Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come i talebani avrebbero guadagnato milioni grazie ai Mondiali | Coppa del Mondo 2022

Il controverso Mondiale, che si svolge in Qatar dal 20 novembre, è costato più di 200 miliardi di euro. I talebani avrebbero approfittato di questo evento planetario per guadagnare milioni, in particolare grazie alla costruzione di stadi, come rivelato dal quotidiano britannico “The Telegraph”. spiegazioni.

La Coppa del Mondo si è rivelata una vittoria per i talebani. Alti funzionari del gruppo islamico estremista hanno ricavato enormi profitti dalla costruzione di stadi in Qatar. Fornivano i macchinari pesanti che le imprese edili compravano o affittavano a caro prezzo. Un’attività molto redditizia: le aziende avrebbero pagato diversi milioni in totale.

I talebani hanno investito molto nella costruzione della Coppa del Mondo e il torneo è una fonte inesauribile di entrate aggiuntive. È la gallina dalle uova d’oro. Hanno guadagnato milioni, ha detto a The Telegraph una delle fonti, che viveva a Doha nel decennio prima che i talebani conquistassero l’Afghanistan nel 2021.

Discorsi di pace

Dal 2013, un folto gruppo di leader talebani vive a Doha, la capitale del Qatar, dove ha tenuto lunghi colloqui di pace con gli Stati Uniti e le Nazioni Unite.

Stadio Khalifa di Doha. ©Reuters

Due fonti talebane di alto rango hanno ciascuna rilasciato dettagli al Telegraph dopo aver espresso frustrazione per la condotta della loro leadership in Afghanistan. Mentre i talebani vivono una vita lussuosa a Doha, perseguono politiche molto conservatrici nel loro paese.

La scorsa settimana, i talebani hanno annunciato il ritorno alle dure punizioni della Sharia in Afghanistan, tra cui lapidazione e fustigazione. Le bambine non potevano più frequentare la scuola secondaria. Le donne non possono lavorare o uscire in luoghi pubblici come parchi, giardini e palestre.

Lo stadio Al Janoub in Qatar.

Lo stadio Al Janoub in Qatar. ©Reuters

indennità lucrative

Le fonti hanno descritto come, durante i negoziati di pace, i rappresentanti ricevessero lauti stipendi per vivere in Qatar, e poi li investissero in attrezzature da costruzione pesanti. Il Telegraph ha scritto che “alcuni membri talebani possiedono ciascuno da sei a dieci macchine pesanti a Doha e guadagnano fino a 10.000 sterline (circa 11.500 euro) per macchina al mese”.

Le autorità del Qatar, con l’approvazione degli Stati Uniti e delle Nazioni Unite, avrebbero pagato ad alti funzionari talebani a Doha uno stipendio mensile di diverse migliaia di euro come parte dei loro sforzi per facilitare i colloqui di pace con l’Occidente. Hanno anche ricevuto auto di lusso, assistenza sanitaria e pasti gratuiti.

The Telegraph afferma che il denaro è stato inizialmente pagato in contanti e poi trasferito direttamente su conti bancari appartenenti ai talebani, rendendo difficile per le autorità statunitensi e del Qatar monitorare la spesa.

Stadio Khalifa di Doha.

Stadio Khalifa di Doha. ©Reuters

“un segreto di Pulcinella”

Un ex diplomatico afghano afferma: “Era un segreto nell’ambasciata afghana a Doha che la squadra negoziale e gli alti funzionari talebani ricevessero buoni stipendi dal regime del Qatar e che stessero investendo questi stipendi in macchine edili per la Coppa del mondo”. Doha.

Con gli sforzi per attuare l’accordo di pace del 2020 tra i talebani e gli Stati Uniti, il Qatar ha ospitato i leader talebani in proprietà descritte come “piccoli castelli”.

Parlando con The Telegraph, un portavoce dei talebani ha smentito l’affermazione secondo cui “l’Emirato islamico dell’Afghanistan ha fornito al Qatar macchinari da costruzione per la Coppa del mondo”. “Nessun rappresentante dell’Emirato islamico ha investito compensi in macchinari pesanti e/o ha subappaltato tali macchinari ad aziende”, ha detto il portavoce.

La maggior parte di questi alti funzionari è poi tornata in Afghanistan.

Abbiamo un dossier completo in tutto il mondo

READ  Muore Mauro Forgheri, il leggendario mago della Ferrari