Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ciclismo: l’italiano David Rebellin muore dopo essere stato investito da un camion

David Rebellin, “Born to Pedal”, è morto mercoledì in Italia dopo essere stato investito da un camion all’età di 51 anni mentre andava in pensione.

L’italiano, che è stato secondo olimpico nel ciclismo su strada a Pechino nel 2008 prima di essere superato dalle accuse di doping e privato della sua medaglia, è stato a lungo creduto che non avrebbe smesso di correre.

Questo diminutivo con il temperamento di un uccello appassionato, testardo e senza piume ha corso gare di tutto rispetto con la sua squadra di terza divisione negli ultimi anni.

“Mia moglie mi dice spesso che sono nato per pedalare. Mi vedo pedalare di notte anche quando dormo”, ha detto un giorno in un’intervista al sito specializzato Velo-Club.net.

Philippe Brunel: “Penso che continuerà a pedalare per il resto della sua vita, magari da solo sulla sua bici, è lì che si sente meglio… si sente meglio degli uomini”.

Mantieni la calma David Rebellin?pic.twitter.com/6gLKfjUV6O

— Florian Pigeon (@Flopigeon) 30 novembre 2022

Si è finalmente licenziato un mese fa alla Veneto Classica dopo trenta gare stagionali, segnate da una serie di vittorie importanti tra cui una splendida tripletta nelle Ardenne (Liège-Bastogne-Liège, Flèche wallonne, Amstel Gold Race). 2004.

Mercoledì, nel comune di Montebello Vicentino in Veneto (nord-est), la piccola fatalità è stata definitiva quando è stato investito da un camion che non si era fermato all’uscita da una rotonda. conosceva l’impatto.

David Rebellin è morto sul colpo.

Sui social molti corridori hanno reso omaggio all’italiano, che per molti di loro avrebbe potuto essere il padre.

READ  Les misters dun oratorio italien exhumé de la bibliothèque de Lyon

“Non ci posso credere. David Rebellin era con noi domenica sera a Monaco e ha persino celebrato la sua lunga carriera alla cena di gala”, ha risposto John Lelangu, direttore generale del Gruppo Lotto a Monte-Carlo Criterion. .

“Dolore infinito”

Il direttore del Tour de France Christian Prudhomme ricorda di aver stretto la mano all’italiano in questa occasione.

“Oggi è un giorno di infinita tristezza per chi ama il ciclismo”, hanno risposto gli organizzatori del Giro d’Italia.

Questo triste risultato suggella un destino al di là delle vittorie – Liegi-Bastogne-Liegi, tre volte Walloon Flache, Amstel Gold Race, Classica San Sebastián, Parigi-Nizza, Tirreno-Adriatico – il doping è segnato.

Bandito per due anni dopo essere risultato positivo all’EPO diversi mesi dopo le Olimpiadi di Pechino, Rebellin è diventato da tempo una figura rara nella società.

Sono paradossale, più invecchio e più mi sento giovane

“Mi ha infastidito di più nella mia vita”, ha spiegato ad AFP nel 2016. “Dopo la mia squalifica sono ripartito nelle squadre minori perché la porta era chiusa ovunque, soprattutto negli impianti più grandi”.

Tuttavia, nel corso degli anni, è riuscito gradualmente a liberarsi di quell’etichetta trascurata per guadagnarsi il rispetto attraverso la sua passione per il ciclismo e la sua compassione.

L’italiano ha spiegato la sua straordinaria longevità, il suo gusto per la fatica e l’allenamento, il suo stile di vita – carne rossa, dieta senza glutine – ma soprattutto la sua passione è rimasta la stessa o è decuplicata negli anni.

Devastato dalla morte di David Rebel, un uomo semplice e molto comprensivo con cui abbiamo condiviso molte battaglie e tappe durante la sua lunghissima carriera.

Un grande abbraccio a tutti i tuoi cari. essere in pace pic.twitter.com/kD0NBeJFA0

— Team Movistar (@Movistar_Team) 30 novembre 2022

“Sono paradossale, più avanzo negli anni, più mi sento giovane”, ha detto il già 33enne quando ha realizzato la sua famosa tripletta nelle Ardenne, un’impresa che solo il belga Philippe Gilbert poteva fare. Torna nel 2011.

READ  Capsula linguistica franco-italiana: Le saccarosio e le massepain

Rebellin è stato fermato per la prima volta nel 2021. Ma l’italiano ha spiegato di non voler aggrapparsi all’infortunio dopo aver subito una doppia frattura della tibia del perone dopo una pesante caduta.

Ha continuato per un’altra stagione fino a quando il suo destino è cambiato sulle strade di Montebello Vicentino mercoledì.