Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Continua a mantenere la nostra promessa di prezzi più bassi”


La notizia di questa settimana non è stata positiva per Colruyt. Mercoledì si è tenuta una riunione degli azionisti durante la quale Jeff Colroit, presidente del gruppo, non è stato dei più ottimisti. Si prevede infatti che il risultato consolidato per l’esercizio che si concluderà a fine marzo 2023 sarà “significativamente inferiore” rispetto al 2021-2022.

Nel suo intervento, il presidente ha fatto riferimento ai bassi volumi nei negozi di generi alimentari e alla politica dei prezzi bassi perseguita dalla sua azienda, che non gli consente di trasferire l’inflazione a prezzo pieno al cliente. La pressione inflazionistica porta anche a un aumento significativo dei costi del gruppo e l’impatto previsto supera i 200 milioni di euro. Si tratta di costi relativi all’energia, ai trasporti e al personale. “Questi hanno un enorme impatto alla luce del sistema di indicizzazione salariale automatico in Belgio”, aggiunge Collroit.

Nell’anno finanziario 2021-2022, Colruyt ha generato un utile di 288 milioni di euro, in diminuzione del 25% rispetto all’esercizio precedente. Tuttavia, il fatturato è aumentato dell’1,2% a 10 miliardi di euro.

Oltre ai supermercati, Colruyt raccoglie i marchi OKay, Bio-Planet, Dreamland, DATS 24, la catena di fitness Jims e altri.

prezzo basso

Tuttavia, allo stesso tempo, i clienti sono rassicurati sulla promessa di base dei loro supermercati. Mentre molti marchi sono in guerra aperta con i fornitori, il che ha portato alla scomparsa di alcuni prodotti dai loro scaffali, Colruyt da parte sua osserva che è in buoni rapporti con tutti. “Questo ci consente di continuare a mantenere la nostra promessa di prezzi più bassi”, ha confermato a DeTejd Joe Willemens, responsabile della vendita al dettaglio di prodotti alimentari.

READ  Hino: un complesso immobiliare di charme a 2.150.000 euro (foto)