati, ma ho scelto di diventare un insegnante di matematica."

Pensa due volte

« Un senso soggettivo di fallimento può indurre le persone a confondere la loro generale disapprovazione per gli altriSpiega la psicologa americana Wendy L. Patrick, V.I Un recente articolo su Psychology Today Si ispira allo studio di Hudd e Moscovitch. ” Riconoscere questo atteggiamento umano è il primo passo per costruire e mantenere partnership positive, sane, trasparenti e ricche di sfumature. Possiamo imparare dai nostri errori senza lasciare che compromettano le nostre relazioni con gli altri.«.

Pertanto, uno dei migliori consigli è pensarci due volte prima di agire o parlare. Sii abbastanza moderato da sapere quando c’è una minaccia proporzionale nella relazione o quando è solo paranoia per l’insicurezza. Non dare per scontato ciò che pensiamo che l’altra persona pensi o confrontare il nostro rapporto con gli altri, immaginari o reali. Ogni relazione e ogni persona è unica e diversa, e sta a noi assicurarci che sia buona e non rovinata dalla mancanza di fiducia in se stessi. Quindi, un altro consiglio molto utile può essere quello di analizzare gli aspetti che ci rassicurano meno, e fare qualche ricerca su di essi e sulle nostre esperienze passate. Tutto sommato, se pensi che la bassa autostima stia influenzando la tua relazione, vai in psicoterapia in modo che un professionista possa mostrarti come gestire questo periodo della tua vita, non solo per il bene della relazione, ma anche perché è essenziale che impari ad amarti in modo giusto e necessario.

Spettacolo nascondere Contenuti