Agosto 11, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come Essel è diventato il primo motore sotto il controllo di un milionario italiano

Una bella pulizia di primavera. A due anni e mezzo dalla fusione di Essilor, transalpine si è assicurata il controllo del nuovo pacchetto con Luxottica, la multinazionale italiana specializzata in montature in vetro, fiore all’occhiello del CAC 40 e la più grande delle lenti corrette. Piace L’ho rivelato Echi Dall’inizio di giugno, gli italiani ora ricoprono tutte le posizioni di comando in EssilorLuxottica, inclusa la filiale che sovrintende alle sue operazioni in Francia. Nonostante le iniziali promesse di una gestione equilibrata, la fusione ha subito aperto la strada al miliardario Leonardo del Vecchio per riportare l’azienda sotto controllo, aggiungendo orgoglio al coinvolgimento dei dipendenti fino ad allora.

Due società Annunciato Si è unito ai loro applausi nel gennaio 2017. La fusione dei due complementi darà vita a un leader mondiale negli occhiali con un fatturato di 140.000 dipendenti e 15 miliardi di euro. All’epoca, i leader francesi avevano promesso un futuro equilibrio di potere all’interno del gruppo: “ Sarà una società di diritto francese, quotata a Parigi e con sede a Chardonnay in Val-de-Marne. “, Valutare Qui vicino Il mondo Hubert Sagniers, il capo di Esler. Dopo il completamento della transazione nell’ottobre 2020, il francese ha accettato la gestione di EssilorLuxottica in associazione con Leonardo del Vecchio, fondatore e proprietario dell’azienda italiana. Poiché entrambe le società mantengono la propria presenza come filiali del gruppo, hanno uguali poteri e ciascuna è a capo della propria roccaforte.

Onnipotente partner

Dietro questa apparente simmetria, il miliardario si ritaglia in realtà la parte del leone della consolidata azienda. È il maggiore azionista con una quota del 32% nella sua holding con sede in Lussemburgo. Questo livello chiave è un risultato diretto della fusione: la mossa sposta la posizione dominante che precedentemente deteneva all’interno di Luxotica, dove da sola ha accumulato quasi i due terzi del capitale.

READ  Will Cain ha delle domande dopo il municipio di Biden

Al contrario, Essilor non è dominata da alcun investitore onnipotente. Grazie a una cooperativa di lavoratori costituita da artigiani del vetro nel 1849, l’azienda è stata caratterizzata da una forte partecipazione dei dipendenti: la metà dei suoi dipendenti deteneva azioni nel 2017, e deteneva l’8,2% del totale. Nessun altro attore ha superato questo livello. Mentre nel nuovo gruppo la quota di dipendenti è solo del 4,3%, molto più alta di quella di Del Vecchio. ” Con tale predominio nel capitale, la sua acquisizione è stata scritta in anticipo », Denise Branch Manager e Partner di EssilorLuxottica Phitrust Protocol Fund Ratings. I leader francesi si sono lasciati ingannare nell’accettare il matrimonio? ” Avrebbero dovuto sperare che Del Vecchio si ritirasse presto e che i suoi discendenti non avrebbero avuto problemi a gestire l’attività. , Jean-Louis Barrea, rappresentante sindacale centrale spiega CFDT.

Nonostante i suoi 86 anni, Del Vecchio sta davvero cercando di prendere il controllo della nuova squadra. E se i termini della connessione forniscono una certa protezione, non è sufficiente per impedirne il successo. Le leggi delle multinazionali consentono a un azionista di esercitare un massimo del 31% dei voti, e quindi deve formare alleanze con altri titolari. Ma gli italiani sono polarizzati per prendere decisioni strategiche”, ha detto. In particolare, almeno il 20% degli elettori si astiene dalle assemblee pubbliche “, Riduce il numero dei voti da consolidare, osserva Jean-Louis Barrea. Il vero ostacolo è l’accordo firmato al momento della fusione”. Uguaglianza di poteri Tra i rappresentanti delle due parti in qualità di presidente del comitato. Questa clausola è temporanea e scade con l’inizio dell’Assemblea generale di maggio 2021.

READ  Viaggi in TGV all'italiana tra Parigi e Lione: 23 euro con posto

“Vogliono rompere il nostro modello”

Alla riunione salì al potere la dinastia dei Del Vecchio. Gli azionisti hanno rinnovato il gruppo, che presto ha dato pieni poteri al figlio del miliardario, Francesco Miller. L’italiano, che è stato nominato amministratore delegato di EssilorLuxottica, ha spinto il copresidente francese al secondo posto. Come hanno detto EchiMilleri è stato successivamente aggiunto come CEO della filiale di Essilor. E gli italiani hanno preso dieci delle dodici posizioni di direttore del consiglio, e fino ad allora hanno tenuto un duo francese. “ Sapevamo che avrebbero preso il potere, ma non ci aspettavamo così tanta violenza , sottolinea Jean-Louis Pareo.

I sindacati avvertono della minaccia che questo cambiamento potrebbe rappresentare la cultura aziendale di Essilor. ” Vogliono infrangere il nostro modello e andare a caccia di streghe, Il rappresentante della CFDT era preoccupato. Con noi le decisioni vengono prese collettivamente, mentre Luxottica opera in maniera molto ripida intorno al Vecio Secondo il management, l’arrivo degli italiani è stato accompagnato da un forte aumento dei pagamenti agli azionisti: questi ultimi hanno condiviso 7 887 milioni nel 2019, ovvero il 50% dell’utile netto dello scorso anno. Votato Quasi un miliardo di euro di dividendi.

I rappresentanti del personale sono anche preoccupati per la crescita delle riserve della squadra in Francia, dove lavorano oggi. 4.500 persone , riferisce Jean-Louis Barrea. ” Si ritiene che ci saranno azioni e trasferimenti di lavoro in Italia Aggiorna il CFDT selezionato. La sede, che impiega 650 persone, rischia di diventare una semplice cassetta delle lettere “Secondo Franோois Lewk, professore di economia alla BSL University, Mine Baristech, la complementarità tra le due parti dovrebbe evitare un cambiamento improvviso”. Non è che Laxmotica abbia acquistato un produttore di cornici, è una concorrenza diretta con esso. L’azienda è interessata a continuare ad investire in dimensioni tecniche e lenti regolabili », analizza l’analista. A livello di indice, la filiale francese potrebbe presto essere pienamente integrata nel gruppo: ” Anche se il marchio rimane così, Esler scomparirà come azienda a sé stante “, si aspetta il ramo tennistico.

READ  Limoges: a completare lo staff un tecnico italiano e un trainer tedesco

Tuttavia, il produttore di vetro viene aggiunto all’elenco dei forti industriali francesi È andato sotto la bandiera straniera. Il suo destino ricorda particolarmente quello di Lafarge: dopo la fusione con la società svizzera Holcim nel 2015, la sede di Cement in Francia ha chiuso i battenti e il nuovo gruppo è stato ribattezzato per portare solo il marchio svizzero. ” La fusione dei coetanei è come la storia di un pastore che incontra un principe e nessuno ci crede, solleva François Lévêque. Tra l’altro è difficile per una squadra lasciare così tanto spazio ai leader da una parte e dall’altra “. Ultimo collegamento fino ad oggi: la francese PSA e l’italiana Fiat Chrysler hanno formato la European Automotive Company nel gennaio 2021. Finalmente un matrimonio felice?

Per saperne di più:Gli svizzeri seppelliscono Holcim Lafarge: la Francia uccide ancora una volta un bracconiere straniero