Dicembre 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Christoph Rudhoft, mangia Alpecin-Deceuninck e Van der Poel: “Il World Tour è la nostra più grande vittoria”

Strada, ciclocross, mountain bike e ora gravel: Mathieu van der Poel fa tutto e il team Alpecin-Deceuninck gli offre il posto da sogno per usare la sua libertà su tutti i terreni. Nato nell’aratro belga alla fine degli anni 2000, l’Hulk dei fratelli Christophe e Philipp Rudhoft, che guidano anche la squadra gemella Blantor-Bora nelle file femminili, è cresciuto con la sua superstar olandese per ampliare i suoi orizzonti. Quattro anni fa, è entrata a far parte del circuito Continental Pro su strada. Con i successi nelle gare più importanti, l’Alpecin-Deceuninck si è affermato tra le prime dieci squadre del mondo e ora farà il giro del mondo, come confermato dal suo direttore Christoph Rudhoft.

Sei uscito dai sentieri battuti lo scorso fine settimana partecipando al tuo primo campionato mondiale di ghiaia. Come è successo ?

Ciclismo

Beffardo “Anni di doping”, Evenepoel-Pogacar e sicurezza … Fritsch valuta 2022

19 ore fa

Christoph Rudhoft: Poiché il nostro team fa sempre molto ‘fuoristrada’, volevamo essere presenti in questi primi mondi. È qualcosa di nuovo, è stato bello. Con i nostri corridori dovevamo essere ambiziosi [Gianni Vermeersch s’est imposé dans la course masculine et Van der Poel a pris la 3e place]. Non era molto tecnico ma è bastato per dare loro un piccolo vantaggio e alla fine la vittoria è stata relativamente semplice.

Nel frattempo, il Peloton World Tour stava gareggiando nell’ultimo memoriale della stagione, il Lombardia Tour. Cosa dice l’essere sulla ghiaia della tua filosofia di squadra?

Record commerciale: Sai, stavamo correndo anche negli Stati Uniti contemporaneamente per l’apertura della coppa del mondo di ciclocross e in Grecia per la mountain bike. Non è una novità, abbiamo sempre lavorato così, siamo sempre molto impegnati.

READ  Nicola Raskin in Qatar? "Ho il diritto di pensarci, soprattutto perché altri sono tornati indietro quando non hanno giocato molte partite"

On the road la stagione è finita e tu sei 9° nella classifica mondiale UCI. Qual è la tua valutazione dell’anno?

Record commerciale: Penso che possiamo essere felici. Avremmo potuto vincere qualche gara in più, ma è così e ora abbiamo 30 vittorie con gare di qualità. Non era un Grand Cru ma era comunque molto buono.

Non è una grande idea ai tuoi occhi ma è il miglior risultato tra le squadre che non fanno parte del World Tour…

Record commerciale: Pro Conti o World Tour, siamo una squadra di ciclismo. Non cambia le nostre ambizioni, stiamo comunque cercando di vincere e fare la nostra gara, non quella degli altri.

Un giorno ci siamo detti ridendo: “Vorremmo andare al Tour de France”.

Nella classifica dei tre anni, che determina promozioni e retrocessioni per il World Tour, sei tra i primi dieci (8° prima degli eventi recenti, questa settimana e questo fine settimana). Confermi che richiederai una licenza all’UCI?

Record commerciale: Abbiamo effettuato l’ordine l’anno scorso e siamo in tempo! Oggi siamo quasi obbligati a fare questa richiesta. Non ha senso rimanere professionali. Vogliamo anche fare bene per i nostri partner e portarli al World Tour. Se vuoi essere preso sul serio, è naturale che giochi in prima divisione. Faremo più o meno lo stesso programma, c’è solo il Tour de Romandie e Dauphiné che non abbiamo fatto. Potrebbe averci dato un piccolo vantaggio, con più comfort, ma non fa una grande differenza.

La tua promozione al World Tour è il risultato di una corsa a punti. Ti sei concentrato su questo problema?

Record commerciale: Ci siamo guardati nel primo anno, e quando arrivano i risultati, arrivano i punti. È stato giocato per tre anni, in un modo o nell’altro. Quando hai i risultati di tre anni, hai i tuoi punti. Al contrario, una squadra come Lotto, penso che abbia avuto un buon 2022 ma gli anni precedenti sono stati meno buoni. Non puoi passare tre anni in uno.

21a tappa di Philipsen, Glory Vingegaard: l’arrivo del Tour sugli Champs-Elysees

Cosa significa vincere un posto nel tuo tour mondiale su strada?

Record commerciale: Cinque anni fa eravamo una squadra continentale. Poi siamo diventati professionisti ed eccoci in un tour mondiale. Penso che questa sia la nostra più grande vittoria per me e mio fratello. La squadra ci appartiene e lo facciamo insieme.

Hai sempre sognato di girare il mondo?

Record commerciale: No ! Avevamo una squadra di ciclocross e un giorno ci siamo detti: “Vorremmo andare al Tour de France”, ridendo. Ma non abbiamo mai avuto l’ambizione di fare quello che stiamo facendo ora. Eravamo felici al Cyclo Cross.

Matthew van der Poel come gli altri

La squadra ha raggiunto la maturità? Qual è l’ambizione adesso?

Record commerciale: Per continuare, sarà già abbastanza difficile! Mi sembra che raggiungere risultati come quelli che abbiamo ora sia un’ambizione piuttosto grande. Vogliamo continuare sulla stessa linea, nelle classiche e nelle tappe delle gare maggiori.

E per Matthew van der Poel, quali sono gli obiettivi principali per la prossima stagione?

Record commerciale: Giro delle Fiandre e Parigi-Roubaix ad inizio stagione. Per il resto, vedremo.

Risultato incredibile: Van der Poel ancora incoronato, Poujacar intrappolato, Maduas sul podio

In precedenza, dove lo vedremo durante la stagione del ciclocross?

Record commerciale: Si riprenderà alla fine di novembre o all’inizio di dicembre e non sappiamo ancora in quale evento. Poi farà 10 o 15 passaggi di turno e finirà ai Mondiali di Hoogerheide dove andrà con grandi ambizioni, questo è chiaro.

Van der Poel quest’anno ha visto alti e bassi in termini di prestazioni, con un periodo difficile. Cosa hai imparato con lui?

Record commerciale: Non tanto. Matteo è come gli altri. Tutti ne parlano ma lui semplicemente non era al suo meglio.

Quindi continuerai sulla stessa linea l’anno prossimo?

Record commerciale: naturalmente. perché no ? Tutti dicono che ha commesso un errore ma nessuno può sapere esattamente di cosa si tratta.

Lo vediamo radunare su tutti i terreni. Quali sono le priorità per i prossimi due anni?

Record commerciale: La strada ovviamente così come le Olimpiadi di Parigi. Ha anche diverse gare che vuole vincere nei prossimi quattro o cinque anni: Milano-Sanremo, Parigi-Roubaix, le Olimpiadi della mountain bike. Potrebbe non funzionare affatto, ma vedremo.

Ciclismo

Fritsch: “Buono questo sistema di promozione…ma non diamoci la mano”

un giorno fa

Giro di Francia

Pogacar, è tempo di introspezione: “Sono contento di aver perso”

Ieri alle 16:13