Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

COI: La salute dell’Indiaoceania al centro degli scambi – Internazionali

Dal 28 novembre al 2 dicembre si sono riuniti una cinquantina di rappresentanti dei paesi membri del CIO, del SEGA Network – One Health, dell’Unità di monitoraggio della salute del CIO e di partner istituzionali e tecnici. L’obiettivo di questa settimana di scambi era duplice. Inizialmente si è svolta una discussione tecnica su temi di grande importanza, prima di passare ai risultati dello scorso anno, alle esigenze degli Stati membri e alla programmazione per il prossimo biennio.

La rete SEGA – One Health, che comprende più di 300 operatori sanitari dell’Indianoceania, è una piattaforma di riferimento per le collaborazioni sanitarie, sostenendo l’approccio One Health: ” [La COI] Forti di un innovativo approccio globale alla salute pubblica, integrando la salute umana, animale e ambientale in un “ solo salute E questo, a fronte del difficile contesto sanitario aggravato dalla pandemia di Covid-19, per non parlare degli attuali nuovi rischi per la salute legati al cambiamento climatico. Ha convocato il Generale Richard Rakotonirina, Ministro della Difesa Nazionale, Ministro facente funzione degli Affari Esteri e Presidente del Consiglio dei Ministri del Comitato Olimpico Internazionale.

Mantenere una maggiore sorveglianza e capacità di risposta in faccia

Dal 2009, la rete SEGA – One Health ha rafforzato le capacità di monitoraggio e risposta in Indianoceania. Questo coupel è stata l’occasione per dimostrare i benefici tangibili di questa piattaforma regionale, in particolare per il 2022: risposta al COVID-19, rafforzamento della sorveglianza degli insetti, creazione di piattaforme nazionali One Health, digitalizzazione della sorveglianza, formazione in epidemiologia sul campo, biosicurezza di laboratorio e biosicurezza, sorveglianza della comunità, ecc.

« Le malattie con il potenziale di causare epidemie continuano a far parte della vita quotidiana della popolazione. Covid-19, malaria, virus degli artropodi o malattie sensibili al clima […]. Per questo “dobbiamo mantenere la nostra vigilanza e migliorare la nostra capacità di risposta. Nelle parole del Ministro della Salute Pubblica del Madagascar, Prof. Dr. Zely Arivelo Randriamanantany.

READ  Salute: batteri intestinali implicati nella depressione?

Si tratta, infatti, di rafforzare la resilienza dell’Indianoceania preparandosi meglio alle sfide sanitarie. A proposito di Mathieu Thenesy, vicedirettore dell’AFD per Mauritius e Seychelles: “ Imparare a gestire le pandemie significa anche imporre un approccio regionale collettivo, riconoscendo una certa confluenza di vulnerabilità […]. L’esperienza di dengue, Chikugunya o Zika, che ha dimostrato che i virus non conoscono confini umani, ha portato così il COI a costruire il SEGA Network – One Health, la cui presenza si è rivelata così importante al momento dell’insorgere del Covid-19. »

Anche il segretario generale del Comitato olimpico internazionale, il professor Philidome Marimoto, ha sottolineato che la salute pubblica è un prerequisito per lo sviluppo sostenibile nella regione: “ Lavorando per migliorare la salute dell’Indianoceania, contribuiamo anche alla sicurezza alimentare e nutrizionale, all’economia, all’istruzione e alla formazione, all’innovazione, all’adattamento ai cambiamenti climatici e molto altro! […] La salute è un bene pubblico globale al centro della nostra resilienza. »

Resistenza agli antibiotici, malattie non trasmissibili, malattie sensibili al clima e ricerca operativa

La rete SEGA – One Health è incentrata su diversi poli tematici di eccellenza, e garantisce l’adeguatezza dei suoi campi di attività, tenendo conto dei temi prioritari di interesse per gli Stati membri del CIO, al fine di garantire una risposta integrata. L’approccio integrato […] Sviluppato nel 2022 […] Ampliando le aree di intervento: malattie non trasmissibili, salute delle piante e ricerca operativa dopo aver integrato per due anni il cambiamento climatico e i suoi impatti sulla salute”, ha osservato Anna Cichuka della Delegazione Ue in Madagascar e Comore.

Le raccomandazioni emesse durante questi incontri consentiranno quindi di identificare le attività prioritarie da implementare per i prossimi anni, sviluppando al contempo la ricerca operativa e un framework per il monitoraggio e la valutazione della rete SEGA – One Health. Questo framework consentirà, tra l’altro, di valutare i risultati ottenuti dall’inizio del SEGA Network – One Health.

READ  In Indre, la Sanità Pubblica dichiara di riorganizzare l'offerta di cure

Il controllo delle malattie non trasmissibili (NCD) sarà rafforzato integrando questo argomento nella formazione FETP e anche migliorando gli strumenti per ottenere statistiche affidabili e regolari tramite il programma DHIS2 (nota: la gestione delle informazioni sanitarie già utilizzata dagli Stati membri) o mediante la ricerca-azione . Inoltre, è stato annunciato un invito alla prevenzione primaria per ridurre i fattori di rischio, in particolare il diabete.

Anche la lotta contro la resistenza agli antibiotici ha attirato l’attenzione dei partecipanti. Oltre alla sorveglianza di laboratorio, vi è, tra l’altro, la prevenzione e il controllo delle infezioni negli ospedali, il rafforzamento delle capacità, la consapevolezza dell’uso corretto degli antibiotici, nonché una migliore comunicazione del rischio (advocacy).

In termini di rischio vettore, l’obiettivo sarà multiplo: rafforzare le capacità di controllo del vettore a livello regionale e attivare la sorveglianza entomologica nelle Comore, in Madagascar e alle Seychelles, nonché monitorare la resistenza delle zanzare agli insetticidi.

La formazione regionale, le attrezzature, la diffusione delle competenze, il seminario regionale e la simulazione delle crisi sono tutti mezzi che verranno utilizzati per raggiungere questo obiettivo.

Per le sindromi e le malattie sensibili al clima, l’accento sarà posto sulla raccolta, l’analisi e lo sfruttamento dei dati relativi alle malattie collegati ai dati climatici. Questo tema sarà affrontato in particolare dalla ricerca operativa con l’obiettivo di ottenere, tra l’altro, strumenti previsionali. Il SEGA – One Health Network svilupperà manuali tecnici e documenti di advocacy su misure proattive e di risposta da pubblicare in risposta ai rischi per la salute legati al clima. Ciò è in linea con il contesto nazionale e regionale.

Oltre alla formazione tematica e al previsto potenziamento delle capacità, sono state annunciate altre prospettive per migliorare lo scambio di informazioni, competenze ed esperienze: cooperazione con altre reti regionali di sorveglianza e risposta, in un quadro di integrazione e in conformità con il concetto di salute globale, e infine l’organizzazione della One Health International Conference.

READ  Il Ministero della Salute innova attraverso l'istituzione del Fondo Nazionale di Assicurazione Malattia

Le attività della rete SEGA – One Health, inizialmente previste per la fine del 2023, dovrebbero estendersi fino a dicembre 2024.