Attualità Cava de' Tirreni Europa e Mondo EVIDENZA Salerno

CodeWeek 2016, le scuole riscoprono la robotica

In svolgimento fino al prossimo 23 ottobre, la settimana europea della programmazione, Europe Code Week, giunta alla quarta edizione.

Migliaia di eventi in ogni parte d’Europa per offrire a giovani e giovanissimi l’opportunita’ di iniziare a programmare! Non si trattera’ di semplici seminari, ma di vere e proprie esperienze di programmazione, che consentiranno anche ai piu’ piccoli di divertirsi in modo costruttivo vedendo le proprie idee prendere forma. I materiali e i metodi sperimentati nel corso del CodeWeek resteranno a disposizione di chiunque voglia utilizzarli ed estenderli.

Un’esperienza che sta coinvolgendo alunni, genitori e docenti di molte scuole d’Italia, dalle primarie alle secondarie.

Oggi, il Code Week ha fatto tappa anche in alcune scuole di Cava de’ Tirreni tra cui l’Istituto Comprensivo “Carducci-Trezza” ed il 3° Circolo Didattico. Bambini e bambine dai 6 anni un su che hanno potuto sperimentare, capire e toccare con mano la robotica, la programmazione elettronica ed informatica.

codeweek carducci trezza
Un momento del CodeWeek alla “Carducci-Trezza”

L’esperienza della “Carducci Trezza”

In particolare, Filomena Adinolfi, Dirigente Scolastico della “Carducci – Trezza”, ci ha segnalato anche un bel momento di educazione tra studenti [in foto]. “Gli alunni di 2^B che lo scorso anno hanno sperimentato il coding in classe partecipando anche al concorso CodiAmo, con una “Menzione d’onore” – spiega la Dirigente – hanno presentato alla platea e agli alunni di 1^A, nuovi a questa esperienza, il gioco “Prendildino” da loro ideato in occasione del progetto CodiAmo e illustrato il programma Scratch”.

La formazione al 3° Circolo didattico.

Al 3° Circolo didattico invece, i bambini hanno avuto modo di osservare e comandare un piccolo giocattolo con l’aiuto del personale tecnico presente per l’occasione. In altre aule è poi una serie di giochi usando le lavagne elettroniche installate nelle singole aule. Un percorso di un’ora, vari step per “comandare” il proprio avatar e fargli raggiungere un obiettivo, o meglio, vari obiettivi. Al termine poi, il “Certificate of Completion” per aver completato il percorso “the hour of code”.

Tanti gli obiettivi da raggiungere, semplicemente giocando

L’iniziativa ha avuto vari obiettivi, la maggior parte raggiunti grazie agli alunni, al personale docente, ma anche alla presenza dei genitori. Tra i vari lo sviluppo di un pensiero computazionale come ad esempio, l’uso di una scacchiera proiettata su di un pavimento ed i ragazzi mossi grazie ai comandi dati sul video proiettore.

Tags
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi