Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corona Virus: la Norvegia si fa più dura di fronte a aspettative preoccupanti, la Cina annuncia il primo caso della variante Omicron

Primo caso di variante Omicron in Cina

La Cina ha annunciato di aver rilevato il primo caso del virus Omicron altamente contagioso, il coronavirus, secondo quanto riportato dai media statali lunedì. Secondo il Tianjin Daily, le autorità della città cinese nordorientale di Tianjin hanno rilevato la variante in una persona di ritorno dall’estero, senza specificare in quale Paese si trovasse.

I risultati dei test per il paziente, che non ha mostrato sintomi positivi, sono arrivati ​​giovedì e ulteriori test hanno confermato la “divulgazione di (…) l’alternativa Omicron”, secondo il quotidiano, che aggiunge che questo paziente è stato trasferito all’ospedale e messo in isolamento.

Il paese più popoloso del mondo attende nuovi focolai mentre si prepara ad ospitare le Olimpiadi invernali di Pechino a febbraio.

Funzionari sanitari hanno ordinato protocolli più severi nelle città costiere come Tianjin, situata a circa 140 chilometri dalla capitale.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato domenica che la variante Omicron sembra diffondersi più rapidamente rispetto alla variante Delta, causando sintomi meno gravi e rendendo i vaccini meno efficaci, sottolineando che i dati sono ancora molto incompleti.

La Cina è stata in grado di ridurre significativamente i casi di Covid grazie a una combinazione di controlli alle frontiere, ampie campagne di test e blocchi mirati.

Il Paese ha registrato lunedì 101 nuovi casi di COVID-19, inclusi 21 casi importati, secondo l’Agenzia nazionale per la salute.

La Norvegia si è ulteriormente inasprita tra aspettative allarmanti

Niente alcol nei bar o ristoranti, accelerazione delle vaccinazioni, diffusione del telelavoro… La Norvegia ha presentato lunedì una nuova serie di misure sanitarie di fronte al Covid dopo aver pubblicato previsioni allarmanti. L’Istituto norvegese di sanità pubblica (FHI) ha avvertito che senza misure – comprese quelle già in atto – questo Paese scandinavo di 5,4 milioni di persone potrebbe registrare in tre settimane tra 90.000 e 300.000 nuovi casi di Covid al giorno e da 50 a 200 al giorno ricoveri in ospedale. Di mattina.

READ  I ricercatori stanno lavorando a un "vaccino da sogno" che dovrebbe proteggere dal virus Corona per tutta la vita

L’alta ipotesi di questo range è più o meno coerente con il numero di persone che hanno contratto ufficialmente il virus in Norvegia dall’inizio dell’epidemia, che lunedì ha raggiunto 317.870, di cui 1.136 decedute.

“Ora è una cosa seria”, ha detto il primo ministro Jonas Gahr Store in una breve conferenza stampa.

Ha sottolineato che la continua diffusione della variante delta e l’emergere di una nuova variante di Omicron, considerata più contagiosa, potrebbe portare a “completa congestione del sistema sanitario”.

Meno di una settimana dopo aver rafforzato le misure sanitarie, il governo ha di conseguenza stretto nuovamente il cappio.

Sarà vietata la somministrazione di bevande alcoliche nei bar e nei ristoranti, anche se fino ad ora era possibile farlo fino a mezzanotte.

Questo dovrebbe significare la fine delle tradizionali feste prenatalizie organizzate dai datori di lavoro. Uno di questi “portiere” è diventato il fulcro della variante Omicron alla fine di novembre a Oslo.

Come altre misure, questo divieto entrerà in vigore durante la notte da martedì a mercoledì e durerà quattro settimane fino a nuovo avviso.

Il telelavoro sarà obbligatorio quando possibile, l’obbligo di indossare una mascherina estesa e l’accesso alle piscine pubbliche e alle palestre limitato a determinati gruppi di popolazione. Si raccomanda inoltre di annullare gli incontri sportivi.

Anche la vaccinazione sarà accelerata riducendo l’intervallo tra la seconda e la terza iniezione a 4,5 mesi per gli over 45 e gli operatori sanitari. Un promemoria avrebbe dovuto essere dato a tutte le persone in queste categorie entro la metà di gennaio.

La Repubblica Ceca ha lanciato una campagna di vaccinazione per i bambini dai 5 anni in su

Le autorità ceche hanno esteso la campagna di vaccinazione contro il virus Corona, consentendo da lunedì di vaccinare i bambini a partire dall’età di 5 anni. Durante la mattinata, circa 6.000 genitori avevano già programmato un appuntamento per la loro prole, secondo il ministro della Sanità Adam Vojtech. La Repubblica Ceca ha ordinato a Pfizer/BioNTech circa 300.000 dosi del vaccino pediatrico, sufficienti per immunizzare un bambino su tre in questa fascia di età. È richiesto il consenso di entrambi i genitori.

READ  In Francia "la situazione sta peggiorando", secondo il ministro della Salute

I giovani di età superiore ai 12 anni sono già stati vaccinati da luglio.

Il numero di infezioni da coronavirus è nuovamente diminuito nella Repubblica Ceca, con 851 nuove infezioni ogni 100.000 persone registrate in un periodo di sette giorni. Quasi 35.000 persone sono morte a causa del Covid-19 in questo paese dell’Europa centrale

La Danimarca si precipita a prendere la terza dose

“A causa della nuova variante più contagiosa di Omicron, le autorità sanitarie danesi hanno deciso di offrire la terza dose a tutte le persone di età superiore ai 40 anni, in modo che ricevano il vaccino quattro mesi e mezzo dopo la seconda dose”, rispetto a sei mesi finora, ha annunciato l’Agenzia nazionale della sanità.

La Danimarca lunedì ha registrato un numero record di nuovi casi di Covid-19, con 7.799 infezioni nelle ultime 24 ore.

Nel corso di una settimana, anche il numero di infezioni ha raggiunto il suo livello più alto, a 46.189, un aumento di oltre il 50% rispetto alla settimana precedente, secondo i dati delle autorità sanitarie danesi compilati da AFP.

Riducendo l’intervallo della dose di richiamo, “saremo in grado di entrare in inverno con una migliore protezione per le persone a maggior rischio di malattie gravi e una maggiore immunità nella popolazione”, ha difeso il direttore Soren Prostrom in un comunicato stampa.

Il Regno Unito ha annunciato, domenica sera, l’accelerazione della dose di richiamo, aperta a tutti gli over 18 anni, prima del capodanno.

Dietro al Regno Unito, la Danimarca è il paese al mondo che ha rilevato il maggior numero di casi di Omicron sul suo suolo ed entrambi i paesi sono molto efficaci nel sequenziamento per rilevare rapidamente le varianti.

A partire da domenica, nel regno scandinavo sono stati registrati 2.471 casi di Omicron su 5,8 milioni, con l’80,6% di quelli di età superiore ai cinque anni che hanno ricevuto due dosi di vaccini.

READ  Emmanuel Macron ha annunciato che non renderà obbligatoria la vaccinazione dei bambini

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato domenica che la variante Omicron sembra diffondersi più rapidamente rispetto alla variante Delta, causando sintomi meno gravi e rendendo i vaccini meno efficaci, sottolineando che i dati sono ancora molto incompleti.

Di fronte a un’ondata di casi, la Danimarca ha reimposto nuove restrizioni la scorsa settimana con scuole e college chiusi, vita notturna limitata e diffusione del telelavoro.

Quarta ondata nella Repubblica Democratica del Congo

Lunedì le autorità hanno annunciato che la Repubblica Democratica del Congo sta vivendo una quarta ondata della pandemia di Covid-19, con un “massiccio aumento della diffusione del virus” e una presenza confermata nel territorio alternativo di Omicron. “Tutti i rapporti epidemiologici testimoniano un massiccio aumento della diffusione del virus”, ha scritto il ministro della sanità pubblica Jean-Jacques Mbongani Mbanda.

Il 10 dicembre, ha affermato, il Paese ha registrato 638 nuovi casi di infezione, con la città di Kinshasa più colpita, con almeno 557 casi confermati. Tuttavia, il tasso di mortalità rimane basso.

Inoltre, “i dati scientifici confermano già la circolazione della variante Omicron sul nostro territorio”, si legge nel testo.

Questa nuova variante è stata scoperta il 24 novembre dalle autorità sudafricane e da allora è stata monitorata in decine di paesi in tutto il mondo.

Il ministero della Salute congolese aggiunge che “il verificarsi di questa quarta ondata coincide con il riemergere dell’influenza stagionale”, che mostra sintomi simili al Covid-19.

Chiede la consultazione in caso di tosse, il rispetto dei gesti di barriera e “vaccinazione diffusa per consentire (al Paese) di raggiungere l’immunità di gruppo”.

La Repubblica Democratica del Congo è tra i Paesi meno immunizzati al mondo contro il Covid-19.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato domenica che la variante Omicron sembra diffondersi più rapidamente rispetto alla variante Delta, causando sintomi meno gravi e rendendo i vaccini meno efficaci, sottolineando che i dati sono ancora molto incompleti.