Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come lo zar Pietro il Grande, Vladimir Putin vuole “riprendersi ciò che appartiene alla Russia”


“Abbiamo appena visitato una mostra dedicata al 350° anniversario di Pietro il Grande. È incredibile, ma non è cambiato quasi nulla. (…) Pietro il Grande guidò la Guerra del Nord per 21 anni. Sembra che nella lotta contro la Svezia stesse prendendo qualcosa. “Non ha catturato nulla, ha preso il comando”, ha detto Putin, durante un incontro con giovani uomini d’affari a Mosca.

“Quando fondò una nuova capitale (San Pietroburgo – ndr), nessun Paese europeo riconobbe questa regione come appartenente alla Russia. Tutti la consideravano parte della Svezia. Ma da tempo immemorabile, gli slavi vi abitarono fianco a fianco con i finnico- Popoli Ugrici. (.. .) Alzati e rafforzati”, disse.

“Ovviamente è anche nostro dovere riprendere e rafforzare”, ha detto il presidente russo, che sembrava alludere all’attacco russo all’Ucraina.

“Sì, ci sono stati momenti nella storia del nostro Paese in cui siamo stati costretti a trattenerci, ma solo per raccogliere le forze e andare avanti”, ha detto.

La sconfitta della Svezia nella Grande Guerra del Nord (1700-1721) rese la Russia la principale potenza nel Mar Baltico e un attore importante negli affari europei.

La Russia celebra, giovedì, il compleanno dello zar Pietro il Grande, che si adoperò per avvicinare l’impero all’Europa, in un’eco del passato scoppiato tre secoli dopo, in una rottura totale tra Mosca e l’Occidente a causa del conflitto in Ucraina .

READ  Guerre en Ucraina: toujours pas de “no-fly zone” mais des équipements “de pointe”

In occasione del 350° anniversario della nascita di Pietro I, che regnò prima come zar e poi come imperatore dal 1682 fino alla sua morte nel 1725, il presidente Putin visitò una mostra a lui dedicata a Mosca.