Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conflitto in Siria: la Russia invita la Turchia a evitare “qualsiasi uso eccessivo della forza”

Tempo di lettura: 2 minuti

IlMartedì la Russia ha dichiarato di sperare che la Turchia eserciti “moderazione” e si astenga da “qualsiasi uso eccessivo della forza” in Siria, dove Ankara ha lanciato attacchi aerei e minacciato un’offensiva di terra contro i combattenti curdi.

“Speriamo di convincere i nostri colleghi turchi ad astenersi dal ricorrere a un uso eccessivo della forza sul suolo siriano”, al fine di “evitare un’escalation delle tensioni”, ha detto alla stampa Alexander Lavrentiev, l’inviato speciale del presidente russo Vladimir Putin alla stampa stampa.

Domenica scorsa, l’aeronautica militare turca ha lanciato l’operazione Sword Claw, una serie di raid contro le posizioni del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) e delle Unità di protezione del popolo (YPG) nel nord dell’Iraq e in Siria. Secondo il rapporto dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, 37 persone hanno perso la vita in questi raid.

“Per mesi, la Russia (…) ha fatto tutto ciò che era in suo potere per impedire qualsiasi operazione di terra su larga scala”, ha detto Lavrentiev ad Astana, la capitale del Kazakistan, dove si svolgerà un incontro tripartito tra Russia, Turchia e Iran sulla Siria. posto.

Questi tre paesi sono i principali attori della guerra in Siria, che ha causato quasi mezzo milione di vittime dal 2011. Lavrentiev ha chiesto di “continuare a lavorare con tutte le parti interessate per trovare una soluzione pacifica, compresa la questione curda”.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan minacciava da maggio di lanciare una nuova operazione militare nel nord della Siria, e l’attentato del 13 novembre a Istanbul, che Ankara ha immediatamente attribuito al Partito dei lavoratori del Kurdistan e alle Unità di protezione del popolo, ha fatto precipitare gli eventi.

“Faremo pagare il prezzo a coloro che ci disturbano sulle nostre terre”, ha detto lunedì Recep Tayyip Erdogan, citando le “consultazioni” in corso per decidere “quanta forza le nostre forze di terra dovrebbero condividere”.

READ  Ucraina: bombardamenti "continui" della regione di Donetsk, nuovi aiuti Usa per come