Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ci sono anche persone nuove”


Johan van Loon di ACV Puls/CNE osserva che l’incertezza che circonda il futuro della catena di supermercati Makro Cash & Carry Belgio sta tenendo lontani i fornitori e molti scaffali rimangono vuoti. Erano soprattutto prodotti freschi che dovevano essere trasportati ogni giorno, ha detto.

Il CEO Vincent Nolf sottolinea i problemi di approvvigionamento, ma osserva che la maggiore carenza di frutta e verdura è stata risolta lunedì.

Ai primi di settembre la società ha presentato istanza di riorganizzazione giudiziaria. Il tribunale della società deve ancora pronunciarsi, ma i fornitori sembrano scettici. Sia i dipendenti che i clienti sono seccati di trovarsi davanti a scaffali vuoti. Lo scorso fine settimana il Makro di Machelen ha dovuto chiudere. Lunedì, sei macro in Belgio sono state aperte bene, secondo Van Loon. Lo ha confermato l’amministratore delegato.

Ma i clienti potrebbero non tornare e la catena potrebbe avere problemi ancora più grandi. La situazione può interessare anche entità del gruppo finanziariamente solide, come il distributore Horeca Metro. E assicura il rappresentante dell’Unione Cristiana: «Anche qui gli scaffali sono tutt’altro che pieni, mentre i professionisti vengono proprio lì per i prodotti freschi».

Effetto collaterale inaspettato

A causa dell’interesse generato dalla modalità della catena, molti clienti si sono riversati nei negozi Makro. Paradossalmente, quando sappiamo che molti scaffali sono ancora vuoti.

“Vediamo tornare clienti che non sono qui da molto tempo, ma ora stanno tornando a fare acquisti. La maggior parte di loro è alla ricerca di buoni affari”, dice un dipendente ai nostri colleghi di Nieuwsblad, spiegando che la maggior parte di loro sono alla ricerca di buoni affari Tuttavia, secondo lo staff, non ci sono ulteriori azioni o promozioni in agenda.

Richiesta accettata

La catena di supermercati ha dichiarato mercoledì che un tribunale aziendale di Anversa mercoledì ha accettato la richiesta della Macro Cash & Carry con sede in Belgio di aprire una procedura per la riorganizzazione giudiziaria trasferendo le attività sotto giurisdizione.

La società aveva annunciato la presentazione di tale richiesta il primo di settembre a causa delle difficoltà finanziarie che sta affrontando. La procedura consente di trasferire in tutto o in parte le attività dell’impresa ad altro soggetto e tutelare l’occupazione in attività redditizie.

Makro Cash & Carry Belgio aggiunge che “molti soggetti seri” hanno espresso interesse ad acquisire attività metropolitane e alcune attività per macro o macro negozi.

Il tribunale ha ora nominato un procuratore d’ufficio incaricato di gestire le fasi relative al trasferimento di attività redditizie, compresi i beni e il personale coinvolti.

Makro Cash & Carry Belgio ha 17 negozi in Belgio: 11 metro e 6 macro. Nel gruppo lavorano circa 2.000 persone.

I 17 negozi del marchio, da decenni di proprietà del gruppo tedesco Metro AG, sono stati venduti lo scorso giugno alla holding Bronze Properties.

READ  Sandro "scioccato" dalla differenza di prezzo tra CNG in Belgio e Germania: perché qui costa 4 volte di più?