Attualità Campania EVIDENZA Salute video

Conte alla Nazione: “Chiudono tutte le attività non essenziali”

L’incontro in conference call con i sindacati nel pomeriggio, i pessimi dati che arrivano dalla Protezione civile con gli aggiornamenti di oggi 21 marzo hanno spinto il Presidente Giuseppe Conte a parlare alla Nazione intorno alle 23.

Il Presidente Giuseppe Conte alla Nazione: “Chiuse attività produttive non necessarie. Restano aperti supermercati, farmacie e parafarmacie. Assicurati i beni di prima necessità“.

Continueranno a restare aperti tutti i supermercati, tutti i negozi di genere alimentari e di generi di prima necessita’. Invito tutti a mantenere la massima calma“. Lo dice il premier Giuseppe Conte in diretta Facebook
sottolineando che resteranno aperte anche farmacie e parafarmacie e “saranno assicurati i trasporti pubblici“. Le misure resteranno attive, salvo proroghe, fino al prossimo 3 aprile 2020.

Nel corso del suo discorso, durato circa 5 minuti, il Presidente Conte ha inoltre detto che sarà consentito, “al di fuori delle attività ritenute essenziali” solo lo smart working. Unica eccezione sarà fatta per le “attività produttive ritenute comunque rilevanti per la produzione nazionale”.

Nel pomeriggio in Lombardia, la regione italiana più colpita dal Coronavirus, era scattato il divieto di praticare sport e attività motorie svolte all’aperto, anche singolarmente. Divieto di assembramento nei luoghi pubblici, fatto salvo il distanziamento (droplet), con ammenda fino a 5mila euro, fermo delle attività dei cantieri edili e sospensione delle attività degli uffici pubblici, delle attività artigianali e degli studi professionali.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi