Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chu ripensa al suo terribile incidente: “Non capisco come ne sono uscito con così pochi postumi”.

In questo imponente incidente, l’aureola, introdotta nel 2018, ha dimostrato ancora una volta la sua efficacia proteggendo la testa del pilota Alfa Romeo. La cellula di sopravvivenza ha svolto perfettamente il suo ruolo di protezione. Ma nonostante gli enormi miglioramenti, alcuni incidenti ci permettono di identificare i difetti. In questo caso il problema è dove l’auto ha terminato la sua corsa, incastrata tra la parete del pneumatico e il parafango. Quindi Zhou non è stato in grado di scendere dalla sua auto da solo e la situazione sarebbe potuta diventare catastrofica se l’auto a un posto avesse preso fuoco, per esempio. Pertanto, il miglioramento della sicurezza implica anche l’adattamento di alcuni aspetti dei circuiti.

“Quando ripenso all’incidente, penso tra me e me che sono stato abbastanza fortunato che la corona mi ha salvato la vita quando stavo scivolando sull’asfalto, I cinesi continuano. Tuttavia, non mi sono reso subito conto di essere rimasto bloccato tra la parete del pneumatico e il parafango. Durante tutto il lavoro di estrazione non capivo affatto dove mi trovassi. L’ho capito solo quando sono arrivato al centro medico. Una volta terminate le prime audizioni, ho chiesto di vedere il replay per capire cosa fosse successo.

READ  'Royal Road' alle semifinali di Wimbledon: ora tocca a David Goffin o no?