Cinema Cultura e Spettacolo Eventi Moda

Cinema: #IlDiavoloVestePrada, compie 10 anni

Il 30 giugno del 2006, usciva nelle sale americane, una delle commedie più chiacchierate e ancora amate del cinema : Il diavolo veste Prada. L’industria del fashion è messa al centro di una scintillante storia, tra passerelle, shooting fotografici, cambi di look, che attenzione non vogliono osannarla, anzi, ne sottolineano il carattere fortemente mediatico; il modo in cui la moda influisca sulla vita delle persone, comprese quelle che ci lavorano nel campo modaiolo. Il film prende spunto e rivoluziona il best seller “Chick lit” di Lauren Weisberger. Romanzo che scrive dopo aver lavorato a Vogue America e aver avuto come direttrice Anna Wintour. L’esperienza scritta nel 2003 vende milioni di copie, e attirerà l’attenzione del regista del film David Frankel che lo rende un successo di 326 milioni di dollari al box office.

Andy (Anne Hathaway) must multi-task to keep up with the demands of her magazine editor boss. PHOTOGRAPHS TO BE USED SOLELY FOR ADVERTISING, PROMOTION, PUBLICITY OR REVIEWS OF THIS SPECIFIC MOTION PICTURE AND TO REMAIN THE PROPERTY OF THE STUDIO. NOT FOR SALE OR REDISTRIBUTION.

La trama gira intorno alla rivista di moda Runway e la sua direttrice Miranda Priestlypersonaggio reso celebre grazie alla magistrale interpretazione di una delle icone del cinema hollywoodiano: Meryl Streep, che vinse il Golden Globes per questa pellicola e ottenne una delle sue tante candidature agli Oscar come miglior attrice protagonista. Il diavolo veste Prada, è stato un ottimo trampolino di lancio per una giovanissima Anne Hathaway, che ha saputo affiancare la Streep insieme ad Emily Blunt e Stanley Tucci. 

 

 

ildiavolovesteprada

Andrea Sachs (Anne Hathaway), neo-laureata in cerca di lavoro a New York, accetta l’impiego come assistente di Miranda Priestly (Meryl Streep), la spietata e gelida direttrice dell’influente rivista americana Runway che trasforma la sua ascesa nel giornalismo in un viaggio di sola andata per l’inferno, utilizzandola prima come tutto fare e poi successivamente, resasi conto del suo potenziale la butta a capofitto nel mondo della moda.

 

Ma perchè tanto successo? Ci sono stati ingredienti fondamentali che hanno reso perfetta questa ricetta.

A co73c31cdc-167a-41dd-a8b2-45f513f6c0f6minciare dalla scelta della costumista, Patricia Field che è stata la stessa per Sex and the City, facendo indossare soprattutto a Meryl Streep abiti favolosi, e potendo vantare nel guardaroba del film firme come Valentino ( che tra l’altro compare in una delle scene del film durante la fashion week di Parigi) e Vivienne Westwood ; donando così un vero tocco glamour, per un film stiloso dal primo all’ultimo ciak.

 

Ancora,devil-wears-prada-nigel-fashion-closet-shk vogliamo parlare della colonna sonora? Quale canzone migliore se non quella di Madonna “Vogue”,utilizzata in un momento cruciale del film: la trasformazione da brutto anatroccolo allergico alla moda di Andrea ad opera di Nigel ( Stanley Tucci), a donna di classe che cura il suo aspetto.

 

Il tutto ben condito di uno humour cinico che diventa nel tempo uno dei principali tratti distintivi della pellicola di David Frankel. La brillante sceneggiatura di Aline Brosh McKenna amplia il lato umoristico del romanzo. I personaggi non si curano dei sentimenti dell’interlocutore e sono diabolicamente disposti a dire tutto quello che gli passa per la testa: “Mi sono detta coraggio, assumi la ragazza sveglia e grassa”, afferma Miranda Priestly riferendosi ad Andrea, senza batter ciglio davanti a lei. Il diavolo veste Prada diverte con battute taglienti ma non sfiora mai il cattivo gusto. L’offesa diventa un pretesto per ridere con un pizzico di sana, diabolica ironia.

Beh cosa devo dirvi di più? Non resta che andarlo a vedere, e come direbbe Miranda…

giphy

 

 

 

 

 

 

 

 

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi